mostra aiuto
Accedi o registrati
gp d'austria

Spunti, considerazioni, domande dopo le qualifiche del GP d'Austria 2017

- Quali potrebbero essere le chiavi del GP? Quali sono state le tre fasi delle qualifiche? Qual è il pronostico di Zam?
Spunti, considerazioni, domande dopo le qualifiche del GP d'Austria 2017

Spunti, considerazioni, domande dopo le qualifiche del GP d’Austria

 

Ideal time delle QP.

L’ideal time (IT) è la somma dei migliori tempi realizzati da un pilota in ciascuno dei quattro settori in cui viene suddivisa la pista (tra parentesi il tempo reale ottenuto, BT).

Marquez 1’23”074 (1’23”235); Dovizioso 1’23”346 (1’23”379); Lorenzo 1’23”475 (1’23”621); Vinales 1’23”601 (1’23”754); Zarco 1’23”737 (1’23”879); Petrucci 1’23”780 (1’23”780); Rossi 1’23”801 (1’23”982); Crutchlow 1’23”952 (1’24”024); Pedrosa 1’23”980 (1’23”985); Abraham 1’24”077 (1’24”220); Iannone 1’24”119 (1’24”185); Baz 1’24”356 (1’24”483).

Considerazioni: Solo per un pilota – Petrucci – l’IT coincide con il BT. Questo significa che nonostante la pista sia corta, con appena 10 curve e, apparentemente semplice, è facilissimo commettere un errore, finire leggermente lungo in una staccata. Da tenere in considerazione per la gara.

 

Quali potrebbero essere le chiavi del GP?

1) La gomma posteriore. Tutti i piloti indicano nella scelta della gomma posteriore la chiave del GP. Al momento, le tre opzioni – soffice, media e dura – sembrano funzionare bene: optare per quella giusta farà la differenza. Come già successo nel 2016;

2) La voglia di rivincita di Dovizioso. Nel 2016, Andrea venne battuto dal compagno di squadra, perché Iannone aveva fatto una migliore strategia. Uno smacco per il Dovi: la sua voglia di trionfare su questa pista potrebbe fare la differenza;

3) La partenza di Rossi. Valentino ha un ottimo passo, ma scatta solo dalla terza fila: i primi giri saranno fondamentali per l’esito della sua gara e, più in generale, del GP;

4) Lorenzo. Fino adesso, Lorenzo ha sempre patito alla distanza: la sua capacità o meno di essere costante fino alla bandiera a scacchi sarà una delle chiavi del GP

 

Velocità massima delle FP4 (tra parantesi la media delle cinque migliori velocità)

Barbera 313,7 km/h (312,4); Bautista 312,6 (311,7); P.Espargaro 312,3 (310,4), Pedrosa 312,0 (309,8); Abraham 311,8 (308,2); Marquez 311,2 (307,2); Dovizioso 309,7 (308,2); Vinales 309,7 (308,2); Kallio 309,3 (307,1); Zarco 308,3 (307,2); Rins 308,3 (306,4); Rossi 307,4 (305,3). Molto indietro Lorenzo 306,3 (305,3) e soprattutto Petrucci 303,7 (301,2), nonostante questa mattina abbia montato un motore nuovo. Un’altra stranezza: la nuova carenatura ha fatto guadagnare velocità massima alla Yamaha, non perdere: ieri Vinales era stato cronometrato a 302,8 km/h (301,4), Rossi 300,0 (298,2).

 

Il passo gara nelle FP4 dei principali protagonisti (secondo l’ordine di classifica).

Marquez: 1’28”326, 1’25”700, 1’24”782, 1’24”550, 1’24”511, 1’24”398, 1’28”757, 1’25”736, 1’24”747, 1’24”504. Box. 1’31”412, 1’24”715, 1’55”287, 1’24”644, 1’24”180, 1’25”116.

Vinales: 1’33”998, 1’25”543, 1’25”097, 1’24”852, 1’31”440, 1’24”665, 1’24”347. Box. 1’24”933, 1’24”960, 1’28”435, 1’25”218, 1’25”846, 1’25”365, 1’31”718, 1’25”510, 1’25”505.

Pedrosa: 1’27”712, 1’25”674, 1’24”999, 1’24”400, 1’24”543, 1’24”929, 1’25”148, 1’24”942, 1’25”269, 1’24”757. Box. 1’25”841, 1’25”857, 1’25”555, 1’25”561, 1’25”712.

Dovizioso: 1’27”987, 1’27”660, 1’25”666, 1’28”066, 1’26”194, 1’24”607. Box. 1’26”089, 1’25”333, 1’26”550, 1’25”263, 1’25”808, 1’29”292.

Rossi: 1’26”178, 1’25”295, 1’25”051, 1’25”060, 1’28”287, 1’24”984, 1’24”682, 1’24”693. Box. 1’26”172, 1’25”249, 1’24”742, 1’24”843, 1’24”644, 1’24”718, 1’24”693, 1’24”982..

Lorenzo: 1’28”135, 1’25”278, 1’25”934, 1’25”148, 1’24”839, 1’24”971. Box. 1’25”059, 1’25”081. Box.

 

Tre frasi delle qualifiche

3) Iannone: «Marquez va forte, ma secondo me la Ducati è più competitiva. L’anno scorso io feci il primato della pista all’ultimo giro: questo dice tutto»;

2) Lorenzo: «E’ tanto tempo che ho smesso di rischiare il tutto per tutto: proverò a vincere, ma sempre stando ben attento al mio limite»;

1) Rossi: «Ho dimostrato di essere un ottimo collaudatore: se la Yamaha mi sta a sentire è meglio, riusciamo a mettere a posto la moto».

 

IL PRONOSTICO DI ZAM

1. Dovizioso 2. Marquez 3. Rossi

  • lorenz753344, Santarcangelo di Romagna (RN)

    Forse non hai capito che le alette non servono a dare velocità ma carico sull'anteriore
  • Iltony64

    carenatura per piu carico sull'anteriore, non per una migliore efficienza = velocità max.
Inserisci il tuo commento