mostra aiuto
Accedi o registrati
moto2 e moto3

Antonelli vince in Moto3 e Luthi in Moto2

- In Moto2 vince Luthi davanti a Salom e Corsi. Morbidelli è 2° al traguardo ma penalizzato di 20'' per partenza anticipata. Antonelli sul gradino più alto in Moto3, 2° Binder, 3° Bagnaia. Cinque italiani nei primi otto
Antonelli vince in Moto3 e Luthi in Moto2

MOTO2

Il Campionato del Mondo Moto2 2016 si apre con la vittoria di Thomas Luthi, Garage Plus. Lo svizzero fino alla fine lotta con Franco Morbidelli, Estrella Galicia 0.0, che viene penalizzato e perde la seconda piazza. Sul podio di Losail dietro al numero 12 salgono Luis Salom, SAG Team e Simone Corsi, Speed Up Racing. La prima fila è composta da Jonas Folger, Dynavolt Intact, Sam Lowes, Federal Oli Gresin e Alex Rins, Paginas Amarilla HP 40. In seconda fila Johann Zarco, campione del mondo in carica di Ajo Motorsport e Franco Morbidelli scuderia Estrella Galicia 0.0 vicino e primo degli italiani.


Le 600cc scattano per la loro prima sfida stagionale e Folger è davanti a Lowes con Luthi che ne approfitta e si inserisce tra i primi davanti a Takaaki Nakagami, Idemitsh Honda, terzo è Morbielli. Zarco e altri piloti partono in anticipo e il francese viene penalizzato con il passaggio dalla pit-lane che gli costa molte posizioni. Alla fine sarà 12esimo. Anche Morbidelli parte in anticipo rispetto allo spegnersi del semaforo ma la penalità arriverà dopo.


Alla curva 4 il primo colpo di scena: Folger, il leader della corsa cade e perde la testa, incredibile inizio per la Moto2, ora comanda Luthi seguito dall’italiano numero 21. Anche Rins, Lowes e Schrotter sono puniti con il ride-through per essere partiti in anticipo, stessa sorte per Nakagami. Il duo di testa stacca il resto del gruppo con Nakagami terzo a un secondo e mezzo ma anche lui rientra per la penalità. Quarto è Simone Corsi, Speed Up Racing, che porta il suo prototipo non Kalex vicino al podio provvisorio. Le posizioni a 15 giri dalla fine vedono la bella sfida tra Corsi e Sandro Cortese, Dynavolt Intact, per la quarta piazza.


Davanti restano Morbidelli e Luthi che allungano. Lo svizzero spinge provando scrollarsi di dosso l’italiano che non cede. Intanto Lowesn, che ha scontato il passaggio dalla pit-lane, è rilegato al 18esimo posto; non risale e la sua prima gara finisce qui. I due protagonisti delle libere e delle qualifiche sono praticamente fuori dai giochi. Alex Marquez, Estrella Galicia 0.0 cade alla curva 4 ma nulla di grave. Lo stesso per Xavier Simeon, QMMF Racing. Oltre quattro secondi dividono i due di testa dal resto della corsa. A nove giri dalla fine Morbidelli tenta l’attacco e passa Luthi ma senza riuscire ad allungare, preannunciando le scintille successive.


Lowes, nel tentativo di spingere va lungo alla curva 4 ma sta in piedi e riprende la via della pista. Luis Salom, SAG Team, sale al terzo posto. Ma il colpo di scena a cinque giri dalla fine, la penalità è imposta al pilota numero 21 per la partenza anticipata ma non essendoci più giri utili per penalizzarlo con il ride – through gli viene inflitto un ritardo di 20 secondi sul tempo che lo mette al settimo posto finale. Il pilota lotta fino alla fine ma senza sapere che sarà inutile e la stessa sorte sarà per Cortese che deve dire addio al suo quinto posto. Morbidelli e Luthi danno vita ad una bella battaglia negli ultimi passaggi, vince lo svizzero in una volata a due sul rettilineo di Losail. Alla fine, con le penalità inflitte, il podio sarà composto da Luthi, Luis Salom e Simone Corsi.
 

 

MOTO3

Il Campionato del Mondo Moto3 2016 si apre con la vittoria di Niccolò Antonelli della scuderia Ongetta Rivacold su Honda. L’italiano è primo dopo una volata a otto sul rettilineo di Losail. Prima fila al via composta da Romano Fenati, SKY Racing Team, Livio Loi pilota RW Racing e Brad Binder, scuderia Red Bull KTM. Semaforo spento e si parte. Subito bagarre alla curva 1 ma senza cadute; il gruppo si allunga e Fenati scatta in testa con dietro Loi. Il belga attacca e passa il numero 5, così Binder. Lo supera anche Enea Bastianini, Gresini Racing Moto3, e dietro è lotta tra i piloti Leopard che però perdono posizioni e si staccheranno dalla vetta nel corso della gara. Il sudafricano ora guida il gruppo di testa ma è passato da Loi sul rettilineo del traguardo.


Nicolò Antonelli, pilota più veloce del warm up, conquista la terza posizione provvisoria ma sbaglia, va largo e viene passato. Fenati torna primo e Francesco Bagnaia, ASPAR Team, sale fino alla quarta posizione. La sfida al vertice tra il sudafricano e l’ascolano VR46 caratterizza i giri a meno 14 dalla fine. Jorge Navarro di Estrella Galicia 0.0 e partito in seconda fila, mette il suo numero davanti a tutti ed entra nella lotta per la prima piazza.


La gara nelle prime cinque posizioni è combattutissima, si susseguono sorpassi e i cambi di posizione. Il gruppo dei primo cinque, composto da Binder, Navarro Antonelli, Fenati e chiuso da Bagnaia, allunga sul resto dei piloti preannunciando le scintille finali. Dietro è però Nicolò Bulega, team SKY Racing VR46, che prova a spingere salendo in sesta posizione davanti a Loi. Il numero 8 si unisce al quintetto e mette a referto giri veloci ai quali ribatte ogni volta il belga protagonista delle libere.


Sul lungo rettilineo del circuito di Losail ad ogni passaggio cambiano le posizioni, ogni pilota di testa arriva in staccata tentando di metter il proprio anteriore davanti a tutti. Un’ apertura di stagione di fuoco per la classe leggera. Nel gruppone di testa entra anche Bastianini avvantaggiato dalla bagarre per la prima piazza, ora sono in otto a lottare davanti a tutti e divisi da resto dei corridori da due secondi.


Mancano sei giri alla fine e l’ordine vede al primo posto Binder seguito da Fenati, terzo Navarro e quarto Bulega; poi Antonelli, Bagnaia, Loi e Bastianini tutti in due secondi. Bulega attacca a 4 giri dalla fine alla curva 1 ed è primo, risponde Binder che lo ripassa. L’esordiente campione del mondo junior è tallonato dal compagno di box Fenati. Cinque italiani nelle prime otto piazze provvisorie.


Tre giri dalla fine e la lotta aumenta ancora di intensità, il sudafricano è terzo e le scintille ora sono tra i due piloti VR46 ma sempre otto piloti si giocano la vittoria del primo GP della stagione per la quarto di litro. Il gruppo dietro è lontano. Ultimo giro, Binder guizza ed è davanti ad Antonelli, i due portacolori VR46 perdono posizioni e Bagnaia è terzo. All’ultima curva si presentano tutti insieme e il finale sul rettilineo è da volta: la spunta il motore Honda di Antonelli davanti alla KTM di Binder, terzo è Bagnaia. Seguono Fenati, Bastianini, Bulega, Navarro e Loi.


L’unico a cadere alla fine sarà Juanfran Guevara, RBA Racing, mentre Loi mette a referto il giro più veloce con il tempo di 2:06.171s all’ottavo passaggio. Due italiani sul podio con altri tre appena dietro. La Moto3 si apre con l’inno di Mameli che suona per primo nella stagione 2016.

 

CLASSIFICHE

MOTO2

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 12 Thomas LUTHI SWI Garage Plus Interwetten Kalex 160.4 40'14.293
2 20 39 Luis SALOM SPA SAG Team Kalex 159.8 +9.610
3 16 24 Simone CORSI ITA Speed Up Racing Speed Up 159.8 +9.665
4 13 55 Hafizh SYAHRIN MAL Petronas Raceline Malaysia Kalex 159.5 +13.558
5 11 77 Dominique AEGERTER SWI CarXpert Interwetten Kalex 159.3 +16.064
6 10 52 Danny KENT GBR Leopard Racing Kalex 159.3 +16.114
7 9 21 Franco MORBIDELLI ITA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Kalex 160.4 +20.047
8 8 40 Alex RINS SPA Paginas Amarillas HP 40 Kalex 159.1 +20.170
9 7 22 Sam LOWES GBR Federal Oil Gresini Moto2 Kalex 158.9 +22.019
10 6 10 Luca MARINI ITA Forward Team Kalex 158.8 +24.249
11 5 44 Miguel OLIVEIRA POR Leopard Racing Kalex 158.8 +24.254
12 4 5 Johann ZARCO FRA Ajo Motorsport Kalex 158.8 +24.570
13 3 14 Ratthapark WILAIROT THA IDEMITSU Honda Team Asia Kalex 158.7 +25.664
14 2 30 Takaaki NAKAGAMI JPN IDEMITSU Honda Team Asia Kalex 158.6 +26.992
15 1 11 Sandro CORTESE GER Dynavolt Intact GP Kalex 159.8 +29.736
16   54 Mattia PASINI ITA Italtrans Racing Team Kalex 158.4 +30.404
17   23 Marcel SCHROTTER GER AGR Team Kalex 157.9 +38.446
18   2 Jesko RAFFIN SWI Sports-Millions-EMWE-SAG Kalex 157.4 +46.363
19   32 Isaac VIÑALES SPA Tech 3 Racing Tech 3 157.4 +46.543
20   70 Robin MULHAUSER SWI CarXpert Interwetten Kalex 155.4 +1'18.323
21   33 Alessandro TONUCCI ITA Tasca Racing Scuderia Moto2 Kalex 154.9 +1'25.002
22   8 Efren VAZQUEZ SPA JPMoto Malaysia Suter 154.0 +1'39.572
Non classificato
    49 Axel PONS SPA AGR Team Kalex 159.3 4 Giri
    97 Xavi VIERGE SPA Tech 3 Racing Tech 3 159.0 5 Giri
    19 Xavier SIMEON BEL QMMF Racing Team Speed Up 159.1 6 Giri
    73 Alex MARQUEZ SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Kalex 149.9 14 Giri
    94 Jonas FOLGER GER Dynavolt Intact GP Kalex 157.7 18 Giri
    60 Julian SIMON SPA QMMF Racing Team Speed Up 146.6 19 Giri
    57 Edgar PONS SPA Paginas Amarillas HP 40 Kalex 146.4 19 Giri

 

MOTO3

Pos. Punti Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora/Distanza
1 25 23 Niccolò ANTONELLI ITA Ongetta-Rivacold Honda 152.0 38'12.161
2 20 41 Brad BINDER RSA Red Bull KTM Ajo KTM 152.0 +0.007
3 16 21 Francesco BAGNAIA ITA ASPAR Mahindra Team Moto3 Mahindra 152.0 +0.148
4 13 5 Romano FENATI ITA SKY Racing Team VR46 KTM 152.0 +0.435
5 11 33 Enea BASTIANINI ITA Gresini Racing Moto3 Honda 152.0 +0.606
6 10 8 Nicolo BULEGA ITA SKY Racing Team VR46 KTM 152.0 +0.625
7 9 9 Jorge NAVARRO SPA Estrella Galicia 0,0 Honda 152.0 +0.674
8 8 11 Livio LOI BEL RW Racing GP BV Honda 151.9 +1.710
9 7 65 Philipp OETTL GER Schedl GP Racing KTM 151.5 +8.611
10 6 84 Jakub KORNFEIL CZE Drive M7 SIC Racing Team Honda 151.3 +10.947
11 5 95 Jules DANILO FRA Ongetta-Rivacold Honda 151.2 +12.379
12 4 36 Joan MIR SPA Leopard Racing KTM 151.2 +12.380
13 3 20 Fabio QUARTARARO FRA Leopard Racing KTM 151.2 +12.401
14 2 64 Bo BENDSNEYDER NED Red Bull KTM Ajo KTM 151.2 +12.726
15 1 44 Aron CANET SPA Estrella Galicia 0,0 Honda 151.2 +12.784
16   6 Maria HERRERA SPA MH6 Laglisse KTM 151.2 +12.939
17   16 Andrea MIGNO ITA SKY Racing Team VR46 KTM 150.9 +17.152
18   76 Hiroki ONO JPN Honda Team Asia Honda 150.9 +17.367
19   19 Gabriel RODRIGO ARG RBA Racing Team KTM 150.9 +17.451
20   7 Adam NORRODIN MAL Drive M7 SIC Racing Team Honda 150.9 +17.519
21   55 Andrea LOCATELLI ITA Leopard Racing KTM 150.9 +17.566
22   89 Khairul Idham PAWI MAL Honda Team Asia Honda 150.9 +17.608
23   40 Darryn BINDER RSA Platinum Bay Real Estate Mahindra 150.0 +31.939
24   10 Alexis MASBOU FRA Peugeot MC Saxoprint Peugeot 150.0 +31.949
25   58 Juanfran GUEVARA SPA RBA Racing Team KTM 149.9 +32.120
26   4 Fabio DI GIANNANTONIO ITA Gresini Racing Moto3 Honda 149.9 +32.333
27   17 John MCPHEE GBR Peugeot MC Saxoprint Peugeot 149.9 +32.547
28   24 Tatsuki SUZUKI JPN CIP-Unicom Starker Mahindra 149.9 +32.812
29   43 Stefano VALTULINI ITA 3570 Team Italia Mahindra 149.8 +34.584
30   98 Karel HANIKA CZE Platinum Bay Real Estate Mahindra 148.2 +59.105
31   77 Lorenzo PETRARCA ITA 3570 Team Italia Mahindra 148.2 +59.109
32   3 Fabio SPIRANELLI ITA CIP-Unicom Starker Mahindra 146.0 +1'34.948
Non classificato
    88 Jorge MARTIN SPA ASPAR Mahindra Team Moto3 Mahindra 150.9 1 Giro

 

Fonte: MotoGP.com

 

  • motard86', Novi Ligure (AL)

    Bellissimo, stupendo vedere 5 italiani nei primi 6 e il primo spagnolo settimo. Erano anni che speravamo una cosa del genere, finalmente si avvera, finalmente qualche italiano nuovo dirà la sua nel mondiale.
    Sperando che ne seguano ancora.
    Gara bella, bravissimo Bulega, 6to al debutto è tanta roba, sinceramente mi è piaciuto zero Fenati che ogni domenica, dopo anni di esperienza, invece di vincere, trova scusa o se la prende con il nuovo arrivato.
    Fenati è un buon pilota ma non finalizza, ormai è assodato.

    Bravi anche in Moto2 anche se bloccati dalla falsa partenza. Ma il potenziale c'è, vai Morbido, che quest'anno puoi dire la tua!
  • fabu, Casnate con Bernate (CO)

    dopo i pasticci di fine 2015, la direzione gara continua imperterrita nella sua totale incapacità a gestire anche le situazioni più banali. far ripetere la partenza era troppo difficile, visto che i tre quarti dei piloti erano scattati in anticipo per un problema in zona semaforo? non solo non fermano neanche i piloti, un paio a caso, da penalizzare ma aspettano la fine della gara.
    e Fenati, che pena. ha fatto l'ennesimo madornale e se la prende poi in maniera infantile con il compagno. eterno piazzato, non vincerà mai un mondiale.
Inserisci il tuo commento