Anticipazioni

Suzuki RM-Z 250 2019: nuovo telaio, e non solo

- Cambia nel telaio e nel forcellone la 250 Suzuki da cross. Evoluzione anche nel motore, e sovrastrutture derivate dalla RM-Z 450 con parafango a becco

La produzione della RM-Z 250 2019 prenderà il via nel mese di dicembre, e le prime consegne avverranno all’inizio del nuovo anno. Suzuki intanto ha mostrato le prime immagini e svelato le prime novità della sua quarto di litro. La nuova RM-Z 250 2019 vanta i maggiori progressi sul fronte della guidabilità e della rapidità in curva, e Il merito va al nuovo telaio in alluminio (più rigido del 10%, e con il motore posizionato più in alto) e al forcellone idroformato a sezione variabile, pure di nuova progettazione. Completamente riprogettato, naturalmente, anche il telaietto reggisella.

L’assetto è frutto di un’accurata messa a punto, inoltre la forcella adotta nuove molle: la rigidità di tutta la ciclistica è ottimizzata per una maggiore precisione di guida su ogni terreno, ottenuta adottando anche nuovi pneumatici Dunlop MX33. L’impianto frenante è stato potenziato grazie al disco anteriore maggiorato (270mm contro i 250 precedenti) e alle pastiglie evolute.

Novità anche estetiche, perché le sovrastrutture ora sono derivate dalla RM-Z 450 2018, ed esprimono dinamismo. Il frontale è caratterizzato dal parafango a becco, che rappresenta un tratto distintivo mutuato dalla gloriosa stirpe delle off-road Suzuki degli anni 80. I vari elementi rendono la nuova RM-Z più snella e filante, assicurando una posizione di guida adatta a piloti di tutte le taglie. In particolare, il manubrio Renthal Fatbar in alluminio con la sua conformazione garantisce miglior controllo, e regala anche un tocco speciale al design.

Il monocilindrico a quattro tempi da 250 cc beneficia di importanti aggiornamenti a livello di aspirazione (camme dal profilo ridisegnato, condotti più rettilinei, cassa filtro modificato ma soprattutto alimentazione a due iniettori) e impianto di scarico, rivisto soprattutto nella parte interna del silenziatore. Gli interventi – assicurano i tecnici - si traducono in risposte più pronte all’acceleratore, in una coppia più elevata e una maggior potenza massima. Al di là dei valori assoluti (si dichiara un aumento della potenza massima pari al 5% e una maggior disponibilità di coppia su tutto l'arco di erogazione) questo motore Suzuki dispone di un’erogazione progressiva e lineare, l’ideale per mettere a proprio agio qualsiasi pilota e per consentire agli agonisti di esprimersi ai massimi livelli.

Per sfruttare al meglio in partenza tutto questo potenziale, è stato evoluto il sistema Suzuki Holeshot Assist Control (S-HAC); per tutte le altre situazioni di guida, Suzuki ha poi sviluppato un ingegnoso dispositivo di gestione della trazione, che regola la potenza erogata dal motore in base a parametri quali numero di giri, posizione dell’acceleratore e marcia inserita. Semplice e geniale, questo sistema migliora la motricità su ogni fondo e dà la possibilità a ciascun pilota di migliorare i suoi tempi sul giro rendendo anche la moto più divertente e facile da gestire.

Le consegne sono previste per l'inizio 2019

 

Commenti

Non è ancora presente nessun commento.
Inserisci il tuo commento

Nuovo: Suzuki RM 250 Z

Vedi tutti
Indietro Avanti

Usato: Suzuki RM 250 Z

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta