mostra aiuto
Accedi o registrati
GP d'Argentina

MotoGP 2017. Due piloti fuori, disastro Ducati

- Lorenzo a terra alla prima curva, Dovizioso centrato al 15esimo giro dall’Aprilia di Espargaró mentre lottava per la quinta posizione: su una delle sue piste favorite, la Casa di Borgo Panigale torna a casa a pezzi. E dopo solo due GP la stagione sembra già compromessa
MotoGP 2017. Due piloti fuori, disastro Ducati

TERMAS DE RIO HONDO – Peggio di così non poteva andare: Jorge Lorenzo fuori alla prima curva, Andrea Dovizioso abbattuto dall’Aprilia di Aleix Espargaró al 15esimo giro mentre era in lotta per la quinta posizione. Risultato zero punti su una pista teoricamente amica. L’unico aspetto positivo è che entrambi i piloti non si siano fatti male, anche se Andrea Dovizioso ha “un ematoma tibiale laterale” alla gamba destra. Il Dovi fa la sua analisi.

«Sono contento per come ho gestito la partenza: ho recuperato tante posizioni, come riesco a fare spesso. Purtroppo, però, non ero abbastanza veloce, fin da venerdì avevamo poco grip al posteriore e non so perché. Per questo non ero troppo efficace in frenata ma, soprattutto, perdevo tanto in accelerazione rispetto a tutte le moto. Nonostante tutti i problemi potevo giocarmi il quinto posto, che sarebbe stato un buon risultato in funzione del campionato».


Sei stato travolto dalla moto di Espargaró , ma tu eri fuori traiettoria: cos'è accaduto?

«Credo che tutto sia stato innescato da Petrucci: lui è molto forte in frenata e cerca, giustamente, di sfruttare questa sua dote. Però stava esagerando: da due giri cercavo di passarlo, ma lui si ributtava dentro dall’esterno non lasciando margine agli altri piloti. Io non l’ho centrato per un niente, mentre Aleix è arrivato forte e ha perso l’anteriore».


Bautista ha fatto un’ottima gara con la GP16: non è che sia meglio della GP17?

«Tra le due versioni non c’è tutta la differenza che si possa immaginare dall’esterno. Le Ducati negli ultimi anni sono state veloci, i team satellite hanno una buona moto, e Alvaro è uno competitivo».


Come si può definire il tuo fine settimana?

«Deludente, anche se avrei potuto fare quinto, partendo dalla 13esima posizione».


L’Aprilia era nella tua scia: non è preoccupante?

«Evidentemente la loro moto è migliorata tanto, e con Aleix sembra competitiva».


Pensi che ad Austin vi potrete rifare?

«Sicuramente, anche se le gomme condizionano molto la prestazione. Qui non avevamo grip con nessuna delle tre posteriori: speriamo che là vada meglio».


LORENZO: “SONO FRUSTRATO. MA CI ARRIVEREMO”

«Sono partito bene, ho recuperato subito 4-5 posizioni, ma a metà della prima curva Iannone ha rallentato, forse perché lo ha fatto qualcuno davanti a lui, o forse è stato costretto a fare una manovra anomala: può capitare in quel momento. Fatto sta che io ero molto più veloce di lui e ho toccato la sua gomma posteriore: così è molto frustrante. Ho bisogno di fare chilometri sull’asciutto, volevo verificare se la nuova posizione di guida (più alta, come le altre Ducati) mi rende più facile la guida, come avevo visto anche nel warm up, invece dopo pochi metri ero già fuori gara. L’aspetto positivo è che sono convinto che adesso abbiamo una base sulla quale lavorare: poco alla volta, ma ci arriveremo».

Leggi tutti i commenti 241

Commenti

  • Gisulfo, Arpino (FR)

    Auguri di Buona Pasqua alla redazione e a tutti gli utenti del forum.
  • Jaeepee, Roma (RM)

    Non capisco questo accanimento contro la Ducati. L'Argentina è stata un disastro anche per Altri team ufficiali, Honda per prima, ma anche Aprilia e Suzuki. È vero, da Termas il team ufficiale Ducati esce con le ossa rotte: brutte le prestazioni in prova e gara da dimenticare. Ma Il livello tecnico della GP17 non è questo; gli scarsi risultati visti in Argentina, sono soprattutto frutto di errori dei piloti, sbagli di strategia nelle prove, e condizioni meteo diverse per ogni sessione di prove, che hanno condizionato pesantemente il risultato finale. In Quatar, Dovizioso ha girato costantemente sui tempi di Vignales, arrivando secondo a pochi decimi da Maverick, anche se bisogna ricordare che, a causa delle condizioni della pista, hanno girato tutti a 3 secondi dal record della pista.
    La GP17 ha sicuramente dei problemi da risolvere, ma è una buona moto. Lo dimostrano le ottime prestazioni delle GP16 e 15, che tanto diverse dalla 17 non sono. L'obiettivo di Ducati è risolvere i problemi di trazione e di inserimento, per far si che, finalmente, si trovi una base competitiva da cui partire nel poco tempo a disposizione nei weekend di gara, senza dover stravolgere la moto nei tre giorni delle prove.
    Lorenzo è stato preso per questo. A me non piace, ma è cinque volte campione del mondo, e molti circuiti portano la sua firma sui record sul giro: qualcosa vorrà dire.
    Diamogli tempo.
Leggi tutti i commenti 241

Commenti

Inserisci il tuo commento