GP della Rep. Ceca

MotoGP 2020. Valentino Rossi: "Podio? Difficile ma bisogna provarci"

- Valentino punta al podio. Nonostante le brutte qualifiche - partirà decimo - il passo è buono e in gara potrebbe fare bene
MotoGP 2020. Valentino Rossi: Podio? Difficile ma bisogna provarci

Valentino Rossi partirà decimo in griglia a Brno per il GP della Rep. Ceca. Una posizione che non fa certamente saltare di gioia, ma Valentino sembra tranquillo e abbastanza fiducioso. 
 

"Il passo è buono, speravo di arrivare almeno in terza fila. Così sarà più difficile e bisognerà fare tutto bene. Podio è difficile ma bisogna comunque provarci in tutti i modi e provare comunque a fare una bella gara e partire forte per stare attaccato a quelli davanti perché il passo ce l'ho".

Una prima fila tutta clienti con Quartararo e Morbidelli che vanno molto forte. Si potrebbe dire che tu andrai nel team giusto.

"E' vero! Sono davvero molto bravi come team e sono anche ben organizzati. In più hanno uno sponsor con tanti soldi e bisogna ammettere che anche quello è importante. La Yamaha da un grandissimo supporto ai team satelliti a livello anche di ingegneri giapponesi. Non è assolutamente un team di secondo piano. La differenza poi oggi l'hanno fatta i piloti e non penso che il team Petronas sia meglio del team ufficiale: Franco e Quartararo hanno guidato meglio. Io ho parlato tanto con Yamaha della decisione di continuare anche l'anno prossimo e loro sono contenti. Ho parlato anche con i giapponesi e loro mi daranno supporto vero e quindi la moto è buona e anche il team. Avere tre moto clienti davanti è una cosa molto particolare".

  • jannp, Andreis (PN)

    Forza Vale, speriamo che oggi sia la giornata buona. Il passo è ok, c'è da gestire la gomma per tutti.. Chissà!
  • MAXPAYNE IT, Fusignano (RA)

    E così la super potente e migliore honda, a detta di molti la super moto imbattibile, senza Marquez non si vede neppure col lumicino, verso la zona podio.
    Ca..o che moto. Superiore!
    Io l'ho detto, se una motp è buona, fa andar forte tanti piloti, non uno solo! Lì è il pilota che fa la differenza. Ad ora è la yamaha la moto da battere, e questa ne è l'ennesima prova! Con il surplus che a fare la differenza in casa yamaha son stati i piloti.
Inserisci il tuo commento