mostra aiuto
Accedi o registrati
test motogp

MotoGP test 2016. Qatar, la cronaca del Day3

- Terza giornata di test MotoGP a Losail. La cronaca di Giovanni Zamagni
MotoGP test 2016. Qatar, la cronaca del Day3

 

Lorenzo conclude in testa l'ultima giornata di test in Qatar. A mezzo secondo si piazzano Redding e Vinales. Marquez e Rossi staccati di circa 6 decimi. 
 

Classifica del Day3

Pos   Rider Team Fastest lap Lead. Gap Prev. Gap Laps Last lap
1   LORENZO, Jorge Movistar Yamaha MotoGP 1:54.810     11 / 51 1:55.824
2   REDDING, Scott Octo Pramac Yakhnich 1:55.326 0.516 0.516 43 / 55 2:41.126
3   VIÑALES, Maverick Team SUZUKI ECSTAR 1:55.333 0.523 0.007 29 / 48 20:52.695
4   MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:55.402 0.592 0.069 52 / 52 1:55.402
5   ROSSI, Valentino Movistar Yamaha MotoGP 1:55.429 0.619 0.027 36 / 55 2:24.026
6   IANNONE, Andrea Ducati Team 1:55.535 0.725 0.106 5 / 52 1:57.462
7   CRUTCHLOW, Cal LCR Honda 1:55.592 0.782 0.057 37 / 46 1:55.989
8   DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 1:55.700 0.890 0.108 47 / 47 1:55.700
9   BARBERA, Hector Avintia Racing 1:55.733 0.923 0.033 8 / 23 1:55.901
10   ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 1:55.882 1.072 0.149 35 / 40 2:47.155
11   HERNANDEZ, Yonny Aspar MotoGP Team 1:55.894 1.084 0.012 17 / 18 1:56.441
12   SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 1:55.966 1.156 0.072 39 / 62 2:31.790
13   BAZ, Loris Avintia Racing 1:56.057 1.247 0.091 20 / 27 2:32.445
14   PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 1:56.142 1.332 0.085 27 / 30 1:57.189
15   ESPARGARO, Aleix Team SUZUKI ECSTAR 1:56.419 1.609 0.277 28 / 32 2:16.227
16   PIRRO, Michele Octo Pramac Yakhnich 1:56.591 1.781 0.172 30 / 63 1:57.603
17   RABAT, Tito EG 0.0 Marc VDS 1:57.027 2.217 0.436 7 / 29 1:57.528
18   BAUTISTA, Alvaro Aprilia Racing Team Gresini 1:57.043 2.233 0.016 50 / 52 2:41.069
19   MILLER, Jack EG 0.0 Marc VDS 1:57.046 2.236 0.003 31 / 40 2:37.251
20   LAVERTY, Eugene Aspar MotoGP Team 1:57.146 2.336 0.100 35 / 51 2:00.988
21   BRADL, Stefan Aprilia Racing Team Gresini 1:57.340 2.530 0.194 41 / 61 2:25.582
22   TSUDA, Takuya Suzuki Test Team 2:00.291 5.481 2.951 18 / 20 2:21.915
 

La cronaca

Live concluso. Di seguito tutti gli aggiornamenti.
  • 4/3/2016 20:26 Vola Jorge Lorenzo: qui, come in Malesia, è stato imbattibile sul giro e sul passo.
    Valentino Rossi è più vicino di quanto dicano i 619 millesimi di distacco: la sua ultima giornata di test è stata condizionata da una caduta (sempre alla curva 10, come il primo giorno). Una banale scivolata, ma non c’era tempo per sistemare la moto e Valentino ha dovuto usare una sola M1, limitando quindi le prove previste. Nel complesso, però, è secondo solo al compagno di squadra.
    La Ducati si conferma una buona moto, in crescita con la Desmosedici GP e costante con la GP15: dietro al tempore di Redding c’è della sostanza. Ma c’è soprattutto per i piloti ufficiali: il ritmo è buono.
    La Honda oggi ha fatto un passettino avanti con Marquez, anche lui però caduto a inizio turno: ma la Yamaha rimane lontana e il miglior tempo Marc l’ha ottenuto in scia a Lorenzo.
    La Suzuki si conferma in grande crescita e, soprattutto, lo è il suo pilota Mavericks Vinales, che oggi ha anche provato il cambio seamless anche in scalata: può essere protagonista.



  • 4/3/2016 20:07 Ecco il cronologico dei tempi: ottima simulazione gara per lorenzo. da notare che marquez l’ha seguito per 12 giri.



  • 4/3/2016 19:59 Lorenzo ha finito i test, così come pedrosa, vinales.
    Prime considerazioni: Lorenzo vola, non solo sul singolo giro, ma anche sul passo; Marquez ha fatto il suo tempo seguendo Lorenzo (durante la simulazione), ma ancora non convince; la Ducati, al di là dei tempore di scott redding (abbastanza costante anche sul passo) patisce ancora qualche decimo, ma, lorenzo a parte, è un linea con il podio; l’Aprilia è in grandissima difficoltà, ma siamo solo all’inizio.
  • 4/3/2016 19:34 lorenzo e marquez rientrano ai box: più tardi l’analisi dettagliata dei tempi
  • 4/3/2016 19:34 lorenzo 1’55”824 nell’ultimo passaggio, 1’55”563 per marquez in scia a Jorge: per marc è il miglior tempo di giornata e sale al 6 posto
  • 4/3/2016 19:30 rossi sale al 4 posto in 1’55”429 a 0”619 da lorenzo, impegnato in una simulazione gara. ultimo giro di jorge: 1’56”159



  • 4/3/2016 19:25 Lorenzo pare stia facendo una simulazione gara. e dietro di lui, a poche decine di metri di distanza, c’è marquez



  • 4/3/2016 19:21 Loris Capirossi chiede a Valentino Rossi come si stanno comportando le gomme Michelin



  • 4/3/2016 19:17
  • 4/3/2016 18:50 vinales 2 in 1’55”333 a 0”523 dal velocissimo lorenzo
  • 4/3/2016 18:44 Ecco un dettaglio della parte inferiore della RC213V


  • 4/3/2016 18:43 I meccanici hanno finito di ricostruire la moto di Marc Marquez dopo la caduta


  • 4/3/2016 18:20 Sono caduti baz e aleix espargaro
  • 4/3/2016 18:19 Bandiera rossa. Al momento: lorenzo 1’54”810, iannone 1’55”535 redding 1’55”585, barbera 1’55”733
  • 4/3/2016 17:40 Probabile rottura del motore sulla suzuki di vinales


  • 4/3/2016 17:17 caduta per barbera, al momento 3 in 1’55”733 (ci sono 3 ducati ai primi 4 posti: iannone 2, barbera 3, dovizioso 4 in 0”4): per lo spagnolo è la prima scivolata della stagione. Vinales, invece, è tornato ai box con la moto spinta da uno scooter.
  • 4/3/2016 17:14 Ecco la Honda RC213V di Dani Pedrosa con le alette aerodinamiche laterali: ormai è obbligatorio averle. Ce ne sono di tutte le dimensioni (quelle della Honda sono le più piccole): qui in Qatar servono soprattutto per tenere schiacciata la moto in accelerazione, limitare, quindi, l’impiccamento. I piloti non si accorgono di grandi differenze, ma i dati sembrano confermare dei vantaggi. Sii arriverà a una regolamentazione? Già nel 2015, gli avversari della Ducati si erano lamentati e avevano chiesto un intervento della Race Commission. Allora non se ne era fatto nulla, ma adesso che tutti i costruttori stanno spendendo soldi su questo aspetto, potrebbe esserci un interventi proprio per limitare i costi


  • 4/3/2016 17:14 All’interno del box di Marc Marquez si lavora per sistemare la RC213V dopo la caduta, senza conseguenze, di Marquez


  • 4/3/2016 16:50 Lorenzo 1 in 1’54”810 (è il primo pilota nei tre giorni a scendere sotto l’1’55”), iannone 1’55”535 marquez 1’55”995, vinales 1’56”035
  • 4/3/2016 16:46 Come si può vedere, la moto è danneggiata solo dalla parte sx (si è anche rotto il semi manubrio), ma è integra dalla parte dx: è stata, probabilmente, una classica scivolata



  • 4/3/2016 16:44
  • 4/3/2016 16:44
  • 4/3/2016 16:43
  • 4/3/2016 16:43 La Yamaha M1 di VR46 viene riportata ai box dopo la caduta



  • 4/3/2016 16:30 Caduta per Valentino Rossi, pilota ok
  • 4/3/2016 16:22 Finalmente si comincia a girare, quasi tutti i piloti sono scesi in pista: all’appello mancano solo dovizioso, pedrosa, pol espurgare, smith


  • 4/3/2016 15:11 Iniziata l’ultima giornata di test: si va avanti fino alle 23 locali (le 21
    in Italia), ma fino alle 18 (le 16 in Italia), verosimilmente nessuno
    scenderà in pista. Intanto in circuito è arrivato Casey Stoner (qui ride e
    scherza con i suoi ex meccanici della Honda, Ginetto e Gagni), sorridente e
    rilassato come sempre negli ultimi tempi. Avrebbe dovuto provare la Ducati
    Desmosedici il 6 e il 7 marzo, ma il test è saltato per un “pasticcio”
    regolamentare: la regola che impedisce di girare sulla stessa pista a 14
    giorni dall’evento vale anche per i collaudatori, non solo per i piloti
    ufficiali. Una disattenzione che aveva ingannato anche la Yamaha, che aveva
    prenotato Losail per i suoi collaudatori l’8 e il 9 marzo: ovviamente anche
    questo test è stato annullato. «Ci scusiamo con Stoner e con tutti i
    ducatisti - ha detto il responsabile del progetto MotoGP Ducati, Paolo
    Ciabatti -. Purtroppo non è possibile provare, stiamo cercando di
    organizzare un test per Casey lunedì 21 marzo, il giorno dopo il GP del
    Qatar».
    Casey rimarrà in circuito fino a domani: dal sorriso, ha accolto senza
    problemi la notizia del mancato test.
  • Mr70a+, Tirano (SO)

    @stiducatti. Ti cito un'esempio extra GP . Più di vent'anni fa chiesi ad Alberto Tomba come potevano sperare di restare motivati i giovani atleti che prendevano da lui un secondo e mezzo a manche.......lui mi disse molto serio ,che non è impossibile recuperare un secondo ......ma è quel l'ultimo mezzo secondo che ti resta che è durissimo da recuperare!!! Aprilia potrà recuperare anche un secondo lavorando bene ,ma credo che a stare nei sette/otto decimi a giro di gap ,almeno per me sarà un'utopia . Nel 2016 impossibile . Ti saluto
  • Stiducatti, Corsico (MI)

    Sono perplesso circa il fatto che non ci sia un articolo al veleno di cobra circa il deludentissimo esordio dell'Aprilia, che ha investito un anno intero in giro per i circuiti del mondo a raccogliere dati e realizzare così una motogp che potesse competere con i marchi più forti e che si trova a incassare dei pesantissimi distacchi.

    Secondo me recuperare più di due secondi - quasi tre, per essere onesti - non è cosa semplice nel breve volgere di un mondiale e coi ritmi concitati che lo contraddistinguono.
Inserisci il tuo commento