endurance

SRC Kawasaki vince il Bol d'Or 2015 e SERT Suzuki il titolo Endurance

- Kawasaki si aggiudica l'ultimo appuntamento della stagione Endurance. A Suzuki basta il 3° posto per vincere il campionato

A Le Castellet vincono Gregory Leblanc, Matthieu Lagrive e Fabien Foret del team SRC Kawasaki, ma il circuito francese ha anche incoronato vincitore del Campionato del Mondo Endurance il team SERT Suzuki.


Le "verdone" davanti a 74.000 spettatori hanno conquistato la prima vittoria del 2015. Una stagione, a dire il vero, con alti e bassi e chiusa al terzo posto in classifica generale. Il team francese ha completato 684 giri sui 5,8 km del circuito francese, superando di due il team GMT94 Yamaha ( David Checa, Kenny Foray e Matheiu Gines)e 7 in più di quello Suzuki.


A Vincent Philippe, Anthony Delhalle ed Etienne Masson (del SERT Suzuki) salire sul podio è stato sufficiente per aggiudicarsi il campionato e conquistare il 14esimo titolo per la casa di Hamamatsu. L’appuntamento conclusivo del Campionato EWC ha dato anche l'occasione al Team SERT di festeggiare al meglio il 35° anniversario dalla prima vittoria della Squadra nel Campionato Mondiale di durata. Per celebrare al meglio la ricorrenza, il Team SERT si è presentato a Le Castellet vestendo le GSX-R1000 ed i piloti con una grafica che ha riproposto i colori della Suzuki GS1000 R del 1980, la moto con la quale, proprio al Bol d’Or di quell’anno, il team conquistò la prima vittoria iridata nella Specialità.

  • Katana05, Novellara (RE)

    1)Si dice che gare di Endurance sia più facile perdele che vincerle al primo giro. Da ieri lo sa anche David Checa.
    2)Il terrificante incidente di Checa (la sua R1 che decolla sul cordolo e vola a mezz'aria come una sassata infilandosi fra due moto e schivando entrambe per pochi centimetri) dimostra che tutte le polemiche sul crash di Stoner a Suzuka sono solo fuffa. Dove ci sono cambi di direzione (cioè praticamente ovunque) certi rischi non sono evitabili e bisogna metterli in conto. Punto. Stavolta è andata bene, ma è stata solo fortuna.
    3)Qualcuno spieghi ai temerari e strapagati fighetti della MotoGP(si, quelli che guardano il rettifilo del Mugello come fosse il mostro di Alien) che la Kawasaki SRC arrivava in fondo al Mistral a 364 (trecento-sessanta-quattro) km/h. Il Mistral è a Le Catellet, non a Bonneville.
    4)E intanto la Gixxer è campione del mondo. E fanno 14. Non male per un cancello buono solo per i mercatini dell'antiquariato.
Inserisci il tuo commento