Storia della moto

Museo Officine Benelli: riapre sabato a Pesaro con la Collezione Morbidelli

- Sabato 29 maggio riapre ai visitatori il Museo Officine Benelli di Pesaro. Oltre alle moto già esposte prima del lockdown, ci sono i 71 esemplari provenienti dall'ex Museo Morbidelli e acquistati dall'ASI: compongono la Collezione Morbidelli

Le riaperture museali riguardano finalmente anche gli spazi dedicati alla storia della moto. Dopo quelli di Piaggio e Ducati riapre ora anche il Museo Officine Benelli di Pesaro.

L'apertura è fissata per sabato 29 maggio, alle ore 9, e poi sarà visitabile dal lunedì al sabato: dalle 9 alle 13 e dalle 16.30 alle 19. In occasione della “Stradomenica”, evento che si tiene a Pesaro ogni terza domenica del mese, il museo sarà aperto dalle 16 alle 19.
Eccezionalmente, dopo la riapertura di sabato, resterà aperto anche domenica 30 maggio, sempre dalle 16 alle 19.

La novità è nella Collezione Morbidelli: composta dalle 71 motociclette storiche acquistate da ASI sono temporaneamente ospitate al piano nobile dell’edificio di Viale Mameli.
Una nuova collezione che si aggiunge alle oltre 200 motociclette della produzione Benelli e MotoBì di cui si compone il percorso museale pesarese e che lo rendono uno dei poli più rappresentativi del motorismo storico italiano.

La Benelli 250 quattro cilindri con compressore (1942) della Collezione Morbidelli
La Benelli 250 quattro cilindri con compressore (1942) della Collezione Morbidelli

Non solo motociclette di inestimabile valore, ma anche esperienze interattive: al Museo Benelli sono presenti quattro totem multimediali e due maxi-schermi attraverso si possono consultare materiale inedito, documenti originali dell’epoca, fotografie e video relativi ai modelli di moto presenti al museo.
“Siamo davvero molto contenti di poter finalmente riaprire le porte del Museo Officine Benelli – sono le parole di Paolo Marchinelli, presidente del Registro Storico Benelli –. Quest’anno abbiamo anche l’onore di ospitare la storica Collezione Morbidelli, di cui ringraziamo l'ASI, che va ad arricchire e ad ampliare la nostra esposizione. Non vediamo l’ora di poter accogliere tutti i visitatori”.

In linea con le direttive disposte dal ministero della salute in materia di sicurezza, tutti i visitatori dovranno indossare la mascherina e utilizzare il gel igienizzante per le mani che troveranno all’ingresso.

Anche il personale del museo, a sua volta, sarà dotato dei dispositivi di protezione individuale. Gli ingressi saranno contingentati e sarà necessario mantenere la distanza di sicurezza tra i visitatori.

Per ogni informazione si può consultare il sito del museo.

  • MarcoG8661, Bordighera (IM)

    ...grande ASI....
Inserisci il tuo commento