Concept

Honda SFA Concept all'Osaka Motor Cycle Show

- Era già stata mostrata all'Indonesia Motorshow e ora è pronta per sbarcare in Giappone. Una naked adatta ai neofiti e non priva di attrattiva
Honda SFA Concept all'Osaka Motor Cycle Show

All'Osaka Motor Cycle Show della prossima settimana sono attese 15 anteprime mondiali. Honda mostrerà in Giappone il concept SFA, dopo che già lo aveva esposto in Indonesia lo scorso mese di ottobre. Si tratta di una naked monocilindrica di piccola cubatura – probabilmente fra i 125 e i 200 cc, magari con lo stesso motore della CB 150R - che si mostra con linee piuttosto spigolose e movimentate. Ha telaio in traliccio integrato a piastre in lega leggera, forcellone monobraccio, forcella rovesciata e disco anteriore con pinza radiale. Per impostazione, dimensioni ed estetica si pone certamente come modello concepito per il mercato asiatico, ma senza dubbio è altrettanto adatto ai mercato europei. In Indonesia è stato presentato in veste di concept, probabilmente per mostrare un'idea che potrà essere declinata diversamente, ma è certo che si tratta di una moto perfettamente industrializzabile e già ben definita in ogni componente.

  • torkarev.giaro

    Vista la vastità dei modelli 125 Europei a 4tempi era ora che si svegliassero anche le japponesi (esclusa Yamaha, che sui 4tempi ha dettato le basi). Questa se non altro crea la base idonea a sostituire i modelli air cooled CB125F e della MSX 125 due moto palesemente di importazione asiatica, ma molto virante ai mercati meno esigenti come thailandia.
    Mi chiedo perchè non abbia completato la serie di 125LC prima, dato che il motore della CBR125R è stato il primo 4t (liquid cooled) uscito sul mercato occidentale con una potenza adeguata (13cv) e avrebbe potuto creare i modelli prima o in contemporanea con Yamaha!? ma ivece ha aspettato che fosse entrato un marchio rilevante come KTM con Duke e RC 125.
    La politica delle case nipponiche è veramente strana. Resta il fatto che da appassionato mi sarei aspetto almeno una risposta più rapida da Honda. Ora sono curioso della risposta di marchi come Kawasaki e Suzuki che avevano cercato il mercato occidentale con modelli air cooled veramente inappropriati. Intanto sono veramente affascinato dalla linea e dalla vastità dei progetti Honda di questo periodo.
  • anonym_4397114

    A parte il fatto che solo una concept-bike e che dunque non ne è stata ancora approvata e data per certa la produzione in serie e la commercializzazione in Europa, capita a volte che le cosi dette copie, che io definirei più correttamente "contaminazioni", risultino poi alla lunga migliori degli originali,dai quali finiscono per staccarsi e distinguersi nettamente, ed è del tutto vero che i Giapponesi sono maestri in questo campo. Poi c'è anche da dire, in merito alle somiglianze con altri modelli già in circolo , che io per esempio ci vedo una Shiver miniaturizzata, per cui non credo che si possa sentenziare su quale sia effettivamente il modello o lo stile di disegno a cui ci si è riferiti per la creazione del "concetto" di moto.
Inserisci il tuo commento