mostra aiuto
Accedi o registrati
MXGP

MXGP: siamo a metà stagione, è tempo di parlare di contratti

- C'è chi può già dormire sonni tranquilli, altri invece hanno un futuro ancora incerto
MXGP: siamo a metà stagione, è tempo di parlare di contratti

Ad Agueda è stata l'ultima volta in MXGP per Anthony Rodriguez quest'anno, anche se il venezuelano ha finito ottavo in MX2: «Mi piacerebbe correre altri GP ma l'ingaggio era solo per due gare. Adesso ho un 450 per correre nei Nationals degli Stati Uniti». HRC schiererà l'australiano Jed Beaton a fianco di Michele Cervellin a Loket e a Lommel, successivamente correrà un giapponese a Frauenfeld e ad Assen.

Jeremy Van Horebeek è tornato in pista ad Agueda: «Ho avuto il nullaosta medico per correre martedì. È stato importante correre qui visto che, fino a fine luglio, non ci saranno più gare in Belgio e quindi non avrei corso per sei settimane se avessi aspettato fino a Loket. Posso naturalmente allenarmi quando voglio, ma non è la stessa cosa, mi sono sentito a mio agio sulla moto, ma non rischierò battagliando in pista». Il belga, molto più rilassato quest'anno, è andato alla grande nelle qualifiche, tenendo un gran passo, ma stando alla larga dagli scontri fisici.

Kevin Strijbos è un altro pilota felice di aver gareggiato prima della pausa estiva, anche se non è andata come sperato: «Ottavo in qualifica è stato un buon risultato e il mio gomito non ha dato problemi, ma nella prima gara mi sono stirato dei muscoli della schiena sulle waves e mi è difficile stare in piedi. Ho corso una gara, posso tornare agli allenamenti tra un paio di giorni e poi gareggiare nelle mie due piste preferite a Loket e Lommel».

Clement Desalle ha prolungato il suo contratto con KRT per altri due anni: «Sono davvero felice di continuare a lavorare con Kawasaki. Mi piace il mio lavoro e mi piace il lavoro che facciamo insieme; è bello che si sia raggiunto un accordo per continuare a lavorare così. È un bene firmare il contratto così presto, poiché ad un certo punto si comincia a pensare al futuro, ma adesso posso concentrarmi completamente su ogni gara e ogni GP per ottenere i migliori risultati per tutti. Sono anche felice perché abbiamo lavorato sodo per un anno e mezzo per sviluppare la moto, che è ormai veramente buona e possiamo restare concentrati sul nostro obiettivo comune, che è vincere le gare».

L'attuale contratto di Jordi Tixier è in scadenza a fine stagione, ed è probabile che la KRT non rinnovi; Il loro obiettivo è Benoit Paturel, che raggiungerà l'età massima per la MX2 tre settimane prima della fine della stagione.

Arnaud Tonus ha firmato per altri due anni con Yamaha Europe per continuare nel team Wilvo di Louis Vosters: «Era la mia prima scelta uno visto che mi sarei unito a Louis e a Wilvo. Ho un ottimo rapporto con loro e so quanto duramente lavorino per rendermi felice, sono grato di questo. La mia decisione di rimanere con Yamaha è stata davvero facile, ho voluto continuare solo con loro. Inoltre, ho provato la YZ450F 2018 e posso dire onestamente che è una moto davvero buona e posso vedere un futuro veramente solido insieme».

Max Nagl non ha ancora nulla in programma per il 2018, mentre attende notizie da Mattighofen. Il team manager di IceOne Antti Pyrhonen: «Sono in attesa di sentire dalla casa e non ho scadenze, Gautier e Max Anstie hanno un contratto fino alla fine del 2018 e abbiamo Mikkel Haarup legato con un contratto di più anni».

Gareggiare in MXGP è dura, bisogna dare credito al pilota di ifly JK Yamaha Ryan Houghton per non aver ancora mollato anche se non ha ancora raccolto punti. Già a Valkenswaard il ragazzo era stato realistico: «il primo passo è arrivare vicino alla zona punti».

Sabato sera in Portogallo il responsabile per la comunicazione Dickie Dye era molto soddisfatto: «Il miglior giro di Ryan è stato solo a quattro secondi dal miglior giro di Jasikonis in quella gara e tutti i suoi giri sono stati entro tre secondi da quello, quindi stiamo andando nella giusta direzione».