SOCIAL NEWS

I piloti e la noia da quarantena

- Le foto su Instagram di Melandri (al lato B di Manuela Raffaetà) e di Michel Fabrizio (al lato B di Deborah) da una parte allietano lo stop alle corse, dall’altra preoccupano. Ma di sicuro ci intrattengono. Tra sadismo e speranza. E sono sempre meglio delle canzoni di Gigi D’Alessio cantate sul terrazzo o della serie Celebrity Haunted

Rega’, forse un pelo stiamo esagerando. Un pelo di Teddy l’orsacchiotto si intende, quello che fa compagnia a Marco Melandri solo soletto a casa sua con la compagna-moglie Manuela.

Eh no, non stiamo esagerando perché su instagram Melandri stesso ha pubblicato il lato B della Raffaetà con tanto di piedi in punta.

Eh no, non stiamo esagerando perché Michel Fabrizio, dal bagno della sua abitazione ha risposto con una palpata al culo di Deborah, madre dei suoi tre figli (con citazione alla foto che Scott Redding aveva già postato e rimosso tempo fa con la sua fidanzata Jacey Hayden).

E non stiamo esagerando manco per le reazioni che si sono tirati addosso nei commenti ai post, su tutti quello di Johnny Rea rivolto a Melandri: “Marco, stanotte hai spaccato l’Instagram”.

Dall'Abruzzo a Dubai

No stiamo esagerando perché qui si rischia di fomentare una challenge dai toni hard, roba che se fossimo su Tik Tok sarebbe già partita.

Siamo in quarantena da una settimana e passa, dobbiamo restarcene buoni buoni ancora per altre - minimo - tre. Potete immaginare cosa possono produrre questi piloti se li costringiamo a casa ancora per molto? Altro che melodramma Iannone-De Lellis o le foto con la mascherina di Lorenzo da Dubai... (p.s.: ma solo a me Lorenzo pare sempre più simile a Samuel della serie tv teen di Netflix, Élite?).

Qui il rischio è che presto dalle palpate passeremo alle anteprime che fanno vedere i momenti salienti di un video, tipo trailer di Porn Hub (per fortuna adesso è gratis pure la versione premium).

Già ci dobbiamo sorbire le dirette no stop di Jovanotti, già ci dobbiamo sorbire Candreva, Gigio Donnarumma e Fedez che cantano dai balconi delle loro case di City Life, che valgono - spicciolo di più spicciolo di meno - 32 mila euro al metro quadro, già ci dobbiamo sorbire le canzoni di Gigi D’Alessio intonate alle 18 puntuali dalle finestre di tutta Italia, già ci dobbiamo sorbire quella boiata spaziale di Celebrity Hunted, già ci dobbiamo sorbire la sensazione di avere la febbre almeno ogni 40 minuti (che poi se uno se la misura e ha 35.3 è un altro discorso), già ci dobbiamo sorbire Giuseppe Conte sex symbol, quindi almeno voi piloti non superate i limiti della decenza morale, e ve lo dice uno che di decenza morale non ha mai brillato.

Ma un conto è essere praticamente obbligato a starsene a casa e annoiarsi, un altro è approfittarsi della noia e ricordare al 99 percento degli italiani che la propria moglie o compagna (con le quali adesso siamo costretti a convivere) non è come la vostra. Questo, a casa mia, è sadismo. E poi sia mai che qualche femminista se ne accorga e fa scoppiare un casino, se foste calciatori finirebbe sicuramente in questo modo, sappiatelo.

Anche se, a vedere bene quelle foto (le abbiamo viste e riviste tutti, bene, benissimo, tanto da riconoscere le candele Ikea e la lametta Gilette nel bagno di Fabrizio o il tipo di parquet di casa Melandri) più che passo indietro Manuela e Deborah con l’h (ovviamente) hanno fatto un passo avanti. Giusto quello che serviva per farsi ritrarre meglio.

Almeno questo bisogna riconoscerglielo, no?

  • Nietzsche, Omegna (VB)

    Pensare senza sosta ai pericoli del virus non è che faccia tanto bene. E nemmeno aiuta a risolvere la situazione. Se un pilota decide di pubblicare una foto della fidanzata in posa sexy e la foto merita, la guardo con gusto. Se non merita oppure ho altro per la testa la ignoro. Non vedo problemi.
  • OsteoRider, Ferrara (FE)

    Un gesto assolutamente deprecabile non c'è che dire. Ma se il virus agisce come una livella, costringendo ognuno a casa propria senza poter fare mostra di sé a parte pietose dirette su instagram, le chiappe della donna con la quale sei chiuso in casa tutto il giorno diventano il nuovo status quo sociale. Se oggi sei chiuso in casa con un perfetto paio di glutei marmorei puoi essere l'ultimo degli spazzini ma sarai il re di instagram e per un mesetto conterai più di Conte. Da parte mia, restando in argomento, ho dovuto lasciare il meraviglioso fondoschiena della mia a 200km di distanza e vedremo quanto durerà la quarantena ma fatti i conti, se dovessero essere ancora 2 settimane, mi scuserete se una mattina preferirò una bella denuncia alla sofferenza di guardare un pilota che soddisfatto fotografa il suo orsacchiotto.
Inserisci il tuo commento