Anteprima

KTM RC 250 e Duke 250 al Tokyo Motorcycle Show

- L'austriaca KTM ha scelto la platea del 42° Motorcycle Show per presentare a sorpresa le inedite RC 250 e Duke 250 dotate di un nuovo monocilindrico da 31 cavalli
KTM RC 250 e Duke 250 al Tokyo Motorcycle Show

Con la serie Duke e RC, nelle cilindrate 125, 200 e 390, KTM ha raccolto ottimi risultati commerciali andando a occupare due segmenti nei quali era assente. Sono due famiglie naked e sport prodotte in India dalla Bajaj ed esportate in numerosi mercati oltre a quello asiatico.

Alla serie attuale si inserisce ora una nuova versione 250 che, in maniera razionale, prenderà il posto della nota 200; in alcuni mercati almeno se non in tutti. Al 42° Tokyo Motorcycle Show che ha aperto oggi, fra una buona rappresentanza di concept giapponesi, KTM ha presentato a sorpresa i nuovi allestimenti della naked Duke della e supersportiva RC con nuove grafiche e soprattutto con l'inedito motore 250.

 

Questo raffinato monocilindrico riprende la struttura e l'impostazione dell'eccellente 390. Ha dimensioni molto contenute grazie agli alberi di trasmissione sovrapposti, pesa 37,2 kg (contro i 36 kg del 375 cc) ed è il 250 con il miglior rapporto peso potenza. Eroga infatti 31 cv a 9.000 giri, con coppia massima di 24 Nm a 2.750 giri. Tecnicamente si segnala per la distribuzione bialbero e quattro valvole, il pistone fucinato, il cilindro in alluminio con rivestimento Nikasil e naturalmente l'iniezione elettronica. I prezzi comunicati a Tokyo sono di 620.000 Yen (4.800 euro circa) per la RC e di 550.000 Yen (4.250 euro) per la 250 Duke.

Dal punto di vista ciclistico le variazioni rispetto alle versioni 390 sono modeste e praticamente identiche sono anche le sovrastrutture. Probabilmente è stato scelto il Giappone per il lancio KTM in quanto la cilindrata 250 è molto diffusa in quel mercato; e poi c'è maggiore affinità con la partecipazione nella categoria Moto3 del motomondiale.
Non si conoscono ancora date d'arrivo e prezzi. Da confermare anche la distribuzione in Europa, ma notando che non ci sono più nel listino italiano di KTM la Duke 200 e la RC 200, la conclusione diventerebbe logica.

foto Max Morri

  • enrico.64, Milano (MI)

    Siccome la Duke 200 andava come un 250, questa motoretta sarà sicuramente un ottima "250". Forse il motore ideale per questo telaio che ne sta ospitando di tante cubature senza denunciare mai particolari problemi.
    La proverò con piacere.
Inserisci il tuo commento