MotoGP 2021

MotoGP. Davide Brivio: “E’ presto per parlare di team satellite”

- Il manager Suzuki precisa che il progetto non è ancora stato approvato: se ne parlerà a novembre. Le trattative con le squadre sono aperte, qualcuno si è fatto avanti, ma per ora sono soltanto chiacchiere
MotoGP. Davide Brivio: “E’ presto per parlare di team satellite”

Non è il momento giusto per creare un team satellite Suzuki, tuttavia ci stiamo lavorando. In una intervista al sito Speedweek.com, il team manager Davide Brivio ha precisato che il top management di Hamamatsu deve ancora approvare i piani relativi al progetto. E l’approvazione non arriverà, nel caso, prima del prossimo novembre.

Che il team satellite occorra, e che Brivio stia facendo di tutto per promuoverlo in azienda, è cosa nota. Già a maggio Davide l’ha ammesso a più riprese.

“Con solo due moto - aveva detto Brivio - è molto più difficile raccogliere informazioni. Spesso nelle prove siamo in affanno, basta un turno bagnato per complicare le cose. E certamente Honda, Yamaha, Ducati e KTM traggono vantaggio dai loro team clienti in MotoGP”.

Ora Brivio ribadisce la necessità, ma sottolinea come al momento nulla sia deciso.

“Ci serve - ha detto Davide a Speedwek - un team clienti per raccogliere più dati e più informazioni sulla moto. Sono convinto che questo possa accelerare lo sviluppo della moto, come dimostrano le esperienze degli altri costruttori. Ma ora si tratta di ottenere il supporto dell’azienda. Dobbiamo presentare il progetto all'interno del gruppo e verificare cosa ne pensano i responsabili delle decisioni".

Purtroppo, aggiunge il manager brianzolo, non è il momento più adatto per via delle incertezze legate alla pandemia e alle conseguenze sui mercati.

"Non è il momento migliore per espandere le attività agonistiche, ma proveremo comunque a mettere l'idea sul tavolo e poi decideremo. Probabilmente ci vorrà tempo, speriamo di saperne di più quando inizierà la prossima stagione".

Alla domanda sui possibili partner per la cooperazione, Brivio è rimasto sul vago.

“Vedremo quali team avranno contratti con Dorna fino al 2026 e poi proveremo a negoziare con loro. Ovviamente supponiamo che tutte le squadre attuali continueranno per altri cinque anni, anche se ci sono voci di un cambio di squadra. Vedremo chi è disponibile e interessato".

Alcune squadre hanno già avuto contatti e presentato progetti a Davide Brivio? Alla domanda diretta, lui non si sottrae.

"In generale fa parte del business cercare l'opzione migliore alla scadenza di un contratto. Ma in questo momento sono soltanto chiacchiere: non possiamo negoziare perché ancora non sappiamo se avremo un team satellite. Sì, alcune squadre hanno fatto la loro richiesta e penso che sia normale, nella situazione attuale, che tutti provino a raccogliere informazioni. Non sarà una cosa facile, perché penso che le attuali squadre rimarranno con i loro costruttori, ci sono almeno quattro team che hanno avuto una partnership molto lunga o molto stretta con l'attuale produttore".

  • ZioOdo

    Certamente vi sono delle difficoltà tecniche, non lo metto in dubbio. Tuttavia sono CERTO che se Brivio dovesse piazzare le moto (e che moto! Fatti, non opinioni), ci sarebbe una fila lunga 100 metri per le squadre e di un kilometro per quanto concerne i piloti.
    Insomma, risolti gli aspetti tecnico/produttivi, l'affare si ripaga da solo ed in tempi molto brevi. E' la mia personalissima impressione.

    Buon Mundialito a tutti.
  • enonuta, Morterone (LC)

    Per caso VR46?
Inserisci il tuo commento