mostra aiuto
Accedi o registrati a MyMoto
prova anteprima

Quadro 3D

L'antagonista
- Breve test, nell’ambito del Motor Bike Expo veronese, di una versione "spogliata" dello scooter a 3 ruote realizzato dalla varesina Quadro, che dovrebbe andare in produzione nei prossimi mesi
Quadro 3D


Sulla pistina da supermotard allestita nel piazzale del Motor Bike Expo di Verona appena conclusosi, abbiamo percorso qualche giro con un prototipo semi-definitivo del Quadro 3D, l’interessante scooter a tre ruote progettato dallo staff di Luciano Marabese,  che verrà realizzato presso la struttura adiacente a quella di  Marabese Design, a Cerro Maggiore (Varese).
Cioè esattamente dove sono stati concepiti i veicoli a 3 ruote di Piaggio, cioè i vari MP3 ed il Gilera Fuoco, best seller assoluti sul mercato francese.

Uno scooter "'planetario"

Come ricorderete, il nuovo veicolo è stato presentato staticamente a Milano, sia al Planetario (lo scorso settembre) che all’Eicma, dove alcuni filmati mostravano le sue brillantissime evoluzioni e le gran pieghe in parallelo con quelle dell’ardito fratellone 4D, il “4 ruote” il cui sviluppo procede parallelamente, ma che non arriverà prima della fine di quest’anno.
Stiamo parlando di due interessanti  mezzi alternativi  all’automobile, ideali per coloro che intendano muoversi – sia in città che fuori – con un maggior livello di sicurezza rispetto ad una qualunque “due ruote”, con prestazioni soddisfacenti abbinate ad una manovrabilità decisamente superiore a quella di una qualsiasi auto, o minicar che sia.

Il motore

Il Quadro 3D provato a Verona è equipaggiato con un motore Aeon (quindi Made in Taiwan) da circa 310 cc, capace di una trentina di cavalli. Quanto alla ciclistica, rispetto agli omologhi veicoli Piaggio – dove il sistema anteriore di sospensioni  è piuttosto articolato e complesso, ed ingombrante in senso trasversale (in particolare nella parte superiore) – il sistema idraulico ideato da Marabese è decisamente semplificato, come del resto si può evincere dalle foto scattate durante il nostro test, non a caso effettuato con un prototipo privo della carrozzeria anteriore. Il quadrilatero della sospensione è evidentemente molto compatto, mentre il reparto sospensivo è affidato a due elementi privi di molle, collegati tra loro tramite un serbatoio idraulico centrale. Il tutto risulta evidentemente molto compatto, a vantaggio soprattutto del peso, dichiarato in circa 190 kg a secco, contro i 204 dichiarati per l’MP3 300 i.e., che, lo ricordiamo, è spinto da un monocilindrico da 278 cc con 22,5 cv dichiarati.

Col Quadro 3D ebbi  già un approccio stradale un paio di mesi fa, ma si trattava di un prototipo veramente da battaglia, totalmente privo di carrozzeria: il classico “muletto” da sgrezzare percorrendo chilometri e chilometri tutti i santi giorni, insomma, con tanti particolari ancora sistemare, e molto inerziale nei cambiamenti d’inclinazione. 

L’esemplare provato a Verona era decisamente più a posto, ma a mio avviso ancora migliorabile per quanto riguarda il classico “piff-paff” in cui ci si trova spesso nel traffico, o comunque su una strada sinuosa


L’esemplare provato a Verona era decisamente più a posto, ma a mio avviso ancora migliorabile per quanto riguarda il classico “piff-paff” (a Le Castellet c’è una chicane bella secca che si chiama così) in cui ci si trova spesso nel traffico, o comunque su una strada sinuosa. Un comportamento che, guardando i filmati diffusi anche all’Eicma, sembrerebbe non esistere, e che a quanto pare non dipende da un difetto di progettazione, ma da una scelta voluta.
Chiariamo. Trattandosi di un sistema idraulico, è chiaro che l’olio presente negli elementi sospensivi (in questo caso un SAE 10) venga compresso da una parte verso l’altra quando si curva. È logico che  l’olio compresso dall’ammortizzatore interno alla curva impieghi un certo tempo per passare nel cilindro centrale di compensazione e quindi nell’altro ammortizzatore, quando si cambia inclinazione.
Quindi, più l’olio è denso, e più la temperatura ambientale è bassa (e a Verona faceva freddino…), più tempo si impiega a piegare e rialzare il veicolo. Tuttavia, a quanto ci è stato spiegato, dopo numerose prove in merito è stata scelto oculatamente un olio di questa viscosità, anziché più bassa, quindi più fluido, per evitare di mettere in difficoltà i neofiti con un comportamento troppo reattivo.

In effetti, alcuni dei  tester presenti a questa prova non avevano mai provato uno scooter a 3 ruote in precedenza, quindi hanno percepito l’inerzia direzionale, ma il loro giudizio sulla guida si è concentrato principalmente sulla notevolissima sicurezza in appoggio che un avantreno del genere conferisce al mezzo, anche nelle pieghe spinte fino al fondo-corsa del sistema.
Chi invece conosce i vari MP3 (anche il Fuoco, che però è penalizzato dal peso molto più degli MP3 stessi, Hybrid a parte) si è chiaramente focalizzato sulla maggior “fisicità” richiesta dalla guida del Quadro 3D.
In ogni caso, sapendo che i tecnici della Quadro hanno provato a lungo varie soluzioni idrauliche in fase di ottimizzazione del veicolo, compreso un sistema di taratura manuale tipo quella che si effettua quando si vuol frenare o sfrenare l’idraulica di un ammortizzatore, mi permetto di suggerire – magari come optional – l’adozione di una manopolina graduata tramite la quale il pilota si regoli a piacimento la rapidità di inclinazione del mezzo, in base al carico, alle condizioni di utilizzo in cui si trova, all’estro del momento.

Insomma, il Quadro 3D che ho provato a Verona ha richiesto qualche giro per entrarci un po’ in sintonia, pur sapendo di poterlo comunque inclinare a volontà fin da subito: in effetti è ancora piuttosto sottosterzante, quindi va guidato d’anticipo nell’impostare l’ingresso di  curva e il successivo raddrizzamento in uscita, o contropiega, nelle chicane. Alla massima inclinazione, tra l’altro, avvertivo la ruota posteriore al limite della trazione, vuoi per gli ammortizzatori abbastanza duri, vuoi per il freddo intenso.
Quanto alla frenata, il 3D dispone di sistema integrale con valvola di ripartizione dello sforzo sul posteriore: il tutto è azionato a pedale (posto in posizione comoda, contrariamente all’MP3 LT), che agisce in modo perfino esagerato  su tutti e tre i dischi, oppure con la leva destra sul manubrio, che gestisce un disco anteriore assieme al posteriore, ma che meriterebbe una maggiore modulabilità ; l’altro disco anteriore, governato classicamente dalla leva destra, serve di supporto e richiede una discreta pressione. Anche agendo in contemporanea  su entrambe e leve si ottiene una frenata decisamente esuberante, e personalmente gradirei senz’altro poter contare sull’assistenza di un buon Abs.

Il sistema idraulico ideato da Marabese è decisamente semplificato, come del resto si può evincere dalle foto scattate durante il nostro test


Dove l’MP3 si avvale dell’elettronica, ovvero quando, fermandosi al semaforo, si può evitare di poggiare i piedi a terra bloccando il veicolo in verticale tramite un pulsante sul manubrio, il Quadro 3D sfrutta invece l’idraulica: quindi ci si può fermare e rimanere in verticale tenendo tirata almeno la leva destra sul manubrio, se non entrambe. Ah, la posizione in sella: comoda, direi, e con le gambe ben sistemate, fatta l’abitudine al manubrio abbastanza largo, che consente di governare il mezzo con autorità.
Quanto al motore, che nel mio primissimo approccio non mi colpì particolarmente, ora mi è parso sufficientemente a punto: direi che ha un buon vigore e un’erogazione piuttosto regolare, ma a Verona non c’era spazio sufficiente per verificarne più dei tanto le capacità d’allungo.

  1 di 10  
  • MAZ10, Ravenna (RA)

    viva i 3 ruote

    salve a tutti, sono passato dalla moto stesa ad un fuoco della gilera, e sono rimasto pienamente soddisfatto delle sue caratteristiche di guida e sicurezza. in piega ho sfregato la marmitta e carter variatore senza alcun problema ed anche se non ha molta potenza e comunque divertentissimo. sono favorevole allo sviluppo di questi mezzi e se in futuro uscira un 4 ruote chi sa magari lo prendo. per me poi tutte le moto sono belle. w il motociclismo.
  • tiziocaio, milazzo (ME)

    Flashrandom

    Non so se hai la testa quadrata, quello che so è che un SH 300 è largo 730 mm e un Mp3 250 è largo 745. Evidentemente un centimetro e mezzo fa questa differenza spaventosa tra un mezzo che può infilarsi ovunque e uno che resta (resterebbe) inevitabilmente bloccato!

    Peso e ingombri sono problemi che affliggono qualunque maxi-scooter non è che ce ne sia qualcuno che ne è immune e la coppia di ruote anteriori non costituisce alcun problema in più dato che la carreggiata è di gran lunga inferiore all'ingombro dello scudo e ancor più di manubrio e specchietti. Non mi è mai e ripeto mai capitato di avere avuto il problema di non riuscire a infilarmi da qualche parte per via dell'ingombro delle ruote anteriori ma mi sono sempre e soltanto dovuto fermare per non cozzare specchietto con specchietto come qualsiasi altro scooter o moto.
    Quanto al parcheggio dove entra un SH entra un MP3 quindi non capisco perché insistere su cose che sono palesi sciocchezze e come qualcuno ti ha già ricordato lo scooter non devi caricartelo sulle spalle.
    L'unica situazione ti dç un minimo di ragione è quando c'è da superare uno scalino consistente e lì i 16" di uno scooter a ruote alte fanno la differenza ma è l'unico caso.

    Per il resto ti invito a riflettere su quanto può essere più comodo da movimentare un mezzo che è in grado di stare in piedi da solo e quindi non necessita del pilota di fianco né tanto meno del cavalletto.
Inserisci il tuo commento

Scheda tecnica

Quadro 350D (2010 - 14)
  • Informazioni generali
  • Misure
  • Motore
  • Ciclistica
  • Batteria
  • Marca Quadro
  • Modello 350D
  • Allestimento 350D (2010 - 14)
  • Categoria Altro
  • Inizio produzione 2010
  • Fine produzione 2014
  • Prezzo 5.990 - franco concessionario
  • Garanzia n.d.
  • Optional n.d.
  • Lunghezza 2.330 mm
  • Larghezza 811 mm
  • Altezza n.d.
  • Altezza minima da terra n.d.
  • Altezza sella da terra MIN 780 mm
  • Altezza sella da terra MAX n.d.
  • Interasse n.d.
  • Peso a secco 200 Kg
  • Peso in ordine di marcia n.d.
  • Cilindrata 313 cc
  • Tipo motore n.d.
  • Tempi 4
  • Cilindri 1
  • Configurazione cilindri -
  • Disposizione cilindri -
  • Inclinazione cilindri -
  • Inclinazione cilindri a V -
  • Raffreddamento a liquido
  • Avviamento elettrico
  • Alimentazione n.d.
  • Alesaggio n.d.
  • Corsa n.d.
  • Frizione n.d.
  • Numero valvole n.d.
  • Distribuzione n.d.
  • Ride by Wire n.d.
  • Controllo trazione n.d.
  • Mappe motore n.d.
  • Potenza 23 cv - 17 kw - 7.000 rpm
  • Coppia 2 kgm - 24 nm - 6.000 rpm
  • Emissioni Euro 3
  • Depotenziata No
  • Tipologia cambio automatico con variatore
  • Numero marce -
  • Presenza retromarcia No
  • Consumo medio VMTC n.d.
  • Capacità serbatoio carburante 13 lt
  • Capacità riserva carburante n.d.
  • Trasmissione finale n.d.
  • Telaio n.d.
  • Sospensione anteriore n.d.
  • Escursione anteriore n.d.
  • Sospensione posteriore n.d.
  • Escursione posteriore n.d.
  • Tipo freno anteriore doppio disco
  • Misura freno anteriore 240 mm
  • Tipo freno posteriore disco
  • Misura freno posteriore 256 mm
  • ABS No
  • Tipo ruote n.d.
  • Misura cerchio anteriore 14 pollici
  • Pneumatico anteriore n.d.
  • Misura cerchio posteriore 15 pollici
  • Pneumatico posteriore n.d.
  • Batteria n.d.
  • Capacità n.d.
  • Autonomia e durata n.d.
  • Batteria secondaria n.d.
Quadro

Nuovo: Quadro 350D (2010 - 14)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Usato: Quadro 350D (2010 - 14)

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta