mostra aiuto
Accedi o registrati
gp d'australia

SBK 2016. Le pagelle di Phillip Island

- 10 a Rea, 7 a Davies e 8 a Giugliano. 6,5 per Sykes. Il “debuttante” Hayden si guadagna un 7,5, mentre De Angelis solo 6
SBK 2016. Le pagelle di Phillip Island

Quello di Phillip Island è un autodromo bellissimo anche per via della sua posizione, in riva al mare e circondato dalla verde campagna australiana. La pista però è senza dubbio tra le più difficili, e non ha paragoni con nessun altro tracciato al mondo. Il lungo curvone che immette sul rettilineo mette a dura prova le gomme e la resistenza dei piloti. Cadere mentre lo si percorre in accelerazione progressiva e costante può essere pericoloso, come sanno molti piloti che qui si sono infortunati in modo più o meno grave. Da Scassa a Barrier, da Giugliano a Menghi, quest’ultimo purtroppo ancora ricoverato all’ospedale di Melbourne.


Una pista difficile e particolare, non certo facile da interpretare, ma che proprio per questo regala sempre gare incerte ed appassionanti. Quelle che hanno aperto il mondiale 2016 non hanno fatto eccezione ed in special modo la prima, quella di sabato, ha tenuto tutti con il fiato sospeso sino alla bandiera a scacchi. Due belle gare, ma un solo vincitore, il campione del mondo Jonathan Rea, che torna a casa con 50 punti e mette i suoi avversari nelle condizioni di doverlo rincorrere sin dal primo round.

 

LE PAGELLE

Jonathan Rea – voto 10 – Spietato, quasi cinico. Si prepara meticolosamente nei test e nelle qualifiche e poi in gara mette in pratica la sua tattica in modo chirurgico. Resta in scia ai su avversari, risparmia le gomme e poi passa in testa a pochi giri dalla fine per piazzare la zampata vincente. Il pilota migliore sulla moto migliore. Batterlo è difficile o impossibile?
 


Chaz Davies – voto 7 – Chi non si accontenta…..cade. Questa volta Chaz ha fatto il Giugliano vecchia maniera, e pur di non darla vinta a Rea è scivolato, buttando al vento tanti punti. Fatica in prova, come spesso gli capita, ma poi in gara suona una musica diversa. Tutto perfetto sino all’ultimo giro di gara 2. E Rea ha già quasi il doppio dei suoi punti.


Michael VdMark – voto 9 – C’era una volta una Superbike "cimitero per elefanti stufi della MotoGP". Ora la classe regina delle derivate dalla serie lancia in orbita piloti come questo allampanato olandesino che si inventa traiettorie nuove ad ogni curva e che ci ricorda sempre più il Rea vecchia maniera. La sua CBR è più competitiva di quanto si possa pensare, ma il manico ce lo mette tutto lui.
 

Davide Giugliano – voto 8 – Chissà se Aligi Deganello ed il suo team riusciranno ad imbrigliare questo purosangue? Il pilota che abbiamo visto a Phillip Island è senza dubbio diverso rispetto al passato. Commette ancora qualche piccolo errore, ma poi non getta via tutto nel tentativo d recuperare e torna dall’Australia con un bel bottino di punti. Ma aspettiamo a cantar vittoria, e vediamo cosa combinerà in Tailandia, su di una pista che non conosce.
 


Nicky Hayden – voto 7,5 – La Superbike non è facile per nessuno, e Nicky lo sa. Il suo debutto è comunque molto positivo, e senza i problemi alla gomma anteriore anche in gara1 avrebbe lottato per il podio. Perde il duello con Giugliano, ma stava correndo sulle tele e poi non è più abituato a fare a sportellate. Mostra acume tattico e grande esperienza. Diamogli tempo. Candidato al titolo.


Sylvain Guintoli – voto 8 – La Yamaha ha scelto bene. Il campione del mondo 2014 fa un gran lavoro, nel box e in pista. In gara 1 si incavola con Sykes che lo ha rallentato, mentre nella seconda riesce a metterselo dietro. Portare subito così in alto una moto nuova per la Superbike è un grande merito. Ingegnere.

 

Tom Sykes – voto 6,5 – A Mr.Superpole Phillip Island non piace. Lui da sempre fatica a gestire le gomme e quindi qui è tagliato fuori. Però ormai avrebbe dovuto capire che la tattica di andare in testa e fare da lepre non paga. Guarda troppo dall’altro lato del suo box, mentre dovrebbe lavorare maggiormente su se stesso.


Alex Lowes – voto 5 – Ecco un altro che non digerisce il circuito australiano. La R1 di Guintoli vola, la sua annaspa. L’inglese è giovane ed irruento, ma deve cambiare il suo stile di guida se vuole raccogliere qualche risultato e restare nel team ufficiale Yamaha.


Alex De Angelis – voto 6 – Dopo il grave incidente di Motegi, Alex avrebbe avuto bisogno di tanti test invernali per conoscere la sua RSV4. Per riprendere la piena forma fisica un pilota deve stare tanto tempo in moto e Alex non ha potuto farlo. I primi due round del mondiale saranno i suoi test invernali. Lo aspettiamo tra i protagonisti.


Lorenzo Savadori – voto 7 – Poche pugnette, dicono in Romagna. Debuttare nel mondiale Superbike su una pista sconosciuta e con una moto mai guidata avrebbe potuto far tremare le vene ed i polsi a molti, ma non a Lorenzo, che con l’incoscienza dei suoi 23 anni si è buttato gomito a terra nei curvoni di Phillip Island, centrando subito la Superpole 2 e conquistando qualche punto mondiale. In gara due una sbandata assassina gli fa uscire una spalla. Per fortuna niente di grave. Lo rivedremo a Buriram.
 


Leon Camier – voto 7 – Destino infame. Quando era troppo giovane lo hanno buttato su di una moto competitiva (Aprilia RSV4) ora che è all’apice della sua maturità sportiva guida una moto difficile e ancora da sviluppare. Ma lui ce la mette tutta, e in gara 1 conquista un ottimo settimo posto. Never give up!


Federico Caricasulo – voto 10 – A 20 anni ancora da compiere, senza aver mai visto Phillip Island se non in televisione, debutta nel mondiale Supersport con un fantastico secondo posto, superando nel finale anche la vecchia volpe West che invece su questa pista ci è nato. Lui e Savadori sono la conferma che in Italia i talenti nascono ancora. Poi però bisogna accompagnarli e farli crescere.

  • lucamax62, Milano (MI)

    Voti assolutamente corretti , sono rimasto deluso da Hayden un ex campione della MotoGp e pilota ufficiale per oltre un lustro che finisce dietro ad un ragazzo seppure talentuoso, almeno un pò di orgoglio per cercare di stare davanti al compagno di team era doveroso ma in gara lo ha visto sempre da troppo lontano.
    VDM bravo, vedremo se nelle prossime gare saprà frenare l'irruenza e pensare al campionato sempre che la nonnina, cioè la sua CBR rimanga competitiva.

    Yamaha ha il pilota giusto per fare crescere la moto, cioè Guintoli, se riusciranno a dedicare abbastanza risorse al progetto potrebbe essere una sorpresa già da quest'anno.

    Spero che i piloti Ducati si ripetano nelle prossime gare dove Sykes sarà più efficace, lo spettacolo a Philip Island lo ha fatto in buona parte Davies, bravo e generoso ad averci provato.

    Un bellissimo Gp d'Australia speriamo che anche le prossime gare siano cosi e non ci sia il duopolio delle verdone come spesso è successo la scorsa stagione.
  • Undertaker84, Pieve Emanuele (MI)

    Non sono d'accordo su alcuni voti :
    Giuliano 8 ???? Ha una moto che l'anno scorso ha speso 14.000.000 di euro di sviluppo (l'anno scorso avevano la media di un test ogni inizio gara), sostanzialmente una moto ufficiale in tutto con mamma audi che sborsa, non ha mai lottato X la vittoria o meglio l'ottava con van de mark che ha una moto ferma come sviluppo al 2009 . Voto "4"
    Davies 7??? Se non era per le sue staccate , Rea se ne andava entrambe le gare salutando tutto il gruppo, sul rettilineo il bicilindrico farlocco non riesce a prendere nemmeno la scia allo zx10r che non e'nemmeno tra i più veloci. Grande X me Chaz sei un grande voto "10" in quanto se avesse avuto una kawa lo avrebbe cucinato a rea!!
    Ducati voto 1.5 moto scandalosa, la 1199 e'il modello più fallimentare di tutti i tempi, in stock1000 inesistente , ha vinto un mondiale quanto la BMW si e'ritirata, sbk fa ridere alla grande, mamma Audi capirai "DUCATI SOLDI BUTTATI"
    Guintoli con Yamaha voto 8 , moto nuova prendere 3 secondi in gara 1 e 2 secondi in gara 2 e' davvero una bella soddisfazione . Bravi,!!!
    Torres, reiterberger voto "7" 2 gare con una partenza schifosa, sono riusciti a limitare i danni con un team privato e con una moto nuovissima ancora da sviluppare, ragazzi giovani bravi!!!!
    Brokes voto "7.5" , un pilota davvero con 2 palle grosse, dopo aver corso al TT, BSB, ora in sbk si ambienta in gara 1 dove si perse nel traffico, poi in gara 2 lotta con torres e reite e arriva 9 , ma soprattutto prende 10 secondi meno della gara1.
    Yamaha ufficiale voto 7 team ufficiale ottima partenza
    BMW private voto 8 calcolando che la prima BMW e'arrivata 7 e la Yamaha ufficiale 5 penso che i team privati hanno fatto un grandissimo lavoro su una moto che non conoscevano. Bravo genesio e bravi shaun miur
    Honda voto 10 moto vecchia ma ha ridicolizzato le 'prestanti Ducati e kawa'
    Hayden voto 6 gara non brillante soprattutto gara 1
    Van de mark 9 talentuoso, brillante con una moto da museo rispetto alle altre con budget 1/8 di quello Ducati e kawasaki
Inserisci il tuo commento