mostra aiuto
Accedi o registrati
Road Racing

Guy Martin non correrà al TT 2016

- Anno sabbatico per il pilota del team TAS - BMW, che si dedicherà al ciclismo su strada
Guy Martin non correrà al TT 2016

Niente TT 2016 per Guy Martin: è lui stesso ad annunciarlo  sul suo blog. Dopo un ritiro annunciato e poi smentito alla vigilia della Senior dell’edizione appena conclusa, il popolarissimo pilota britannico ha deciso di prendersi comunque una pausa, non partecipando all’edizione del prossimo giugno della corsa stradale più famosa del mondo.

Un ritiro? Da come la racconta Guy sembrerebbe più un anno sabbatico: non prenderà parte né al TT né alla North West 200 per una sorta di “esaustione”, di mancanza di motivazione anche se in diversi hanno notato come il brutto incidente all’Ulster GP dello scorso agosto lo abbia scosso più di altri. In attesa di prendere una decisione, Martin si dedicherà al ciclismo – altra sua grande passione – partecipando al Tour Divide, gara che porta i concorrenti dal Canada al Messico.

Ma la cosa non significa che abbandonerà le moto, visto che il progetto di tentativo di record a Bonneville è stato solo rimandato alla prossima estate, e usando le sue parole, i rapporti con i proprietari del team TAS sono ancora ottimi. “Dopotutto Bruce Anstey e John McGuinness corrono ancora al TT e sono più vecchi di me, per cui magari tornerò l’anno prossimo”.

Arrivederci, Guy…

  • Arturo-22, Pontinvrea (SV)

    Dispiace che Guy Martin lasci il mondo delle road-race, era ed è ancora un pilota top di questa categoria, ma se ha preso questa decisione, è quella giusta. Ultimamente ha avuto brutti incidenti, e credo faccia bene a tenerne conto.
    Per correre in questo tipo di competizioni ai massimi livelli, oltre ad un manico e pelo sullo stomaco esagerati, ci vuole massima concentrazione e massima motivazione.
    Se una delle 2 manca è giusto fermarsi e riflettere sul da farsi, perchè un piccolo errore in questo tipo di gare, può essere l'ultimo.
    Resta il fatto che per mia personalissima opinione, il TT dell'isola di Man, è la più bella corsa, sia di moto che di sidecar, che esista
  • CAIMANO74, Genova (GE)

    Penso che per riuscire ad arrivare in fondo a gare come quelle del TT e NW200 la cosa fondamentale sia proprio la motivazione.
    Se G.M. sente che proprio questa gli viene a mancare, penso che abbia fatto bene : nessuno oserebbe mai dirli qualcosa di illegittimo.
    Un anno di stop gli farà solo che bene ed auspico che magari nel 2017 sia pronto a ritornare più agguerrito che mai...intanto le doti e le capacità che ha dimostrato non gliele leverà mai nessuno.
    In bocca al lupo grande !!!!
Inserisci il tuo commento