test caschi

La prova del Caberg Modus Duale: comodo e ingegnoso

- Abbiamo provato il Caberg Modus Duale un casco modulare comodo e dalla ricercata tecnologia. Doppia visiera e un sistema di conversione da integrale a jet davvero ingegnoso. Unico neo: il peso
La prova del Caberg Modus Duale: comodo e ingegnoso


La primavera finalmente è arrivata e con il sole si salta in sella sia per andare al lavoro che per le prime gite al mare. E allora noi proviamo un casco pensato sia per gli spostamenti in città che per macinare chilometri durante il week-end. Il Caberg Modus Duale infatti è un casco modulare che può essere usato (ha la doppia omologazione) sia come un jet che come un integrale. Il vantaggio è chiaramente la versatilità di avere due caschi in uno con l'unica piccola pecca del peso che aumenta di qualche ettogrammo. Nello specifico il nostro Caberg Modus taglia "L" (59/60) sulla bilancia segna 1.730 grammi.


Da integrale a jet


La prima cosa che ci ha colpito è la semplicità di commutare da jet e a integrale il nostro casco. Il sistema di fissaggio "roto-traslativo" infatti ispira subito un senso di fiducia, a prova anche dei più scettici critici dei sistemi modulari. Il motivo è semplice: il bloccaggio nella posizione jet è garantito da un meccanismo che alla fine del movimento rotativo trasla in verticale scendendo si qualche centimetro. Al contrario, per sbloccarlo, è necessario prima sollevare la mentoniera (che automaticamente si sblocca) e poi ruotarla verso il basso. Questa soluzione, oltre a evitare chiusure accidentali durante la guida, riduce il profilo della mentoniera in modo minimizzare l'effetto vela nella posizione jet.

Sistema di ventilazione frontale
Sistema di ventilazione frontale


Ventilazione 


Se si decide di usare il Caberg Modus come integrale a garantire la ventilazione sono una fessura frontale e due estrattori sulla parte superiore della nuca. In aggiunta c'è anche una bocchetta sotto alla visiera. Nonostante le morbide e abbondanti imbottiture il Caberg Modus non risulta un casco soffocante, anzi anche in versione integrale e con lo stop-wind montato, molta aria filtra da sotto la mentoniera, cosa che nelle giornate invernali non è l'ideale per i più freddolosi.


Visiera


Passiamo alla visiera, anzi, alle visiere. Quella esterna trasparente è resistente ai graffi ed è dotata di doppia lente Pin Lock con bordi in silicone. Noi l'abbiamo testata in tutte le condizioni (caldo-freddo, giorno-notte, pioggia-sole) e non si è mai appannata. L'angolo di visuale è ampio e non abbiamo notato deformazioni neanche ai lati. La visiera interna parasole (UV 400) è molto protettiva anche se non eccessivamente scura. Il bordo inferiore, sagomato per non toccare il naso, crea un effetto leggermente deformante nella zona centrale, proprio a ridosso dell'incurvatura. La visiera parasole si alza e si abbassa grazie a un cursore nella parte superiore della calotta. La posizione centrale lo rende facilmente utilizzabile anche dai mancini. Va però segnalato che è molto difficile alzare la visiera parasole quando la mentoniera è sollevata perché l'accesso al cursore è reso complicato dalla visiera alzata. 

Visiera parasole
Visiera parasole

Anche per chi porta gli occhiali la calzata è molto comoda e le imbottiture, tagliate orizzontalmente a livello delle orecchie, accolgono le stanghette anche degli occhiali più grandi. Noi per esempio l'abbiamo provato con i RayBan Wayfarer, un occhiale di una certa stazza, e sia nella versione jet che in quella integrale non abbiamo avvertito nessun fastidio. Per pura curiosità abbiamo provato anche ad abbassare la visiera parasole e anche questa non toccava gli occhiali.


Materiali e sicurezza


La calotta esterna è modellata in materiali termoplastici ad alta resistenza agli impatti, l’interno, completamente amovibile e lavabile, è realizzato con imbottiture traspiranti ed i tessuti sono sottoposti a trattamento anti batterico e anti odore. I guanciali adottano una tecnologia 3D che consiste in imbottiture a doppia densità. Lo scopo è garantire al contempo confort e sicurezza.Il sistema di chiusura è affidato all'ormai diffusissimo sistema con fibbia a regolazione micrometrica.

Alloggiamento per il "Just Speak wireless"
Alloggiamento per il "Just Speak wireless"


Con la musica in testa


Il Modus è predisposto per il sistema di comunicazione Caberg Just Speak wireless, venduto separatamente. Noi non lo abbiamo testato ma l'apparato di ricezione Bluetooth A2DP permette di comunicare non solo con il proprio telefono cellulare e con il proprio passeggero, ma anche di collegarsi ad un navigatore satellitare ed ascoltare musica attraverso un lettore MP3.

 
Ci piace sottolineare che Caberg è una ditta italiana che produce in Italia (tanto per intenderci c'è un bel Made in Italy sulla calotta). Con questo non vogliamo dire che produrre all'estero sia sinonimo di scarsa qualità, ma la cura per i particolari, la scelta dei materiali e gli standard elevati nell'assemblaggio sono certamente un plus da non sottovalutare in questo Caberg. Il Modus Duale è disponibile nelle taglie XS, S, M, L, XL ad un prezzo consigliato di 329,90 euro (iva inclusa) per la versione bicolore che abbiamo testato o di 299,90 euro (iva inclusa) per quella monocromatica.


Marco Berti

  • alex46f, Milano (MI)

    very good

    Che dire questo casco Caberg come gli altri è molto bello, pieno di soluzioni ingegnose e comodo.
    L'unico appunto che farei alla caberg è quello di "colorare" un po' i suoi caschi e mettere qualche grafica più accattivante.
    Vanno bene la qualità, il confort e la tecnologia ma anche il design al giorno d'oggi vuole la sua parte!
    Secondo me se sviluppassero questo aspetto venderebbero molto di più!
Inserisci il tuo commento