eventi

Glemseck 101, il super raduno Cafè Racer raccontato da Free Spirits

- La pista tedesca di Solitude ha ospitato anche quest'anno Glemseck 101, il celebre raduno Café Racer arricchito di gare, moto e personaggi do ogni genere. Qui raccontato attraverso il diario dei ragazzi di Free Spirits
Glemseck 101, il super raduno Cafè Racer raccontato da Free Spirits


Glemseck, Germania - Per un week end all'anno questa piccola cittadina tedesca, a una decina di chilometri da Stoccarda, si trasforma nella patria delle motociclette in stile café racer ed è la più grande manifestazione europea – probabilmente mondiale - dedicata a questo stile nato in Inghilterra tra gli anni Sessanta e Settanta. 
L’evento “Glemseck101” si svolge sull'asfalto del vecchio circuito usato fino agli anni Sessanta, quello di Solitude. E' il paradiso delle café racer: moto a volte curiose ed originali, e spesso del tutto inutili, ma ce ne sono anche altre dalle quali copiare qualche soluzione.
Glemseck101 ospita i più prestigiosi marchi come Triumph, BMW, Kawasaki e quest’anno anche la Harley-Davidson, oltre a una miriade di customizzatori europei, e tra vari spettacoli, demo ride, musica dal vivo, presentazioni e ospiti (come i piloti del TT Conor Cummins e Guy Martin) è il posto dove poter incontrare persone di tutti i tipi.
A Glemseck101 i motociclisti si classificano in diverse categorie: i duri e puri con le loro customizzazioni estreme e i chili di troppo messi in risalto da evidenti tatuaggi (o anche in contrario), quelli che si adattano alla moda café racer molto rétro fatta di camice a quadri, ampi risvolti (alcuni ampissimi), coppola d'ordinanza, e infine gli sportivi agghindati in tute di pelle.


DIARIO DI VIAGGIO


Venerdì 30 agosto 
A Glemseck siamo arrivati ieri nel tardo pomeriggio. Sembrava fosse diventata una meta irraggiungibile perché gli ultimi venti chilometri li abbiamo percorsi in coda o a velocità molto ridotta.
Oliver è stato impeccabile nel farci trovare tutto pronto, anche le birre al Bier Garten. E detto tra noi, dopo l'ultima parte del viaggio ci voleva davvero!
Oltre a digerire le centinaia di fette di pane e tzatziki della cena greca di ieri, oggi sotto un sole dal calore inaspettato abbiamo allestito i nostri spazi: quello di Free Spirits ma anche di Moto Thiel e BritalMoto (rispettivamente le agenzie per Germania e Svizzera).

I primi biker si vedevano già nella tarda mattinata, già un incoraggiamento morale. L'afflusso però è iniziato a metà pomeriggio con le prime special sotto poderosi biker dai corni alti. Lo spazio del nostro stand è strategico, per il pubblico perché è lungo la strada che una volta fu lo storico circuito di Solitude, fronte palco e nel cuore di Glemseck. Ma lo è anche per noi perché è a due passi dall'hotel e ci facilita un sacco di cose che risparmiamo di dirvi.

Se il buongiorno si vede dal mattino, ovvero se come andrà la nostra trasferta in terra teutonica si vede da venerdì, allora Glemseck 101 2013 - Runde 8 si annuncia un successo! Infatti, l'afflusso di persone è stato davvero notevole se si pensa che è un giorno feriale e per domani ci viene naturale  aspettarci ancora più visitatori. Quelli incontrati oggi sono stati molto colpiti dalle nostre moto ed hanno scattato un sacco foto allo Sportster ed alle due Triumph Bonneville T12 e T12.2 Evo, all'Americana e all'ultima arrivata, la Scrambler SM, dove SM non sta per S.Marcello, anche se potrebbe essere adeguato, ma per Super Motard.
Se venerdì è stato così, domani il pubblico sarà ancora più numeroso, mentre per domenica invece si aspetta un po' ad acqua, ma noi siamo fiduciosi come sempre.
 
Sabato 31 agosto
Dopo qualche diverbio tecnologico con una connessione wi-fi eccessivamente lenta per le nostre necessità, molliamo quello che in Germania non ci aspettavamo così inferiore rispetto a casa nostra. Ci aspetta una nuova giornata e non possiamo farci intrattenere dalle promesse di tecnologie avanzate. Fuori dall'hotel l'asfalto del circuito non è proprio Solitude, anzi. Già a metà mattinata è difficile muoversi e ci arrivano voci che chi ha deciso di arrivare a Glemseck in auto non avrà vita facile per parcheggiare, mentre chi è in moto deve armarsi di santa pazienza. Ma siamo andati a vedere e sembra che per questi ultimi non sia affatto un problema, visto che sono tutti in fila e ingannano l'attesa spiandosi le moto e rispondendosi con ammiccamenti e segni d'intesa.

All'ora di pranzo sotto al palco vengono convocate le 32 motociclette che si sfideranno nella gara sprint. Guest stars della giornata, i piloti Guy Martin con  le sue basette, Conor Cummins con tutti i suoi centimetri e Nina Prinz con tutta la sua dolcezza.

Cummins è al via con la Buell XBR che abbiamo preparato e dobbiamo ammettere che una certa dose di tensione da prestazione cerchiamo di malcelarla dietro a sorrisi di circostanza. Il duo non è affatto male ma la concorrenza è davvero competitiva.
 

Le Pagelle della 101 Sprint International


La gara (voto 10) è sempre all'altezza delle aspettative. Sarà il circuito di Solitude (di notte, si dice, si sente ancora il rombo delle gare che furono, se ci si fa una certa attenzione, ma soprattutto se ci si fa un paio di birre in più), sarà la bellezza delle moto in gara, sarà che per far passare il tempo è un break di due ore elettrizzanti. Vuoi anche per quei giornalisti, accreditati ed infiltrati, che spingi spingi quasi arrivano a contare i tasselli delle moto che sfrecciano ad un palmo di naso da loro, per l'enorme gioia degli organizzatori e della sicurezza (voto 7 d'incoraggiamento), che chissà perché se la prende con gli italiani (voto 4) che non rispettano le istruzioni dichiarate in lingua locale, ovvero il teutonico.
Si capisce subito chi saranno i protagonisti. Uli con la sua Triumph è una scheggia e può contare su un tifo non indifferente, Marco Pucciarelli con la Ducati Permalosa va fortissimo, uno con la tuta dell'aeronautica di suo nonno ancora di più.

Marco Pucciarelli: voto 9
. La sua Permalosa non solo è bella ma va anche forte. Complimenti anche al suo manico, perché alla fine si arrende solo a quella donna di Nina Prinz.

Guy Martin: voto 11.
Le sue basette e la sua benedetta simpatia sono memorabili. Non altrettanto la figura di oggi. Lo chiamano per la gara e lui dorme sull'erba lungo la pista. Quando parte, si vede che non ha i riflessi ancora pronti e viene seminato. Nella seconda manche forse pensava ancora a che sogno stava facendo disteso sul prato e si dimentica si inserire la marcia.

Guy Martin
Guy Martin

Marcus Walz: voto 7. Fa la sua porca figura passando il primo turno in sella al suo bel ferro Desmo. Sembra che corre con tutta l'intenzione di vincere ma gli manca poco.

Uli Bree: voto 9.
Quel “mastermind” del Tridays è un bel manico. Spinge la sua britannica sfruttando ogni cavallo che ha sotto le chiappe. Peccato che in semifinale il vincitore dell'edizione 2012 parte in seconda marcia (voto 20!),  altrimenti forse staremmo scrivendo tutt'altra storia. Forse, è stato colpito dalla giustizia divina dopo aver beffato il nostro Conor grazie ad una partenza piuttosto smaliziata.

Christian Märtl: voto 8 ½
. Vale solo per la sua Laverda 1000.

Peter Scheepers: voto 4.
Per uno che va a Salt Lake a cercare di battere i record di velocità, sull'ottavo di miglio ci aspettavamo tantissimo di più. Ma ha mai battuto un record poi?

CPO Cycle Products e Louis: voto 3+
. In condivisione perché fanno lo stesso errore di valutazione. Infatti, mollano le loro moto ai pezzi grossi della rivista tedesca (ed ufficiale del 101) Motorrad Magazin MO, rispettivamente a Andreas Illg (Amministratore Delegato) e Thomas Schmieder (editore) dando vita ad un derby di fuoco e pensavano di vincere sicuri. Ma cannano completamente. Un voto in più per CPO perché finiscono la loro special su base Victory Vegas sul filo di lana.

Evil Albert: voto fa da se.
In sella ad una moto chiamata Junkyard Dog. Non servono spiegazioni, vero? Nomen omen.

Axel Budde: voto 12
. L'impeccabilità con la quale guida una Moto Guzzi Le Mans è pari alla sua pettinatura anche quando si leva il casco.

Rolf Reick: voto incarognito
. Ovvero, com'è in sella alla BMW R75 WH Bobber realizzata da Krautmotors. Sembra volersela mangiare!

Dirk Oehlerking: voto 9+
. Si presenta come Tom Cruise: occhiali da sole e tuta aeronautica. Solo che pare l'abbia presa in prestito dal nonno. In compenso, la sua Yamaha SR500/Porsche fila che è un piacere e lui si diverte. Anche quando trova qualcuno più veloce di lui. Bel ferro davvero!

Pasquale Carucci: voto 7
. l'orgoglio italiano portato sulle spalle anche di South Garage. Fa la sua onesta prova e mette in mostra un bel pezzo di artigianato e meccanica.

Conor Cummins: voto 8
(voto del tutto imparziale!) Guida la Buell con discreta disinvoltura, la prima manche parte dietro ma recupera, mentre nella seconda non regala nulla. Come nel turno successivo. Ma si deve arrendere a quell'astuto manico qual è Uli Bree, ma alla fine la sua fetta di pizza se la merita lo stesso al nostro stand.

Jens vom Brauck: voto 10
. Quella Desmo non poteva che vincere. La vedi e capisci che è attaccata all'asfalto, quando poi Jens apre il gas in partenza è l'unica che, come si dice in gergo tecnico tra gli espertissimi del settore, non sballotta di qua e di la e fila dritta come un fuso. Come fai a competere con una motocicletta così? Appunto, ha vinto lei. Poi complimenti anche al manico.

Nina Prinz: voto simpaticissima e bellissima
: arriva in finale, dimostra più palle di certi biker con le palle in senso letterario. Che donna! Poi toglie il casco e sorride. Sarà stato che è uno show dall'immagine machista, ma Nina è riuscita a dargli un tocco di dolcezza.

Steven Flier: voto 8
. Con l'organizzatore non si scherza. Quasi sparisce in sella alla maestosa Yamaha MT-01 preparata dal team di Boso San. Sta al gioco e si diverte anche lui.
Al termine della gara, Cathrine Jauer intona We are the champions dei Queen ma incuranti dell'esibizione, i biker la seppelliscono di sgasate e lo spettacolo finisce ed il pubblico se ne va.
 

Terminata la gara, torniamo con Conor allo stand. Qui gli succede qualcosa del tutto imprevista: un simpatizzante gli si avvicina e senza nemmeno salutarlo tira su la manica della t-shirt e chiede un autografo sul braccio, appena sotto un tatuaggio. Conor esegue da persona educata qual è poi, una volta esaudito il desiderio del simpatizzante, scambia con noi uno sguardo sorpreso. Probabilmente, ha appena disegnato quello che sarà il prossimo tatuaggio del fan, nonché il primo sulla base del suo autografo. E se non è passione questa, diteci voi come chiamarla! Intanto, ne approfittiamo anche noi per farci autografare dal rider del TT la Scrambler confezionata per l'occasione, la Buell con la quale ha gareggiato, un libro sulle corse e la giacca da moto. Poi basta.

L'autografo di Cummings sul serbatoio della Buell XBR
L'autografo di Cummings sul serbatoio della Buell XBR

Marcello è continuamente impegnato a spiegare che modifiche abbiamo fatto alle moto a visitatori sempre più sorpresi della loro funzionalità ed originalità.

Nonostante la concorrenza del meteo che ci ha regalato bel tempo fino al tardo pomeriggio e delle qualifiche in concomitanza di Superbike e MotoGP (chi ne ha più ne metta, venghino siori e signore!), l'afflusso di gente al Glemseck 101 è davvero massiccio.
Intanto, nel palco secondario Cathrine Jauer attacca il suo spettacolo giusto pochi minuti prima che su quello centrale un gruppo rockabilly inizi il suo. Ancora una volta, la bistratta Cathrine Jauer non conquista lo spazio che si merita.
 
Domenica 1 settembre
Ultimo giorno. Il cielo, dopo la pioggia che ha caratterizzato ma non rovinato la serata di ieri, sembra esserci ancora amico e la temperatura è perfetta.

La domenica è dedicata alla famiglia. Infatti, i padri di famiglia hanno portato qui mogli e prole, protetta da cuffie insonorizzanti. E circolando per il tracciato di Solitude, oltre alle moto i protagonisti sono anche i visitatori e se ne incontrano di tutti i tipi. Padri che cercano di influenzare la prole. Mamme rombanti che portano i figli sul codone della moto. Bambini su mono da 90 cc o modellini in legno felici come non mai. Nonni inossidabili che cavalcano ancora indomiti il loro bel ferro con giusta fierezza. Tatuati estremi. Nostalgici degli anni Cinquanta. Alcuni biker si classificano in sofisticati fighetti e rudi essenziali, ognuno dei due sotto divise ben visibili.

E ogni categoria ha il suo copricapo: quando non sono in sella e non indossano il casco, i biker scelgono il basco, anche se è di lana e a fine agosto fa un caldo cane e quando piove protegge più o meno niente. Ma l'etichetta esige il suo tributo e finché penso a cosa serve, vado a prendermi un basco alla bancarella dei sofistica fighetti nostalgici degli anni Cinquanta che è proprio qui di fianco a noi.

  • Elwood85, Quartucciu (CA)

    ooohhh raghe!!!

    ma che foto sono queste?? super raduno cafe' racer de che??? cioe'... fate foto agli amici... di cafe racer nelle foto se ne vedono 4 di cui 2 sono mini moto fichissime trasformate in cafe racer.. il resto o custom, o chopper o buell normalissime... ma vere cafe racer mi spiace ce ne sono 0....
  • SBKarlo, Udine (UD)

    Stupenda

    la "motoretta" nella foto 1, 23.
    Grande Guy....
Inserisci il tuo commento