mostra aiuto
Accedi o registrati
GP di Misano

SBK 2017. Le pagelle del GP di Misano

- Hanno vinto Sykes e Melandri, si sono messi in mostra VdMark e Torres, ma per quanto riguarda la classifica del campionato i verdetti sono chiari
SBK 2017. Le pagelle del GP di Misano

Chi ha seguito in pista o da casa le due gare di Misano non si sarà certamente annoiato. Innanzitutto Rea non ha vinto nemmeno una gara, e già questa è una notizia. Ma quella più importante, e non solo per i tifosi italiani, è che Melandri ha finalmente rotto il ghiaccio ed ha vinto in modo convincente. Quelli che solitamente sono gli outsiders in questo weekend sono stati invece i protagonisti, ma purtroppo sia VdMark, che era in testa alla gara di sabato, che Torres, destinato a salire sul podio il giorno successivo, sono stati fermati dalle gomme. E la Pirelli, assieme alla collisione tra Davies e Rea, ha rappresentato l’unica nota stonata di questo bellissimo weekend.


Hanno vinto Sykes e Melandri, si sono messi in mostra VdMark e Torres, ma per quanto riguarda la classifica del campionato i verdetti sono chiari. Quando mancano sei round al termine della stagione a contendersi il titolo sono rimasti i soli Rea e Sykes con il campione del mondo che può contare su di un vantaggio di 50 punti nei confronti del suo compagno di squadra. Davies e Melandri, staccati rispettivamente di 111 e 133 punti, sembrano ormai tagliati fuori, mentre gli altri sono a distanze abissali.

E’ stato un bel weekend per il motociclismo italiano, che oltre alla vittoria di Melandri in Superbike, ha festeggiato il terzo posto di Caricasulo in Supersport e la vittoria di Faccani in Superstock 1000. Un terzetto di piloti “made in Ravenna” oltre che “made in CIV”.


E, ciliegina sulla torta, c’è stato più pubblico rispetto alle edizioni precedenti. In Superbike tira aria di rinnovamento, ma nel frattempo il campionato delle derivate continua a regalarci spettacolo e personaggi “veri” come Chaz Davies, che dopo il tremendo incidente di sabato, che gli ha procurato la frattura di una vertebra, il giorno dopo è tornato nel suo box, seduto sulla sua sedia a vivere la gara. Pallido e sofferente, ma vicino alla sua squadra.
 


LE PAGELLE

Marco Melandri – 9 - Prima o poi doveva accadere ed è successo proprio a Misano, a pochi chilometri dalla sua Ravenna e davanti al suo pubblico. Il suo terzo posto in Superpole, lui che non ama il giro secco, faceva presagire grandi cose, ma poi ha contribuito al sabato nero della Ducati con una scivolata che, alla prova dei fatti, gli ha negato una clamorosa doppietta. Siamo certi che questa vittoria segnerà una svolta nel suo campionato e lo aspettiamo ad una conferma.


Jonathan Rea – 8 – Questa volta lo schiacciasassi non ha tritato tutto e tutti. Da campione vero Johnny è riuscito a tirare fuori il massimo anche nei momenti difficili, tanto da salire sul podio anche dopo una caduta. Perde cinque punti nei confronti di Sykes, ormai unico antagonista nella lotta per un terzo titolo mondiale sempre più vicino.


Chaz Davies – 7 – Quattro per la solita caduta all’uscita di una curva lenta, ma dieci per il cuore che ci mette sempre e per essere tornato nel suo box con una vertebra fratturata e dopo una notte in ospedale. Misano sancisce il suo definitivo addio al titolo mondiale, almeno per quest’anno. La speranza è di rivederlo presto sulla sua Panigale, magari già a Laguna fra tre settimane.


Tom Sykes – 7,5 - Troppa grazia Sant’Antonio! Si merita la Superpole con un giro fantastico che frantuma il best lap di Misano, e poi trova una vittoria del tutto insperata in gara1. Ma le gare bisogna finirle e lui lo ha fatto. Domenica la Pirelli gli regala il podio fermando Torres. Torna a casa con 5 punti recuperati a Rea, che servono per tenere vivo il campionato. Tieni duro Tom!


Jordi Torres – 7,5 – Misano è favorevole alla BMW e lui non si lascia sfuggire l’occasione di tornare a lottare per il podio come faceva in Aprilia. Le cadute ed i ritiri di sabato gli regalano il quarto posto, ma il giorno dopo paga tutto con gli interessi. La gomma posteriore lo tradisce e gli nega un podio sacrosanto. Chi dice che in Superbike non ci sono talenti non conosce Jordi.


Xavi Fores – 6,5 – Vale quanto detto per Torres, anche se a fermare lo spagnolo della Ducati non è stata la gomma, ma un problema tecnico alla sua Panigale. Domenica sarebbe stata dura per chiunque metterlo dietro, perché Xavi aveva annusato l’odore del podio. E’ in credito con la fortuna.


Michael van der Mark – 7,5 - Cosa sarebbe successo se la gomma non l’avesse tradito in gara1? L’olandese sembrava in grado di tenersi dietro tutti, ma purtroppo per lui non lo sapremo mai. In gara2 parte male e la sua rimonta lo porta ai piedi del podio. Ma ormai lui e la Yamaha ci sono.
 


Alex Lowes – 5 – Si ritrova sul podio senza quasi saperlo e senza meritarlo. Per festeggiare, il giorno dopo si sdraia per la quarta volta nel weekend. Troppo discontinuo ed incline all’errore. Non merita la Yamaha ufficiale.


Leon Camier – 5 – Senza le cadute in gara1 avrebbe fatto fatica ad andare a punti, mentre domenica si ferma per problemi alla sua F4. Lui nega (per contratto) ma il suo rapporto con MV sembra ormai davvero al capolinea.


Eugene Laverty – 7 – Ecco un altro pilota che meriterebbe una moto competitiva. Sesto e quinto con questa RSV4 non è cosa da poco. Nei box Milwaukee si è rivisto Romano Albesiano. Speriamo non fosse solo una visita di cortesia


Randy Krummenacher – 6 – Entra nella top ten e questa è già una notizia. Haslam gli ha dimostrato che la sua moto può andare forte e lui l’ha capito. Deve sfruttare le prossime gare per dimostrare di poter stare in Superbike.


Raffaele De Rosa – 6 – Sfrutta la pista favorevole alla BMW per aumentare il suo feeling con la S1000RR e raccogliere qualche punto, ma da lui ci aspettiamo di più.

  • babau551

    non condivido assolutamente. 9 a Melandri insomma...nella prima si è sdraiato nella seconda si è messo a festeggiare come se avesse vinto il mondiale, con 5,32 gare di stacco farebbe meglio a mantenere un profilo un pochino più basso. 8 a Rea, "Questa volta lo schiacciasassi non ha tritato tutto e tutti"...beh...se viene cecchinato dagli altri, si prende pure qualche carenata dalle ducati....e comunque arriva terzo, forse avrebbe meritato di più. Ma in fondo poco importa....le pagelline hanno valenza giusto a titolo di chiacchiera
  • fragiga, Vimercate (MB)

    Davies è da 10 perché è Davies. Forse mi ripeto....
Inserisci il tuo commento