GP DELLE AMERICHE

MotoGP 2019. Rossi: "Rins è stato più bravo di me"

- Valentino ha sperato nella vittoria, ma alla fine ha dovuto arrendersi al pilota della Suzuki: “Quando ho visto cadere Márquez mi sono perfino emozionato, poi però ho capito che Alex ne aveva più di me...Peccato, ma ci riproveremo la prossima volta”
MotoGP 2019. Rossi: Rins è stato più bravo di me

AUSTIN - Fuori Marc Márquez, la pista vuota davanti a sé: inevitabilmente, Valentino Rossi ha iniziato a pensare alla vittoria. Si è anche emozionato, per qualche secondo, poi ha cominciato a capire che se la sarebbe dovuta vedere con Rins.

 

«Quando è caduto Márquez, per qualche secondo, anche di più, ho perso un po’ di concentrazione. Devi mettere in ordine i pensieri, ce l’ho fatta, e pian piano ho staccato tutti. Poi è arrivato Rins. Era forte dappertutto: forse avrei anche potuto farcela a batterlo, ma ho fatto un paio di errori, e lui era più veloce. Era una buona occasione per vincere, non ci riesco da tanto: è un peccato. Ma ci riproveremo».

 

La Yamaha è arrivata bene nel finale?

«Rins alla fine era messo un po’ meglio di me, si fermava molto bene, andava forte in accelerazione. Inoltre, in un paio di curve faceva belle linee per evitare le buche, era un po’ più veloce di me. Se avessi fatto tutto perfetto, magari un attacco disperato all’ultimo giro l'avrei tentato, ma non è stato possibile. Ho spinto al 103%, ma non al 120%, non volevo strafare e cadere».

 

Cosa è successo nel primo lungo che hai fatto?

«Quando mi ha passato volevo controllarlo, ma alla 12 ero molto veloce, e anche se non ho staccato forte ero molto più efficace di lui, ho dovuto mollare i freni per non centrarlo».

 

Nonostante i tuoi tanti anni gare ti emozioni ancora quando sei in testa? Quasi incredibile…

«E’ così, quando Márquez è caduto mi sono emozionato. Ho mantenuto la concentrazione e abbiamo fatto una gara velocissima, molto più del 2018: abbiamo dato 8 secondi al terzo. Non è bastato: Rins è stato più bravo. C’è tanto lavoro da fare, ma siamo sulla buona strada».

 

E adesso, Jerez...

«Negli ultimi due anni è stata una delle piste più difficili per noi, siamo andati veramente piano: sarà una prova importante per capire la nostra competitività».

 

Rins ha detto che da piccolo eri il suo idolo.

«Di questi piloti che dicono che sono il loro idolo ne ho sentiti tanti, ma non è vero… E Brivio (il team manager Suzuki e grande amico di Rossi, NDA) adesso lo togliamo dalla chat (ride, NDA)».

 

Ci pensi al mondiale?

«Io penso che Márquez sia sempre il favorito, anche se ha sbagliato. Dovizioso è primo, io a tre punti, Rins a due da me, e poi Marc: campionato apertissimo tra questi quattro. Io la domenica sono sempre andato forte, anche in Qatar: bisogna crederci».

 

Leggi tutti i commenti 104

Commenti

  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    Poi ci sono team come Suzuki/Yamaha che seguono un pilota e l' altro lo tengono per farlo crescere (più Mir che Vignales che a fine stagione se va avanti così si ritira) poi c' è la Honda che vuole 2 piloti veloci, e mi parere ma anche i numeri dicono essere i più forti del recente motociclismo... Poi c' è Ducati che dopo Lui li ha cannati tutti ....
  • Valentino.Masini, Cesena (FC)

    Si, è stato bravo Rins.
    Non so se sia stato più bravo di Rossi in quanto esiste sempre il fattore moto.
    Diciamo così che Rins e Suziki sono stati più bravi di Rossi Yamaha.
    Guardando la gara in TV senza pregiudizi si è capito subito che Rins era perfettamente in grado di seguire Rossi senza rischiare, al contrario di Rossi che si intuiva benissimo fosse al limite.
    Come sarebbe andata dipendeva quindi più che altro dal fatto se a Rins all'ultimo giro fosse venuto il braccino o meno, non gli è venuto ed ha vinto abbastanza facilmente direi.

    Valentino Masini
Leggi tutti i commenti 104

Commenti

Inserisci il tuo commento