mostra aiuto
Accedi o registrati
GP d'Australia

MotoGP 2017. Yamaha: e se il problema fosse il motore?

- Si parla tanto della ciclistica, ma la maggiore potenza del quattro cilindri 2017 potrebbe avere creato uno scompenso nell’erogazione, rendendolo meno pastoso e sfruttabile, con conseguenze sul consumo della gomma posteriore. In più, l’elettronica non è all’altezza di Honda e Yamaha
MotoGP 2017. Yamaha: e se il problema fosse il motore?

PHILLIP ISLAND – L’ingegnere Giulio Bernardelle non ha dubbi: i problemi della Yamaha sono dovuti soprattutto alla gestione elettronica. Honda e Ducati sono più avanti, hanno una migliore messa a punto dei vari controlli e questo permette ai loro piloti di essere efficaci fino al termine del GP, mentre Valentino Rossi e Maverick Vinales sono costretti a rallentare per l’eccessivo consumo della gomma posteriore. Tutto giusto, naturalmente, ma chiacchierando con qualche tecnico del paddock – naturalmente di marchi concorrenti – è emersa una considerazione interessante: l’elettronica sicuramente influisce, ma il limite della Yamaha potrebbe anche essere il motore.


POTENTE, MA CON UN BUCO DI EROGAZIONE

Una teoria verosimile. Quest’anno, la Yamaha ha fatto una salto in avanti nelle prestazioni, perlomeno sotto l’aspetto della potenza e della velocità massima in sesta marcia. Questo, però, potrebbe aver creato uno scompenso nell’erogazione, con un “buco” ai bassi regimi che metterebbe in difficoltà la gomma posteriore, con conseguenze sulla competitività nei giri finali. Il motore, come è noto, è l’unico elemento, per regolamento, che non si può modificare durante la stagione e questo spiegherebbe come la Yamaha non sia riuscita a risolvere i problemi, nonostante le tante modifiche alla ciclistica.


YAMAHA SA FARE I TELAI

Un’altra considerazione: storicamente, la Yamaha è sempre stata molto forte nella progettazione dei telai, un vero e proprio punto di riferimento all’interno del motomondiale. Anche per questo si fa fatica a credere che possa essere un problema di ciclistica: fosse solo quello, sarebbe già stato risolto. Invece, nonostante i cambi di telai – ne sono stati utilizzati almeno tre differenti in questo 2017 – i problemi rimangono e si ripetono, sempre nello stesso modo. Per tutto questo, viene da “incolpare” il quattro cilindri in linea: la maggiore potenza gli avrebbe fatto perdere la famosa “pastosità”, vera peculiarità di Casa Yamaha. Un problema che anche l’elettronica non riesce a coprire. Rimane il fatto che a inizio stagione, Vinales vinceva e il motore era lo stesso; vero, però, nelle prime gare la Honda non era a posto, soprattutto nel motore e la Ducati ha cambiato passo soprattutto a partire dal Mugello (Qatar a parte).

  • WLF58F

    Leggetevi qualcosa sull'intelligenza artificiale che monta la Duca, il denaro che investe in galleria del vento,invece di fare i soliti commentini sterili da saccenti.
    Gli altri costruttori,Honda compresa,da questo punto di vista non eguagliano ciò che han fatto quelli di Borgo Panigale. Aggiungo solo che se avessero MM vincerebbero da subito i prossimi 10 mondiali...Ma di MM ce n'è uno solo(che peraltro con quel sorrisino stampato in viso mi sta abbastanza antipatico)!
    Forza DesmoDovi!
  • massi_, Brescia (BS)

    Sembra di essere tornati al biennio Rossi/Ducati, colpa di tutto e di tutti ma mai mettere in discussione il pilota e la sua squadra.
    Ci sta che abbia sbagliato anche lui eh, succede ragazzi.
    All’epoca pagò il solo Preziosi, che da genio italiano del “Davide che batte Golia” con le sue intuizioni, divenne un arrogante che guarda solo i numeri e non ascolta il pilota.
    A chi poi dice che Vinales è libero di correre con quello che vuole, rispondo che si, può correre con il telaio vecchio; con la consapevolezza però che probabilmente non verrà mai sviluppato e resta fermo dove si trova, mentre la moto nuova viene sempre e comunque sviluppata fino probabilmente a trovare la soluzione.
    Ricordate che Yamaha non è Honda, che ha in pista tre moto ufficiali con tre telai leggermente differenti tra loro (e che provano a turno, come dichiarò Cal) e vengono sviluppati tutti e tre! Forse non vi rendete conto della forza lavoro e forza economica che ci vuole a fare una simile linea di sviluppo
Inserisci il tuo commento