CIV, a Misano in palio i primi titoli

CIV, a Misano in palio i primi titoli
Moto.it
  • di Moto.it
Doppio appuntamento decisivo questo week-end sul Misano World Circuit Marco Simoncelli. In palio, per tutte le sette categorie che caratterizzano il tricolore, ci sono ben 50 punti
  • Moto.it
  • di Moto.it
25 luglio 2012


CAMPIONATO: DOVE ERAVAMO RIMASTI? 


Potrebbe chiudere i giochi per il titolo della 125 Gp Lorenzo Dalla Porta. Il 15enne toscano, alfiere Aprilia del Team O.R. by 2B Corse Zack M, ha dimostrato di trovarsi a suo agio al debutto con la ottavo di litro tricolore e può contare su due vittorie e tre secondi posti che gli regalano per ora la leadership della classifica e 35 punti di vantaggio su Riccardo Moretti. Il romagnolo, ex-campione italiano e portacolori Mahindra, ha fatto sue tre vittorie ma paga due tappe da “zero” nel carniere a causa di problemi tecnici: nella doppia in programma sul circuito di casa darà il tutto per tutto per risalire la classifica. In lotta per la top three assoluta ci sono anche Cristiano Carpi, Simone Mazzola e Andrea Mantovani, tra i protagonisti della prima parte di stagione grazie a numerose prestazioni da podio.

Più incerto il discorso titolo per la Moto3, che vede al vertice una sfida tutta emiliano-romagnola. In testa c’è il 17enne imolese Kevin Calia, che dopo un avvio in sordina è riuscito ad agguantare la vetta grazie a tre vittorie consecutive in sella alla Honda del Team Elle 2 Ciatti. Una Honda la guida anche il 15enne riminese Matteo Ferrari, lontano soli due punti da Calia e quindi in piena lotta per la tabella tricolore. Anche lui può vantare cinque risultati da podio. Non male per un debuttante assoluto nel CIV. Duello tutto bergamasco per la terza
Riccardo Moretti
Riccardo Moretti

posizione del campionato che vede prevalere per tre punti Andrea Locatelli (Honda) davanti a Stefano Valtulini (Honda – Imperiali Racing).

Più definita la situazione nella Stock 600 con il campano del Team Italia FMI, Riccardo Russo, che nonostante l’errore di valutazione del Mugello (“vittoria” festeggiata con un giro d’anticipo) può contare su 39 punti di vantaggio sul primo rivale. A Misano, l’alfiere Yamaha dovrà solo pensare a gestire al meglio le due gare e a difendersi dagli eventuali attacchi di Franco Morbidelli. Il pesarese, in sella alla Yamaha del Team RCGM, dovrà essere più costante nei suoi risultati al top se vorrà giocarsi la tabella numero uno nell’ultimo round di Vallelunga del 14 ottobre.



Nella Stock 1000 il favorito di turno è Ivan Goi (Ducati – Team Barni). Il mantovano, ex-campione italiano della categoria, punta a tornare padrone del tricolore e in Romagna, grazie a tre vittorie (le ultime due consecutive) si presenterà con 28 punti di vantaggio sull’umbro Alessio Velini (BMW – 2R Antonellini by Bargy), che insieme al marchigiano Simone Saltarelli (Ducati – Team Barni) e all’emiliano Alessio Corradi (Aprilia – Nuova M2) sembrano gli unici ad avere matematicamente i numeri per impensierire il forte lombardo.

Sono ben cinque, invece, i potenziali vincitori del tricolore Supersport 2012. In testa, dopo altrettante gare, c’è il detentore del titolo Ilario Dionisi (Honda – Scuderia Improve) che pur avendo nel carniere una sola vittoria conquistata nell’apertura del Mugello può contare su altri due risultati da podio e su un quarto posto che gli garantiscono 20 punti di vantaggio su Mirko Giansanti (Kawasaki – Puccetti Racing). Ad un soffio dall’umbro ci sono anche Roberto Tamburini, Massimo Roccoli (autore dell’ultima vittoria del Mugello) e Stefano Cruciani mentre per il titolo sembra tagliato fuori Alex Gramigni, reduce da un doppio “zero” sul circuito di casa.

La battaglia per la Moto2, invece, è ristretta a due piloti: con una vittoria e quattro secondi posti comanda il bolognese Ferruccio Lamborghini (Quarantaquattro Racing), seguito a 14 lunghezze dal campione in carica Alessandro Andreozzi, bravo a fare il bis di vittorie al Mugello.

Lotta in casa, invece, nella Superbike, con il Team Barni detentore finora del primo e secondo posto in
Matteo Baiocco
Matteo Baiocco

classifica: in vetta c’è il numero uno della categoria, il marchigiano Matteo Baiocco che guarda tutti dall’alto con 105 punti, una vittoria e quattro secondi posti. Ha un vantaggio considerevole (24 punti) che dovrà amministrare al meglio davanti al pubblico amico di Misano. A contrastarlo ci proverà il lombardo Luca Conforti, secondo in classifica ma ancora alla ricerca del miglior feeling con la Ducati: Luca è uno dei piloti più costanti ma ad una vittoria e due terzi posti fanno da contraltare, per ora, un quarto ed un quinto posto ottenuti nelle gare difficili di inizio stagione. Ivan Clementi, Gianluca Nannelli e Lorenzo Mauri, invece, sembrano avere meno chance per il titolo ma sono in piena battaglia per un posto sul podio assoluto.


WILD-CARD MONDIALI: ARRIVANO ANTONELLI E RINS


Saranno 22 le wild-card pronte a prendere parte al doppio appuntamento di Misano: grande attesa soprattutto nella Moto3, che vedrà al via il campione italiano in carica, Niccolò Antonelli (Honda), quest’anno tra i grandi protagonisti del mondiale al debutto assoluto. Insieme all’ex-pilota del Team Italia (supportato ancora dalla FMI), ci sarà lo spagnolo Alex Rins (Honda), anche lui iscritto al campionato iridato e pronto a far bene nel round del CIV. Torneranno anche i tre piloti britannici John McPhee, Fraser Rogers e Ryan Wayne, pronti a replicare in sella alle Honda la partecipazione dello scorso anno e ci sarà anche il ceco Miroslav Popov, questa volta in sella all’indiana Mahindra. Nella Stock 1000, da segnalare le presenze del marchigiano Michele Magnoni (autore in sella alla BMW di due secondi posti nella doppia del Mugello) e del lombardo Fabrizio Perotti, con la S1000RR del Team Play Racing.


GLI APPUNTAMENTI DEL PADDOCK


Il doppio round porta qualche modifica nel programma degli eventi previsti nel Pirelli CIVillage, vero cuore del paddock: sabato l’appuntamento con la premiazione delle Dellorto pole position è anticipato alle ore 12.45, subito dopo le prove ufficiali che in questa tappa saranno eccezionalmente “mattiniere”. Insieme ai poleman, questa volta saranno i nomi di Giuseppe Morri e Alberto Fantini ad entrare a far parte della Hall of Fame tricolore. Domenica, dalle 13, ecco la Pit Walk aperta al pubblico per vivere da vicino l’atmosfera del box.

DIRETTA TV SU SPORTITALIA E NUVOLARI 

Domenica la diretta tv inizierà alle 11:30 su Nuvolari (ch. 144 Sky e Digitale Terrestre) con le gare Stock 600 e Stock 1000 mentre su Sportitalia andranno in onda live la Superbike, la 125 Gp/Moto3 e la Supersport/Moto2 dalle 13:50. Il round del Mugello avrà grande visibilità all’estero grazie a Motors TV (copertura integrale dell’evento in tutta Europa) e con TenSports, tv indiana che proporrà la classe 125/Moto3. Anche Moto Tv (ch. 237 Sky) manderà in onda le sfide tricolori, in differita, la settimana successiva. Le gare saranno trasmesse anche via internet, in live streaming, sul sito del CIV (www.civ.tv) in collaborazione con Sportube.tv.

GARE, ORARI E BIGLIETTI


Venerdì alle 10:00 scatteranno le prove libere mentre le qualifiche si correranno sabato dalle 10 alle 12:50. Dopo un’ora di pausa, ecco il via delle gare del sesto round, dalle 14:30 alle 17:30. Il semaforo rosso della prima gara del settimo round, invece, si spegnerà domenica alle 11:45 con la Stock 600, seguita poi dalle altre sfide. Giovedì e venerdì l’ingresso è gratuito, sabato sarà possibile assistere al sesto round con un biglietto di 10 euro valido per prato e paddock (ridotto 8 euro per under 18, donne e tesserati FMI, gratis under 14) mentre domenica l’ingresso prato più paddock costerà 15 euro (ridotto 10). Previsto anche un abbonamento con biglietto unico per sabato e domenica dal costo di 20 euro (ridotto 15).

 

Caricamento commenti...

Hot now