Razlan Razali tira le somme: “Valentino Rossi ha avuto problemi. Dovizioso aiuti Binder”

Razlan Razali tira le somme: “Valentino Rossi ha avuto problemi. Dovizioso aiuti Binder”
  • di Emanuele Pieroni
Il patron del Team Malese s’è limitato a dire che il nove volte campione del mondo ha dovuto fare i conti con alcuni problemi, mentre su Franco Morbidelli: “E’ stato sfortunato”. Ma a condizionare la stagione è stata un’altra notizia
  • di Emanuele Pieroni
25 novembre 2021

“Valentino Rossi ha avuto problemi, Franco Morbidelli è stato sfortunato” – Così Razlan Razali ha sintetizzato la stagione del Team Petronas sul canale ufficiale della MotoGP. Poche parole per raccontare un rapporto, quello con il pilota di Tavullia, che non ha mai toccato picchi di entusiasmo. Quali siano stati i problemi a cui Razali fa cenno, però, non è ben chiaro, anche se l’impressione è che non ci sia alcuna polemica nelle sue parole e che di fatto il riferimento sia solo a questioni di natura tecnica e di feeling con le gomme e con la moto. Più articolato, invece, il discorso su Franco Morbidelli: “Abbiamo potuto vedere con lui qualche spunto positivo, ma è stato sfortunatissimo – ha aggiunto il manager malese -  Un quarto posto e un podio sono stati comunque risultati significativi, poi ha avuto lo sfortunato episodio che gli è costato l’intervento chirurgico e il lungo stop. Abbiamo cercato di sopravvivere, di fare del nostro meglio e poi abbiamo ricevuto la notizia di Petronas”.

Il dietrofront del colosso petrolifero ha rappresentato, di fatto, la notizia che poi ha condizionato tutta la stagione, con Razali che ha dovuto concentrarsi sull’individuazione di qualche garanzia per il futuro piuttosto che sul presente. Fino alla nascita della squadra “RNF” (le iniziali dei suoi tre figli), all’accordo con WithU’ come main sponsor e alla scelta di Andrea Dovizioso e Darryn Binder come piloti.

“Spero che Dovi aiuti Binder ad adattarsi alla MotoGP – ha concluso Razali – l’obiettivo è fare bene con Andrea e mettere Darryn nelle condizioni di essere il miglior rookie.  Andrea è molto analitico ed è  molto chiaro su ciò che vuole. Penso che la Yamaha abbia bisogno di una prospettiva diversa, soprattutto da un pilota esperto. Dovizioso contribuirà a tutto lo sviluppo e allo stesso tempo aiuterà anche Binder. Con Darryn è un rischio più grande, perché arriva direttamente dalla Moto3, ma se guardi la sua stazza, il suo peso, lo svantaggio che ha in Moto3 e il modo in cui riprende posizioni, frena forte, attacca, sorpassa sono la prova che c’è del talento. Pensiamo che valga la pena provarci“

Ultime da MotoGP

Caricamento commenti...

Hot now