mostra aiuto
Accedi o registrati
Dirt Track

Superprestigio 2015: Marc Marquez davanti a tutti

- Marquez stupisce anche nel Dirt Track, riuscendo a far segnare il miglior tempo nella classe Superprestigio. Alle sue spalle Toni Elias. Nella Open Brad Baker è il pilota più veloce. Domani la diretta live
Superprestigio 2015: Marc Marquez davanti a tutti

Al Palau Sant Jordi Arena i piloti hanno finalmente messo le ruote sull’ovale di terra battuta, per la prima sessione di prove della classe Open e Superprestigio. I due piloti americani Jared Mees and Brad Baker hanno sin da subito trovato il loro ritmo, come anche Marc Marquez, Toni Elias e Ferran Cardús. 

Nella classe Open, Brad Baker è stato il pilota più veloce riuscendo a fermare il cronometro su un tempo di 11.917, seguito da vicino da Ferran Cardús con 11.949 e Jared Mees, 11.978 per lui. Marc Marquez, nella classe Superprestigio, mette in riga tutti sin da subito con un tempo di 11.767, alle sue spalle Toni Elias con 11.866 e Marcos Ramírez subito dietro.

I commenti dei piloti

Marc Marquez

Per ottenere un buon risultato c’è bisogno anche di un po’ di fortuna

«Ho sempre apprezzato la terra battuta del Superprestigio. Si tratta di una disciplina completamente diversa dalla mia e con un livello molto alto dei partecipanti, mi toccherà fare sicuramente del mio meglio quest’anno. Ieri ci siamo allenati molto sul tracciato di Rufea, ma per ottenere un buon risultato c’è bisogno anche di un po’ di fortuna. Ho potuto provare ieri la moto da Dirt Track di Jared Mees e ho avuto la sensazione che la sua moto abbia molto più grip della mia. Entrambe sono Honda ma completamente diverse l’una dall’altra».

Toni Elias
«Far parte di questo evento è qualcosa di speciale, qui al Palau Sant Arena mio padre e mio zio Jordi hanno partecipato alla prima gara su sterrato e poco fa Jordi ha esordito nel Supercross. A Las Vegas sono riuscito ad imparare lo stile di guida americano. Questa mattina siamo riusciti a migliorare rispetto a ieri. Partire subito bene è fondamentale in questo tipo di gare e questo è sicuramente uno dei punti deboli. Nella passata edizione ho fatto alcuni errori e spero di non ripeterli anche quest’anno. Marc è sempre andato bene in questa disciplina e devo cercare di imparare molto da lui».

Brad Baker
«Ho avuto una stagione difficile quest’anno, ma adesso sono riuscito a recuperare bene. Essere nuovamente a Barcellona è una sensazione fantastica. Sono felicissimo di poter correre e Jared e Marquez saranno sicuramente i miei principali rivali. Tutti hanno aumentato il proprio ritmo, ma alla fine il mio obiettivo sarà sicuramente quello di vincere il Superprestigio di quest’anno».

  1 di 4  
  • freccia verde 37, Cerro Maggiore (MI)

    Ma se un pilota prende la brutta strada di rossi non è che sia molto piacevole, a parte i mondiali vinti con scorrettezze o l'ultimo a tavolino xk in realtà lorenzo era già in grado di vincerlo, ma visto gli anni e sviluppo dedicati a yamaha doveva starsene dietro.
    Poi la fama se l'è creata facendo il simpaticone con polli a bordo- bambole gonfiabili etc etc che fino a 20 anni ci stà, ma dopo si cresce come mentalità professionale, cosa mai avvenuta visto che le polemiche inventate o tirate fuori dal doc non siano molto belle da un vero professionista e del resto il calcione, potevo capire se un gesto simile lo facesse proprio lo spagnolo, evidentemente molto piu professionale di lui visto che il mondiale lo ha perso da solo e marc non ha fatto che seguire il gioco creato da rossi, se mi rompono le biglie a me e poi vuoi passare x vittima dicendo che è un complotto certo che dopo veramente ti creo la vita impossibile e marc non ha fatto che questo, gli si è impiantato davanti e fatto perdere il mondiale, bisogna essere realisti e non rossigniani e basta, chi non lo ha fatto in pista, be io un sacco di volte nel motocross visto che nella gara 1 mi si impiantava un pilota che avevo delle storie già x diverse gare, alla fine ero io a metterlo in difficoltà, in velocità molto meno ma è successo, poi se hai + motore o vai piu forte passi, ma costringere a un fuori pista o dare un calcio in qualsiasi sport e specie dove c'è anche molto rischio no!!!
    Non voglio dire che ha ragione marc, ma torto marcio rossi si, ed è già buono a non aver sospeso x tot stagioni la licenza perchè il gesto è da via legale volendo guardare, non è piu un gesto atletico ma punibile con sanzioni legali, diciamo che i favoritismi non mancano, quindi un marc giovane e già di suo che rischia e cade x andar forte si potrebbe capire se volesse puntare il dito, ma non l ha mai fatto e quindi molto + cresciuto mentalmente, evidentemente rossi ha dei mostri già di suo e non sa piu come arrampicarsi sugli specchi, se dovessimo guardare tutte le stupidate in buona fede di Simoncelli allora!
    Non credo che sia stato fatto appositamente quando buttava giu o entrava da killer, era giovane e inesperto, ma nessuno disse A, poi nei box lui stesso disse ( be se non sono capaci che vadano a fare le ballerine) ma era giovane e voleva dimostrare, cosa che rossi a tutto da dimostrare, tranne di far vedere che in moto sia bravo, forse se lavorasse piu su se stesso e non parlo di aspetto fisico ma mentale e crescere, allora non dovrà dimostrare + nulla a nessuno anche senza vincere un mondiale, quello è il momento in cui sarà un vero campione.
  • freccia verde 37, Cerro Maggiore (MI)

    Rossi da perdente non sa perdere punto............... o punti.
    Tanto è vero che rossi non ha mai divertito come pilota, non ha stile ne velocità, solo tanta esperienza e il mezzo, se vogliamo parlare se nasca un altro fenomeno come lui rispondo No, anche xk le giostre stanno scomparendo x lasciar campo ai parchi di divertimento e anche il circo non è piu frequentato come una volta, pagliacci se ne vedono molto meno, cessi sul bordo pista o il bar x il caffè o il pollo sul giro d'onore, questo se vuol dire fenomeno Si non li vedremo forse anche x sempre ed è un bene, come piloti ne son passati moltissimi, chi con poca fortuna o chi non ne ha piu voluto sapere della gp, non sto qua a elencare i pilotyi che dopo 2-3 mondiali si son ritirati o passati aa campionati nazionali americani- australiani etc etc, dopo 30 che è sulle piste anche mio nonno ne ha piene di sto rossi, se vai sull'everest dai monaci buddisti pure loro lo conoscono, come non puoi conoscere un pilota dopo mezzo secolo, dai su siamo un po obbiettivi, ci son piloti che hanno vinto 10 mondiali con l'MV e non parlo di Ago che ne ha vinti 15+ 2 quando ancora era un europeo xk il mondiale non esisteva, Obbiali altreo pilota Mv ne ha vinti piu di rossi e se non si conosce la propria passione da vero motociclista e si riconosce solo rossi, allora dico che il motociclismo in italia fa veramente schifo ed è a senso unico, abbiamo campioni del mondo di motocross maschile e femminile- enduro- trial, ma caspita conoscete solo sto rossi, altri piloti e discipline non ne conoscete, wsbk con Pirovano non vi dice nulla che prima era a combattere con veri manici come Kawin 34 e Miky Randy Loson etc, no esiste solo Rossi e basta, bo a questo punto w il calcio che non conosco altro che i nomi di quelli che pigliano in giro il lunedi su striscia la notizia.
Inserisci il tuo commento