pneumatici

Test Dunlop RoadSmart II. Pneumatico Globale

- Partendo da quanto di buono aveva mostrato il predecessore, il RoadSmart II è stato sviluppato per incrementare comfort e durata, senza andare ad intaccare il quadro prestazionale che deve renderlo un prodotto buono per tutti gli usi
Test Dunlop RoadSmart II. Pneumatico Globale
Dunlop RoadSmart II
Dunlop RoadSmart II

Il BT-023 si comporta meglio del rivale francese dal punto di vista dell’aderenza, sia in percorrenza che in uscita di curva, ma è anche più lento nei cambi di direzione, mentre sul veloce si dimostra maggiormente preciso. Il RoadSmart II riunisce i pregi dell’uno e dell’altro, veloce nello scendere in piega, non tanto quanto i Pilot Road 3 ma con una fluidità ed una linearità sconosciuta al francese, mentre sul veloce mette in mostra una precisione ed una stabilità leggermente superiori al BT-023, con un grip decisamente più elevato.

Il test successivo prevede di compiere dei giri sulla pista allagata, in sella ad una serie di Honda CB 1000 ABS. Mi offro di provare le moto con a bordo la telemetria, modo molto valido per mettere a confronto le mie sensazioni con quelle di uno strumento che dice sempre la verità!
Il risultato mette in mostra un comportamento molto simile di Dunlop e Michelin, con un leggero vantaggio del primo un po in tutte le situazioni. Con il RoadSmart II si riesce ad aprire il gas prima e si entra in curva più velocemente, mentre le perdite di aderenza in percorrenza di curva avvengono a velocità più elevata (le nuove mescole e la ridefinizione del disegno degli intagli ha sortito il risultato sperato). Con le Pilot Road 3 sul bagnato si viaggia sicuri, ma sono anche caratterizzate da un comportamento che definirei “elastico”. In inserimento e percorrenza, le gomme francesi si muovono, pur senza perdere eccessivamente aderenza. Fatta l’abitudine a questa caratteristica … si va che è un piacere.
Discorso diametralmente opposto per le Bridgestone BT-023, a loro agio sull’asciutto, molto meno sul bagnato. Prese le misure con le RoadSmart II e le Pilot Road 3, con le gomme giapponesi si deve guidare sulle uova, perché le perdite di aderenza emergono in maniera più brusca e soprattutto a velocità decisamente più basse.

Steering Pad

Test atipico, ma che si è rivelato “illuminante”, quello sullo steering pad doveva mettere in evidenza la stabilità della moto in percorrenza di curva. Girando in tondo, prima a 60 Km/h e successivamente a 90 Km/h, abbiamo registrato comportamenti dei tre pneumatici abbastanza diversi. Con i Michelin la traiettoria impostata veniva impercettibilmente corretta in continuazione, il che significa che l’agilità emersa nella prova in pista paga pegno alla stabilità ed alla precisione in percorrenza di curva. Discorso opposto per le BT-023, che necessitano di una leggera ma costante pressione sul semi manubrio interno per tenere “giù” la moto. Le SportSmart II anche in questo frangente si sono rivelate la giusta via di mezzo, garantendo una precisione di guida di ottimo livello, con un impegno fisico minimo.

  • gianlufz101, LUCCA (LU)

    meno rettilinei e più curve

    Penso proprio che (quasi) tutti i Motociclisti facciano i rettilinei per poter andarsi a godere più curve possibili (escluso i Goldwindisti). Ho provato moltissimi tipi di gomme e marche e detto che la gomma è personale quindi non paragonabile del tutto per ogni utente dico che: Le SportSmart sono gomme strada-pista altamente performanti ma con poco km rispetto alle Road. Ho montato un treno sulla mia CB 1000R con la quale vado anche in pista e trovo che siano un bel divertirsi quindi, ho deciso che monterò,per l'inverno,alche un treno di road 2 sulla mia Multi 1200 S, chiaro è che , a primavera, quando le temperature dell'asfalto saliranno, sulla MST torneranno le Smart e sul CB Pirelli Supercorsa.
  • supercaif7052, Muggiò (MB)

    Se sono meglio delle roadsmart prima serie, è la gomma della mia vita, anche se ero curioso di provare un treno di sportsmart, così per vedere cosa cambia
Inserisci il tuo commento