mostra aiuto
Accedi o registrati
Aziende

MV Agusta: nella ricapitalizzazione entra ComSar e dalla proprietà esce Mercedes AMG

- Il fondo lussemburghese ComSar Invest entra come azionista di minoranza. Il pacchetto di controllo resta in mano alla GC Holding di Castiglioni. Mercedes AMG esce dalla società
MV Agusta: nella ricapitalizzazione entra ComSar e dalla proprietà esce Mercedes AMG

MV Agusta esce da una situazione di stallo durata oltre un anno. Da quando chiese il concordato di continuità, una procedura avviata il 22 marzo dell'anno scorso in seguito a una importante crisi di liquidità. La richiesta di ricapitalizzazione di inizio 2016, rivolta da Castiglioni all'azionista Mercedes AMG e a Banca BPM non aveva avuto riscontro, c'era stato lo slittamento dei pagamenti ai fornitori e il conseguente rallentamento fino a sfiorare lo stop della produzione.

Dopo che il Tribunale di Varese ha approvato il 21 marzo scorso il Concordato pieno con continuità aziendale, accettando il piano industriale proposto e spalmato su cinque anni le imposte dovute, si trattava di muovere gli equilibri societari per uscire dall'impasse.
La svolta è arrivata con l'annuncio del completamento del piano di aumento di capitale grazie ad un sostanziale riassetto della compagine azionaria di MV Agusta Holding, ovvero la società che controlla il 100% di MV Agusta Motor SpA. Riassetto che vede da una parte l'ingresso del fondo di investimento ComSar Invest  SA e, dall'altra, il riacquisto da parte della Holding del 25% delle azioni finora detenute da Mercedes AMG, che quindi esce di scena dopo quasi tre anni.

ComSar Invest SA è una holding registrata il maggio scorso in Lussemburgo. E' un fondo di investimento del gruppo anglo-russo Black Ocean - di proprietà di Timur Sardarov: la sua famiglia è il principale produttore petrolifero dell'Est Europeo - già coinvolta nel processo di ricapitalizzazione dallo scorso novembre.
Nel nuovo assetto avrà una quota minoritaria di azioni di MV Agusta Holding (che comunque parrebbe prossima al 49% di MV Agusta), mentre il restante controllo sarà detenuto da GC Holding, la società di investimenti facente capo a Giovanni Castiglioni

Contestualmente, scrive il comunicato diffuso stasera, MV Agusta Holding ha annunciato il rientro della quota del 25% di azioni detenute finora da Mercedes AMG; la chiusura di questa operazione di riacquisto avverrà simultaneamente all’aumento di capitale che MV Agusta Holding effettuerà in MV Agusta Motor S.p.A. come previsto all’omologa del piano di ristrutturazione approvato il 5 luglio dal quorum del ceto creditorio nel corso dell'adunanza dei creditori per l'esame dello Stato Passivo.
Non è noto il valore delle quote che saranno rilevate da Mercedes rispetto a quando furono cedute e nemmeno quale sarà la partecipazione societaria del fondo d'investimento entrato in MV Agusta. Secondariamente sarà importate conoscere il piano industriale e l'arrivo di novità di prodotto senza le quali è difficile riprendere quota dopo un periodo critico come l'attuale. Peraltro l'immagine internazionale del marchio varesino è restata positiva nonostante tutto.

Il presidente Giovanni Castiglioni ha commentato con soddisfazione. «L’operazione con ComSar Invest nella nostra Holding, attraverso l’aumento di capitale e l’acquisizione delle azioni detenute da Mercedes AMG in MV Agusta Motor S.p.A., rappresentano un importante traguardo al nostro piano, che ha come obiettivo principale il rafforzamento del core business di MV Agusta e la produzione di moto performanti alto di gamma. Il lavoro svolto negli ultimi 12 mesi ha riportato MV Agusta a flussi di cassa positivi permettendoci di completare il nostro piano di ristrutturazione e di supportare costantemente lo sviluppo del prodotto e il consolidamento dei nostri mercati principali».

Timur Sardarov, azionista di controllo di ComSar Invest, ha fatto eco. «MV Agusta è per noi il brand più iconico nell’industria motociclistica. Una società che negli ultimi cinque anni ha effettuato investimenti importanti nello sviluppo del prodotto dando vita ad un’invidiabile gamma che rappresenta oggi un incredibile asset per il successo. Il nostro investimento nel capitale con una visione a lungo termine, così come la nostra presenza nel management, ha come obiettivo, attraverso le nostre competenze, il rafforzamento di MV Agusta nei prossimi anni, consolidando la propria posizione di produttore di moto super premium. Concentreremo il nostro investimento anche per rinforzare la rete vendita così come il servizio e le nostre conoscenze nei campi della tecnologia web e marketing per raggiungere nuovi mercati e per rafforzare la nostra presenza nel mondo digital e social per acquisire nuovi clienti».

 

  • daemon999, Ardea (RM)

    mi piace moltissimo la Brutale 800 Dragster ma effettivamente l'affidabilità e la rete di assistenza di MV (pezzi di ricambio, meccanici ufficiali,etc) mi frena non poco
  • mael56, Baiso (RE)

    mah!! boccata di ossigeno per i dipendenti ma il problema sono : il manico e il patner che non è poco .....
Inserisci il tuo commento