test di prodotto

Casco Brembo B-Tech by New Max

- Abbiamo provato la novità della Brembo, per chi cerca un casco alla moda ma che non vuole rinunciare ad un buon livello di sicurezza. Ideale per un uso cittadino, Brembo B-Tech presenta interessanti novità tecnologiche | C. Baldi
Casco Brembo B-Tech by New Max


New Max ci ha abituato a partnerships di alto livello (ricordiamo tra i più noti: Cromwell, Moschino, Ferrari, Borsalino, Vespa, Laura Smith, Ducati, Louis Vuitton, Gucci e Trussardi) la maggior parte delle quali legate al mondo della moda. La collaborazione tra l’azienda piemontese e Brembo invece non ha portato solo ad innovazioni riguardanti il lato estetico, ma anche un nuovo dispositivo legato alla sicurezza ed alla praticità di utilizzo del casco.

Cinturino AFB


 Il sistema di ritenzione del cinturino, denominato AFB Automatic Fit Belt, consente il riavvolgimento automatico del nastro del cinturino, che si adatta quindi automaticamente alla gola dell’utilizzatore. Il tutto si ottiene azionando il pulsante rosso posizionato sul copri guancia fissato sulla parte destra del casco. Pratica e sicura, l’allacciatura Automatic Fit Belt è stata sviluppata da Sabelt - azienda del gruppo Brembo - leader mondiale nella progettazione e nella produzione di cinture di sicurezza, di sedili e di abbigliamento tecnico dedicati al mondo racing. Proprio grazie a questo dispositivo il casco B-Tech (nella versione jet, il B-Jet) di Brembo e New Max si è aggiudicato il premio Prodotto dell'Anno per la categoria Urbains (prodotti per le strade urbane) assegnatoli dalla prestigiosa JPMS (Journées Professionnelles de la Moto et du Scooter) di Lione (Francia).

Visuale


Ma il Brembo B-Tech by New Max propone anche una novità per quanto riguarda la visuale. Basta calzare questo integrale per rendersi subito conto di come la visuale sia superiore a tutti gli altri integrali sino ad ora esistenti sul mercato. Il B-Tech consente infatti una visione periferica molto ampia, a tutto vantaggio della sicurezza. Due particolarità tecniche che, unite ad un’estetica molto caratteristica, rendono questo casco davvero unico.

Vista laterale che mette in evidenza la bombatura della visiera
Vista laterale che mette in evidenza la bombatura della visiera

 

Omologazioni

Passando ad un esame più approfondito, iniziamo a dare un’occhiata all’etichetta omologativa, che ci rivela come il nostro B-Tech sia stato omologato come casco integrale (con mentoniera protettiva) in un laboratorio Italiano ed è naturalmente in conformità con la vigente normativa ECE 22-05. L’etichetta omologativa si trova sul cinturino, nascosta sotto l’etichetta gialla Sabelt. Nel campione da noi ricevuto purtroppo l’etichetta si è staccata non appena abbiamo sollevato la scritta Sabelt, cercando di leggerla. Nulla di grave ma se avete intenzione di acquistare questo casco accertatevi prima che l’etichetta sia ben cucita.

Aprendo la scatola

Il modello in nostro possesso ha la calotta in color titanio metal, che crea un piacevole contrasto con il colore argento della mentoniera e del bordo visiera. La guarnizione del bordo visiera è in vellutino di colore rosso, lo stesso colore della presa d’aria che troviamo sulla parte superiore del casco proprio sotto marchio e logo Brembo. Lo stesso logo Brembo che troviamo poi nella parte posteriore della calotta, ma in dimensioni molto più grandi.
All’interno della scatola troviamo tre libretti di istruzione. Il primo, in sei lingue, ci fornisce alcune istruzioni generali riguardanti l’uso del casco con calotta in materiale termoplastico. Il secondo, in cinque lingue, riporta le istruzioni per l’utilizzo dell’allacciatura Automatic Fit Belt, mentre il terzo è un semplice foglio, in cinque lingue, che fornisce preziosi indicazioni circa l’uso e la manutenzione della visiera antigraffio. Per quanto riguarda i libretti istruzioni New Max fornisce in questo caso il minimo indispensabile.


Aerodinamica e aerazione


Osservando questo casco salta subito all’occhio la grossa visiera a doppia bombatura, denominata extra space, che caratterizza la visione laterale del B-Tech e rende evidente l’ampiezza della visione periferica che calotta e visiera consentono all’utilizzatore. Evidente anche la sfericità del casco che non lascia appigli all’aria per creare fruscii o rumorosità. Parlando di aria controlliamo il sistema di ventilazione che però è praticamente assente. Alla minuscola presa d’aria sulla parte centrale superiore della calotta e alle due feritoie posizionate sui due lati della mentoniera non corrispondono infatti altrettanti fori sulla calotta in polistirolo o nella parte interna della mentoniera. I tecnici della New Max non hanno elaborato nessun particolare sistema per l’ingresso dell’aria nella calotta che però, data la particolare forma della calotta stessa, molto allungata, non manca mai all’interno del casco. Una volta indossato il B-Tech lascia molto spazio tra il viso dell’utilizzatore e la mentoniera, con l’aria che può circolare liberamente anche a visiera chiusa. Una caratteristica apprezzabile soprattutto d’estate, mentre per affrontare le temperature attuali è meglio dotarsi di un sottocasco o di una semplice sciarpa.

Utilizzo e Sicurezza


Il nostro test è durato alcuni mesi ed abbiamo quindi avuto modo di usare questo casco sia nei mesi caldi che in quelli autunnali. L’abbiamo utilizzato alla guida di una Honda VFR 800 e di uno scooter Piaggio Liberty 150. Si tratta chiaramente di un casco destinato più ad un uso cittadino che non ad uno turistico, ma che comunque può andare bene anche per le gite del weekend. La grande visibilità, il comodo e pratico cinturino e una calzata comoda e avvolgente ne fanno un casco che ben si adatta all’utilizzo con uno scooter nel traffico delle nostre città. Purtroppo il 67% degli incidenti che vedono coinvolti i motociclisti avviene nel traffico cittadino dove è quindi senza dubbio più sicuro indossare un casco integrale che non un casco aperto. Il B-Tech strizza l’occhio al fashion, ma offre anche una buona protezione. La calotta interna infatti è in polistirolo a doppia densità con la parte superiore dotata di un inserto più morbido rispetto al resto della calotta. La calzata è avvolgente e molto comoda e anche dopo varie ore di utilizzo non provoca nessun disturbo. L’interno e facilmente smontabile e lavabile ed utilizza tessuti anallergici e traspiranti. Per rimuovere la cuffia di comfort basta tirarla verso l’esterno che è bloccata da semplici velcri. Lo stesso dicasi per le due guancie laterali che utilizzano il velcro per aderire alle due parti in plastica che ricoprono il meccanismo AFB. Per fissare nuovamente guancie e cuffia basta agire in modo inverso. Voluminoso e ben imbottito il paranuca posteriore ricoperto in similpelle nera.

Del cinturino continuo abbiamo già scritto in precedenza, ma va aggiunto che aprendo lo sportellino presente

Sportellino per apertura di sicurezza del cinturino
Sportellino per apertura di sicurezza del cinturino

 sul coperchio in plastica che ricopre la guanciola sinistra, si accede ad un pulsante che consente di aprire il meccanismo di blocco del cinturino.Un sistema pensato per una funzione di emergenza e cioè, nel caso in cui l'utilizzatore del casco, non potesse azionare direttamente il sistema AFB. Ma per indossare il casco non serve agire su quel pulsante, bensì occorre premere quello circolre di colore rosso presente sul coperchio destro. Questo bottone sblocca il nastro che si può così tirare verso il basso per allungarlo e calzare facilmente il nostro Brembo B-Tech.
A questo punto premendo nuovamente il bottone, il nastro scorre nello speciale meccanismo e si accorcia sino ad aderire perfettamente con il sottomento dell’utilizzatore. Lo scatto non è certo doloroso, vista anche la morbidezza del nastro che utilizza un materiale setoso denominato skin-friendly ed ha una larghezza di cm.3, ma un maggior confort nella regolazione consigliamo di tenere un dito appoggiato sul nastro stesso mentre si aziona il bottone che lo libera.

Visiera


E se parliamo di meccanismi constatiamo che quello che regolare l’apertura e la chiusura della visiera non presenta scatti. La visiera combacia bene con la calotta sia nella parte superiore che in quella inferiore a patto che una volta chiusa si spinga verso il basso per una miglior aderenza. Resterà comunque un poco di spazio tra il paranaso in gomma ancorato alla parte interna della mentoniera e la visiera, che è trattata antigraffio ed ha uno spessore di mm.2. Un altro motivo che rende l’utilizzo di questo casco maggiormente indicato nella stagione calda che non in quella invernale. Per sostituire la visiera bisogna prima di tutto sollevare la placchetta in plastica di colore nero per accedere alla vite che blocca il meccanismo alla calotta. Con una chiave a brugola possiamo quindi rimuovere la vite e la visiera. Per rimontare il tutto basta agire in modo inverso.

Numeri e colori 


La calotta esterna è stampata in una sola misura in materiale termoplastico e consente taglie che vanno dalla XS alla XL. Il peso da noi rilevato (gr.1495) è di poco superiore a quanto dichiarato dal produttore (da gr.1.350 a gr.1.400), ma visto l’ottimo bilanciamento del B-Tech possiamo affermare che il suo peso non si sente durante l’utilizzo, nemmeno dopo varie ore di guida.
New Max propone il Brembo B-Tech in tre varianti colore: bianco lucido con mentoniera titanio opaco, titanio metal con mentoniera argento, nero opaco con mentoniera nello stesso colore e per finire la nuova colorazione "allwhite" presentata all'EICMA. 

Il prezzo consigliato per questo casco è di Euro 298, al pubblico iva inclusa.
Da notare come New Max e Brembo propongano lo stesso casco anche in versione jet, sempre con il sistema di ritenzione del cinturino Automatic Fit Belt ad un prezzo di Euro 248.


Conclusioni


B-Tech è un mix di estetica e di nuovi dispositivi. Non è un integrale nel senso classico del termine perché la sua forma si discosta da quella degli altri integrali “normali”. Può piacere o no, ma è un casco diverso da tutti gli altri. Un nuovo concetto di casco integrale che presenta anche due valide innovazioni che riguardano la sicurezza. Il cinturino facile da azionare e da regolare non permette al proprio utilizzatore di calzare il casco senza allacciarlo e questo ci sembra una bella innovazione che vogliamo dedicare a quegli stupidi che si appoggiano il casco in testa senza allacciarlo.
La grande visibilità offerta dalla calotta e dalla visiera extra space ce lo fa preferire a molti caschi aperti che offrono una visibilità più ridotta e soprattutto nessuna protezione per il nostro mento e per la nostra mandibola. Infine la calzata ci è piaciuta molto. Calza senza stringere o arrecare nessun tipo di disturbo, con uno spazio per le orecchie più che sufficiente.
Avremmo preferito un sistema di ventilazione più elaborato e meglio funzionante e una chiusura della visiera più efficace e che andasse a combaciare maggiormente con mentoniera e calotta. Però il fashion ha le sue regole e poi rispetto ad altri caschi “modaioli” questo B-Tech offre una sicurezza decisamente migliore.
Il prezzo di Euro 298  non lo rende certo disponibile a tutte le tasche, ma questi sono i prezzi per i caschi di tendenza che ben vengano se oltre ad essere stilisticamente innovativi propongono anche nuove soluzioni nel campo della sicurezza.

  • Carlo Baldi, GROSSETO (GR)

    Mentoniera

    Grazie per il suo intervento Soloscara. La mentoniera non fa parte della calotta ma viene attaccata alla calotta esterna (come può vedere in alcune foto nella gallery allegata alla prova). Non c'è dubbio che un casco in fibra di vetro con una mentoniera facente corpo unico con la calotta garantisca un'ottima sicurezza, ma il casco B-Tech non solo ha superato le prove omologative (in un laboratorio italiano, particolare da non sottovalutare) ma mi è sembrato sicuro e solido. I caschi da enduro con frontino e visiera garantiscono in effetti una grande visbilità laterale e periferica. Giusta considerazione. Questo casco della Brembo unisce il fashion ad alcune interessanti novità tecnologiche e per questo ci è sembrato interessante metterlo alla prova. Poi chiaramente il mercato offre molte proposte e saranno come sempre i motociclisti a giudicare e ad acquistare di conseguenza. Cordiali saluti
  • soloscara, Rimini (RN)

    Prodotto particolare, però...

    Servizio completo e puntule. Una curiosità però mi rimane: la calotta e la mentoniera sono un corpo unico, oppure si sono limitati ad applicare una mentoniera fissa ( che dalle immagini sembra a sua volta composta da due parti assemblate ) alla calotta del Jet?
    Può sembrare una questione di lana caprina, ma ritengo comunque che una struttura monolitica, magari in fibra composita ( certamente meno "duttile" alle esigenze di styling ed anche più costosa ), sia più robusta, quindi preferibile.
    In tal senso mi preme aggiungere che sul mercato esistino caschi magari meno "fashion", ma con un ottimo campo visivo: i modelli tipo enduro/turistico ( prodotti sia nazionali che esteri ).
    Smontato il frontino finiscono anche per assomiglire al modello oggetto del servizio:
    magari meno "belli", ma con materiali e sistemi di aerazione di provata qualità a cifre non lontane da quelle menzionate.
Inserisci il tuo commento