mostra aiuto
Accedi o registrati
prova su strada

SWM Superdual T. La carica delle dual sport

- Sarà forse colpa delle esagerate maxi enduro da 160 cv, ma sta di fatto che c'è tanta voglia di enduro stradali facili. Va di moda chiamarle dual sport e così la rinata SWM cavalca l'onda e sforna la Superdual. Costa il giusto, è comoda e bada al sodo, però il motore vibra agli alti regimi e c'è qualche dettaglio da migliorare

La SWM rinasce sulle ceneri dello stabilimento di Biandronno (Varese) che già ospitò le Husqvarna dell'era Castiglioni prima e BMW poi. La proprietà è cinese, ma la fabbrica e i lavoratori sono 100% Made in Italy, quindi ben vengano i fondi di Shineray Group, che hanno dato nuova linfa al marchio SWM e al polo produttivo lombardo.
La SWM è impegnata in una grande opera di rilancio, che la vede protagonista su più fronti. Ci sono infatti le nuovissime 125 4 tempi (Enduro e Supermoto), di cui leggerete presto la nostra prova. Vi anticipiamo che motore e cambio sono forse i migliori di questo segmento. C'è poi la linea classica, che offre tre modelli (Gran Milano, Gran Turismo e Silver Vase). Non mancano le mono di indole corsaiola, dedicate sia all'Enduro (300  e 500 le cilindrate) e che al Supermotard (SM500R).
E finiamo ora con l'oggetto della nostra prova, l'enduro stradale Superdual T, che deriva dalla RS650R. A breve arriverà sul mercato anche la Superdual X, che si differenzia per avere i cerchi da 21 e 18" al posto della coppia 19 e 17 della T.

Com'è fatta

La SWM Superdual T nel telaio e nel motore si richiama evidentemente alle Husqvarna TE 610 di qualche anno fa. Il primo è infatti un robusto monotrave in acciaio con telaietto posteriore in alluminio. Di questo materiale è anche il forcellone. Il motore è un monocilindrico di 600 cc, doppio albero con 4 valvole, con alimentazione a iniezione elettronica della Mikuni, catalizzato ed Euro 4.
Ha 54,5 cv a 7.500 giri, ma esiste anche la versione depotenziata per le patenti A2. Dispone di 6 marce e ha la frizione a comando idraulico. Il serbatoio è in acciaio e contiene 18 litri. 
Le sospensioni sono regolabili. Davanti troviamo una forcella Fast Ace (marchio asiatico poco conosciuto in Italia) da 45 mm con 210 mm di escursione. Dietro c'è un mono Sachs con ben 270 mm di escursione. L'impianto frenante è dotato di ABS disinseribile e impiega pinze Brembo che attaccano dischi Braking da 300 mm all'anteriore e 220 al posteriore. I cerchi sono a raggi con camera d'aria e ospitano gomme Tourance Next 110/80-19 e 140/80-17. Il peso a secco è di 169 kg.
La SWM Superdual T costa 7.490 euro, che diventano 8.200 nella versione GT con faretti e borse. Le finiture sono nel complesso discrete. La strumentazione è sin troppo semplice e c'è qualche cavo a vista qua e là; in compenso la dotazione è valida e comprende i paramani, il cupolino alto e le barre paramotore. 

La nostra prova

La Superdual vuole rendere mansueta la sportiva endurona RS650R da cui deriva. E ci riesce. La posizione in sella è comoda, grazie alla sella bene imbottita (distante 89 cm da terra) e al cupolino che ripara discretamente dall'aria. La sella un po' infossata non dà troppa libertà di movimento ai piloti sopra il metro e ottanta, mentre il passeggero è ben ospitato, grazie a pedane basse e pratiche maniglie posteriori. Il big mono sopra i 6.000 vibra un po', ma è inutile spingersi così su, perché il meglio di questo motore è concentrato tra i 3 e i 6.000 appunto. C'è un sensibile effetto chiudi-apri sul comando del gas, che invita ad agire con polso fermo per attenuare il fenomeno. Il bialbero non è prontissimo nell'avviamento, ma poi si fa apprezzare con una bella erogazione piena e gentile. Manca la castagna ai medi dei vecchi mono a carburatore e di questo dobbiamo probabilmente ringraziare (ironicamente) l'Euro 4. In compenso il rumore di scarico è molto piacevole e l'andatura della SWM Superdual T resta brillante anche sui percorsi misti. Il peso infatti non si avverte e la moto varesina è immediata nel chiudere anche i tornanti più stretti. Ci è piaciuta la frenata Brembo, non tanto per la potenza (nella media), quanto per la facile modulabilità. Le sospensioni vantano una forcella dalla taratura quasi sportiva, che affonda poco, e un mono che invece si mostra leggermente sfrenato sui dossi (ma si può agire sulle regolazioni).
La SWM Superdual T - l'avrete capito - bada al sodo: prestazioni nella media, confort anche per due e tanta praticità d'uso per conquistare chi in viaggio non cerca potenze ed elettronica da Space Shuttle.

Pregi

Guida facile e poco impegnativa | Dotazione standard | Prezzo

Difetti

Vibrazioni | Posizione in sella per i più alti

Abbiamo usato

Casco X-lite X551GT
Giacca Tucano Urbano Multitask
Jeans Tucano Urbano
Guanti Tucano Urbano

Scarpe TCX

 

  1 di 7  
  • camusr

    Leggera, maneggevole, si ok... Ma con le valige montate è più larga di un Africa Twin... mi lascia un po' perplesso...
  • Antonino02, Massa Lubrense (NA)

    Comprendo le esigenze di immediatezza legate al mezzo ma mi piacerebbe sapere di più sulle caratteristiche tecniche del motore :ad es l'imbiellaggio è ancora identico a quello Aermacchi delle prime Cagiva la lubrificazione mi sembra fosse a carter umido fasatura diagrammi caratteristiche della manutenzione i radiatori mi sembrano 2 etc. sono elementi che incidono sulla valutazione di una moto anche se semplice ed economica.
    grazie lampeggi
    Antonino Schisano
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Swm Superdual 600 (2017)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Swm
  • Modello Superdual 600
  • Allestimento Superdual 600 (2017)
  • Categoria Enduro Stradale
  • Inizio produzione 2017
  • Fine produzione n.d.
  • Prezzo da 7.300 - franco fabbrica
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.240 mm
  • Larghezza 905 mm
  • Altezza 1.385 mm
  • Altezza minima da terra 180 mm
  • Altezza sella da terra MIN 860 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse 1.510 mm
  • Peso a secco n.d.
  • Peso in ordine di marcia 169 Kg
  • Cilindrata 600 cc
  • Tipo motore termico
  • Tempi 4
  • Cilindri 1
  • Configurazione cilindri n.d.
  • Disposizione cilindri n.d.
  • Inclinazione cilindri -
  • Inclinazione cilindri a V n.d.
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione iniezione
  • Alesaggio 100 mm
  • Corsa 76,5 mm
  • Frizione multidisco
  • Numero valvole 4
  • Distribuzione bialbero
  • Ride by Wire No
  • Controllo trazione No
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 57 cv - 42 kw -
  • Coppia n.d.
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata n.d.
  • Tipologia cambio meccanico
  • Numero marce 6
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 18 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale catena
  • Telaio Monotrave doppia culla in acciaio altoresistenziale intubi a sezione circolare; telaietto posteriore in lega leggera
  • Sospensione anteriore Forcella teleidraulica Fast Ace a steli rovesciati e perno avanzato; regolazione freno idraulico in estensione. Ø Steli mm. 45
  • Escursione anteriore 210 mm
  • Sospensione posteriore Progressiva "soft damp" con monoammortizzatore SACHS idraulico; regolazione del precarico della molla del freno idraulico in compressione (doppia) ed estensione.
  • Escursione posteriore 270 mm
  • Tipo freno anteriore disco
  • Misura freno anteriore 300 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 220 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote raggi
  • Misura cerchio anteriore 19 pollici
  • Pneumatico anteriore 110/80-19"
  • Misura cerchio posteriore 17 pollici
  • Pneumatico posteriore 140/80-17"
  • Batteria 12V-6Ah
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Swm

Nuovo: Swm Superdual 600 (2017)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Usato: Swm Superdual 600 (2017)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta