GP D'ITALIA

MotoGP 2019. Márquez "succhia" la pole position al Mugello

- Per la quarta volta in questa stagione, Márquez conquista la pole position al Mugello davanti a Quartararo e Petrucci. Quarto Morbidelli, mentre Dovizioso è 9°
MotoGP 2019. Márquez  succhia la pole position al Mugello

SCARPERIA - Pole position per Marc Márquez, davanti a Fabio Quartararo e Danilo Petrucci. Quarto  Franco Morbidelli, 8° Pecco Bagnaia, 9° Andrea Dovizioso, 12° Michele Pirro, 18° Valentino Rossi, 23° Andrea Iannone.

C’è tutto Marc Márquez in questa sua quarta pole stagionale: talento, spregiudicatezza, tattica, furbizia, interpretazione al limite del regolamento. Con la prima gomma Márquez non ha avuto alcuna remora ad infilare Dovizioso di cattiveria al cambio di direzione della Casanova-Savelli, per attaccarsi poi a Petrucci e sfruttarne la scia. Poi, con la seconda gomma, Marc si è attaccato a Dovizioso, i due hanno fatto “melina”, Márquez ha fatto di tutto per togliere tranquillità a Dovizioso, obbligandolo poi a tirare, inevitabilmente, all’ultimo giro. A quel punto, anche Marc ha aperto il gas, ha guidato alla sua maniera, è arrivato quasi a tamponare il Dovi e ne ha sfruttato la scia in rettilineo, per spiccare un fantastico 1’45”519. Un “tempone”, ma quanti dubbi. Tardozzi, team manager Ducati, lo dice chiaramente: “Quello che fa Márquez è consentito dal regolamento, ma è poco professionale”. E’ lecito quello che fa Márquez? Lo è, ma il suo comportamento è irritante. 

 

I PIU’ VELOCI IN PRIMA FILA

In prima fila ci sono i tre piloti che fino ad oggi sono stati i più veloci, perlomeno sul giro singolo, con Fabio Quartararo secondo e Danilo Petrucci terzo a 0”362. Quartararo continua a stupire e continua a essere la prima Yamaha in classifica; inoltre, mentre gli altri si aspettano, si disturbano, si tirano, lui va da solo per la sua strada, ripetendo tempi e temponi in sequenza impressionante. Bravo Fabio: ha anche un ottimo passo. Ce l’ha anche Danilo Petrucci, nonostante sia debilitato dall’influenza e dagli antibiotici: la prima fila era ampiamente alla sua portata e, questa volta, Danilo è stato bravo a smarcarsi da Márquez e a conquistare un terzo tempo che gli consente di vedere la San Donato con una buona visuale.

 

GRANDISSIMO MORBIDELLI

Ma è stata anche la giornata di Franco Morbidelli, quarto a 0”440 dalla pole, e a 0”2 dal compagno di squadra: le prestazioni di Fabio stanno un po’ oscurando quelle di Franco, che però continua bene con il suo metodo di crescita costante. Per la gara non sembra così efficace, e nei GP precedenti è sempre calato tanto nel finale, ma può essere un buon protagonista.

 

MALE DOVI, MALISSIMO ROSSI

Con lui in seconda fila Jack Miller, che si conferma costante ed efficace, e Cal Crutchlow, mentre Pecco Bagnaia, dopo essere stato primo nelle libere, scatterà dalla terza fila con l’ottavo tempo, dietro a un Maverick Viñales sempre difficile da comprendere. Terza fila anche per Dovizioso: per come si era messa può anche essere contento, perché è passato in Q2 proprio nei secondi finali della prima qualifica, ma nel complesso Andrea non è al suo solito livello, anche se il passo gara non è così male. Dovizioso non è nemmeno troppo tranquillo, c’è un po’ di spaccatura all’interno del box: deve reagire alla sua maniera, fregandosene delle critiche che gli arrivano anche da chi lo dovrebbe proteggere. Molto male Valentino Rossi, solo 18°, anche a causa di un altro, inconcepibile errore all’interno del box: di fatto, in Q1, non ha potuto usare la seconda gomma, perché quando è transitato sul traguardo già sventolava la bandiera. Vale comunque ha un buon passo per fare una discreta rimonta. Ancora una volta, male l’Aprilia, 15ª con Aleix Espargaró e 23ª con Andrea Iannone, ultimo per la terza volta in questa stagione. Intanto la KTM è 11ª con Pol Espargaró.

 

CLASSIFICA

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1st/Prev.
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 348.4 1'45.519  
2 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 339.3 1'45.733 0.214 / 0.214
3 9 Danilo PETRUCCI ITA Mission Winnow Ducati Ducati 346.9 1'45.881 0.362 / 0.148
4 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 333.7 1'45.959 0.440 / 0.078
5 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 345.6 1'46.029 0.510 / 0.070
6 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 347.6 1'46.079 0.560 / 0.050
7 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 339.7 1'46.181 0.662 / 0.102
8 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 343.5 1'46.260 0.741 / 0.079
9 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Mission Winnow Ducati Ducati 349.4 1'46.293 0.774 / 0.033
10 30 Takaaki NAKAGAMI JPN LCR Honda IDEMITSU Honda 336.7 1'46.387 0.868 / 0.094
11 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 340.1 1'46.433 0.914 / 0.046
12 51 Michele PIRRO ITA Mission Winnow Ducati Ducati 349.9 1'46.638 1.119 / 0.205
Leggi tutti i commenti 124

Commenti

  • Aspes 125 yuma, Bologna (BO)

    Marquez succhia la scia...
    Lorenzo il suo bel chupa...
  • Foxxes1, Carpi (MO)

    MM al momento è maturo al punto giusto. Il guaio per noi è che essendo ancora giovane ha ancora margini di miglioramento. Il talento è indiscutibile, quindi potrebbe fare a meno di compiere certe azioni in gara, viste le sue capacità. Ne beneficerebbe lo spettacolo e si attirerebbe molte più simpatie diventando un fenomeno mediatico al pari di Valentino. Ciao Mauro.
Leggi tutti i commenti 124

Commenti

Inserisci il tuo commento