GP DELLE AMERICHE

MotoGP 2019. Marquez conquista la pole position ad Austin

- Marc Marquez si aggiudica la pole position ad Austin con un crono di 2:03.787. Secondo e terzo posto per Valentino Rossi e Cal Crutchlow. 8° Danilo Petrucci
MotoGP 2019. Marquez conquista la pole position ad Austin

Pole position per Marc Marquez, davanti a Valentino Rossi e a Cal Crutchlow. Ottavo Danilo Petrucci, decimo Franco Morbidelli, 12esimo Pecco Bagnaia. Disastro Andrea Dovizioso: dovrà partire dalla quinta fila con il 13esimo tempo.

E’ stata un’altra giornata caotica per il meteo, con le FP3 annullate per una tempesta di acqua e di fulmini - che obbligano i marshall, per la legge americana, a lasciare la postazione, ma con qualifiche disputate con gomme slick. Una situazione difficile da gestire, che, come era scontato che fosse, ha visto primeggiare Marc Marquez, in pole qui per la settima volta consecutiva (anche se nel 2018 venne penalizzato e scattò dalla quarta posizione), per la seconda volta (consecutiva) in questa stagione, 54esima della carriera in MotoGP. Marquez, al di là delle condizioni della pista, è nettamente il favorito: sono alte le possibilità di una sua fuga stile Argentina.

 

UN ROSSI STRATOSFERICO

Data per scontata la pole di Marquez, la sfida per le altre posizioni è stata entusiasmante, con un Valentino Rossi che ha conquistato il secondo posto: è la sua 146esima prima fila in MotoGP. «Domai sarà dura con questo giovane al mio fianco» scherza Marquez, che conferma la grandezza di un pilota che continua a guidare in maniera fenomenale. «E’ incredibile quello che sta facendo» ha sottolineato anche il grandissimo Kenny Roberts, leggenda del motociclismo americano e, più in generale, mondiale. E’ un Rossi tonico: ieri era un po’ in difficoltà sul ritmo, ma solo rispetto a Marquez e a Vinales, che oggi, invece, non è stato altrettanto efficace, solo sesto dopo essere stato primo nelle libere di venerdì. Sul giro secco, la Yamaha funziona molto bene (Quartararo 9, Morbidelli 10), ma funziona bene in generale: Rossi può giocarsi sicuramente il podio. A completare la prima fila, un Cal Crutchlow sempre più costante: fino adesso, è sempre stato protagonista, dimostrando maggiore solidità rispetto al passato.

 

DISASTRO DOVIZIOSO

La migliore Ducati, come era già successo ieri è quella ufficiale, ma del team satellite, di Jack Miller, molto a suo agio su questo tracciato: ha il passo per stare a ridosso del podio, quantomeno. Ottavo Danilo Petrucci, che nella Q1 ha battuto di qualche centesimo il compagno di squadra Andrea Dovizioso, relegandolo in 13esima posizione. «Ieri abbiamo fatto un errore e non siamo entrati nei 10, oggi siamo fuori dalla Q2: non va bene per uno che vuole giocarsi il mondiale» ha sibilato il team manager Davide Tardozzi. Dovizioso, a differenza di tutti gli altri piloti, ha scelto di usare una solo gomma morbida in Q1 per prendere il ritmo: fino a due minuti dalla fine, sembrava che la sua tattica fosse vincente, poi sono arrivati Lorenzo e Petrucci e la sua tattica è quindi fallita clamorosamente. Sul passo ieri Dovi non era messo così male, ma per lui si prospetta una gara difficile: dovrà limitare i danni, cercando di arrivare nei primi cinque. Ma non sarà facile, perché oltre ai primi piloti dello schieramento, va forte anche Vinales, così come Rins (7) e anche i due piloti della Yamaha satellite. Sarà dura per il Dovi.

 

CLASSIFICA

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1st/Prev.
1 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 338.3 2'03.787  
2 46 Valentino ROSSI ITA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 328.8 2'04.060 0.273 / 0.273
3 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda CASTROL Honda 338.9 2'04.147 0.360 / 0.087
4 43 Jack MILLER AUS Pramac Racing Ducati 336.7 2'04.416 0.629 / 0.269
5 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 331.8 2'04.472 0.685 / 0.056
6 12 Maverick VIÑALES SPA Monster Energy Yamaha MotoGP Yamaha 324.9 2'04.489 0.702 / 0.017
7 42 Alex RINS SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki 325.5 2'04.534 0.747 / 0.045
8 9 Danilo PETRUCCI ITA Mission Winnow Ducati Ducati 331.6 2'04.696 0.909 / 0.162
9 20 Fabio QUARTARARO FRA Petronas Yamaha SRT Yamaha 323.7 2'04.941 1.154 / 0.245
10 21 Franco MORBIDELLI ITA Petronas Yamaha SRT Yamaha 322.0 2'05.278 1.491 / 0.337
11 99 Jorge LORENZO SPA Repsol Honda Team Honda 329.2 2'05.383 1.596 / 0.105
12 63 Francesco BAGNAIA ITA Pramac Racing Ducati 328.6 2'05.887 2.100 / 0.504
  • Mattingaz, Rimini (RN)

    Le prestazioni di Lorenzo su una moto così sono veramente preoccupanti...
  • powerslide

    Ben gli sta al bon dovi! Meglio che parta dietro; già le gare sono lente con queste gomme schifose, se poi capita il dovi davanti che ammazza il ritmo per fare le sue strategie del piffero, diventano inguardabili.
    Ottimo Vale a 40 anni, con una moto non al top, a soli due decimi dal pilota più forte in griglia nella sua pista.
Inserisci il tuo commento