Prova comparativa

Yamaha T-Max 500 2011 vs T-Max 530 2012

Yamaha T-Max 2011 e 2012. Differenze? Tante, ma il concetto rimane sempre quello (e ci mancherebbe che venisse stravolto un best seller!) una evoluzione profonda, sia fuori che dentro, che al primo sguardo può passare quasi inosservata

Yamaha T Max comparativa Sfoglia la gallery


Che il T-Max sia uno scooter dal successo straordinario è cosa risaputa, 180.000 i pezzi venduti dalla sua apparizione sul mercato nel 2001, dei quali ben 115.000 in Italia, sono numeri da acquolina in bocca per qualsiasi produttore.
Prestazioni, look sportivo e ricercato hanno fatto breccia in un mercato, quello italiano, che bada più che nel resto d'Europa al design ma che vede anche nelle prestazioni dinamiche un must irrinunciabile, e per quel che concerne queste ultime, il T-Max non prende lezioni...e paga da nessun concorrente. Purtroppo queste qualità si fanno pagare, e anche questo modello 2012 non viene via per nulla, 10.790 € con l'ABS.

Quando si parla di design, rinnovarsi è quasi imperativo, così come alzare l'asticella per quanto riguarda le prestazioni motoristiche e la guidabilità in genereale. Eccoci allora qui a confrontare il “vecchio”, rappresentato dal T-Max 500 2011, e il “nuovo” cioè l'ultimo T-Max 530 2012.

Differenze? Tante, ma il concetto rimane sempre quello (e ci mancherebbe pure che venisse stravolto un best seller del genere...!) una evoluzione profonda, sia fuori che dentro, che al primo sguardo può passare quasi inosservata.
Parcheggiati fianco a fianco i due T-Max si assomigliano parecchio, ma non c'è bisogno di un'aquila per notare le diversità tra i due. A proposito, ci teniamo a ringraziare Giuseppe Nardelli, che ci ha messo a disposizione, per la prova comparativa, il suo T-Max 2011 in condizioni davvero superbe, e anche il T-Max Club che ci ha consentito di trovare un esemplare totalmente originale (operazione non facile).

Estetica
☻☻☻ Yamaha T-Max 530
Più al passo con i tempi, grazie a superfici e tagli più netti delle carenature, e meno scooteristico nei particolari, il 530 si avvicina al design delle moto “vere”. Vedere il faro posteriore preso in prestito dalla vecchia R1, il profilo dello scudo anteriore più compatto e meno slanciato (gruppi ottici compresi) ma soprattutto una trasmissione a cinghia in bella vista.
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Sarà anche il modello vecchio, ma di rughe non c'è traccia. Le novità tecniche del MY 2012 giustificano in parte il cambio d'abito, ma chi possiede il “500” lo può ancora esibire senza patemi.

Finiture complessive
☻☻☻ Yamaha T-Max 530 
Sempre al top, sia la scelta dei materiali, che l'accoppiamento degli stessi. Belle anche le verniciature. Un mezzo punto in più il “530” se lo meriterebbe alla voce praticità, solo per il fatto che non ha più quelle plastiche lucide che ricoprivano il tunnel centrale, davvero difficile non graffiarle con le scarpe nelle operazioni di salita/discesa dallo scooter, e poi adesso il portaoggetti sullo scudo è dotato di una pratica serratura …
P.S. Sono bastati tre giorni senza passaggio al motolavaggio perchè il sale, presente quasi sulla totalità delle strade, intaccasse irrimediabilmente alcuni particolari metallici all'altezza dei freni e dei mozzi ruota. Il “500” del nostro lettore dopo 2 anni era messo decisamente meglio...
☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Era ben fatto prima, e lo è ancora oggi. Come per l'ultimo arrivato il voto riguardante le finiture è alto, mentre accoppiamenti, verniciature e quant'altro, sono davvero ben eseguiti. Poi ci sarebbero le plastiche lucide e la mancanza della serratura per il vano portaoggetti, e quel mezzo punto in meno … ma di quello ho già scritto sopra!

Ergonomia e comfort
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 530 
Le dimensioni abbondanti aiutano parecchio l'abitabilità del T-Max, che però perde rispetto al predecessore qualche mm nei punti “sensibili”. Il manubrio è ora leggermente più basso, e permette al guidatore di caricare maggiormente l'anteriore, ma questa particolarità alla lunga può stancare, perchè porta più facilmente a guidare con la schiena piegata (postura gobbo di Notre Dame ...). La pedana, o meglio le pedane, visto il voluminoso tunnel che le separa, perdono qualche cosa in larghezza, ma soprattutto hanno una conformazione tale che rende meno piacevole la guida con i piedi che poggiano sulla parte orizzontale delle stesse. La posizione a “piede avanzato” si addice maggiormente.
La sella è perfetta per conformazione, un po' meno nell' imbottitura, pittosto rigida, mentre lo schienalino meriterebbe una posizione più avanzata, così montato si adatta solo a chi supera abbondantemente il metro e ottanta (o a chi guida “sciallato” con gambe e braccia completamente distesi). Non particolarmente agevole poggiare i piedi a terra, a causa sia della larghezza della sella che delle sovrastrutture della carenatura.
I nuovi specchi retrovisori, a parer mio sono più belli esteticamente, ma si dimostrano anche meno funzionali di quelli montati sul precedente modello, troppo lontani e troppo bassi (in città si è sempre a rischio contatto con quelli delle autovetture).

Yamaha T Max (5)
Più al passo con i tempi, grazie a superfici e tagli più netti delle carenature, e meno scooteristico nei particolari, il 530 si avvicina al design delle moto "vere"

☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Il punto in più il “vecchio” lo strappa soprattutto per la posizione di guida, meno sportiva, ma alla lunga più comfortevole, anche in virtù del maggiore spazio per i piedi e della migliore sfruttabilità della pedana, anzi delle pedane, sia che si guidi con i piedi modello Easy Rider, oppure Cadrega Style (la cadrega sarebbe la sedia …). Copia/incolla con il “530” per quel che riguarda la facilità con cui si possono poggiare i piedi a terra. Uno alla volta è meglio, a meno di non essere di gamba lunga, e poi la distribuzione dei pesi e la massa complessiva sono di discreto aiuto per evitare situazioni spiacevoli.

E in due?
☻☻☻ Yamaha T-Max 530
Passeggero no problem con il T-Max 2012, certo è richiesto un minimo di capacità ginnica per salire a bordo, ma una volta sistemato, il secondo ha poco da lamentarsi.
☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Da questo punto di vista non c'è stato alcun cambiamento, le condizioni del passeggero erano e rimangono più che buone, anche nei confronti del nuovo arrivato.

Strumentazione
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 530 
Il Batman Style, o meglio la strumentazione in stile Stealth (l'aereo da caccia invisibile tutto spigoli) guadagna un contagiri analogico di grandi dimensioni e dalla leggibilità ottima, particolarità quest'ultima, messa in secondo piano per quanto riguarda il display centrale. Questo è sì ricco di informazioni, ma è anche di difficile consultazione, soprattutto durante la guida, a causa dei suoi caratteri lillipuziani.
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Strumentazione analogico/digitale, con il contagiri (full digital) relegato a un ruolo secondario a causa della scarsa leggibilità, mentre tutto il resto è a portata di … sguardo.

Motore
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 530 
30 cc in più non fanno certo la differenza, e i 3 CV in più (ora sono 46,5 a 6.750 giri/min.) con una coppia che tocca i 52,3 Nm a 5.250 giri/min. (46,4 a 6.500 per il 2011), non bastano a spiegare le prestazioni più brillanti. Il vero asso nella manica del “530” è la trasmissione a cinghia, che prende il posto di quella a doppia catena in bagno d'olio. Togli 750 gr di lubrificante, fai dimagrire di oltre 3 kg tutto il retrotreno, ed ecco che tornano i conti. La maggior leggerezza della trasmissione a cinghia, rende molto più reattivo alle aperture di gas il bicilindrico Yamaha, mentre il peso complessivo diminuito, permette un migliore funzionamento della sospensione posteriore.
☻☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Alle performance dell'ultimo arrivato, il T-Max 2011 non riesce a tener testa, a meno che non vogliate fere pasticci con scarichi e variatori ad alte prestazioni, ma con ricadute sull'affidabilità, ciò non toglie che il motore del “500” è ancora da considerarsi estremamente prestazionale e piacevole da usare, mentre la trasmissione in bagno d'olio, ruberà qualche cosa in termini di peso e atrito, ma si comporta molto bene.

Come va
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 530  
Che il T-Max sia un modello da prendere ad esempio è cosa nota, che le prestazioni dinamiche siano sempre state al top della categoria, pure, e questo “530” 2012 continua a portare avanti questa tradizione.

 

Parcheggiati fianco a fianco i due T-Max si assomigliano parecchio, ma non c'è bisogno di un'aquila per notare le diversità tra i due

Il cliente tipo del T-Max non si aspetta certo di guidare uno scooter comodo e funzionale, ce ne sono di più comfortevoli e magari con il vano sottosella più ampio (qui ci stanno due semintegrali o un integrale più tuta antipioggia e oggetti vari) ma sulla dinamica di guida non si discute. Le modifiche alla ciclistica, che non hanno però riguardato le sospensioni (forcella con doppia piastra da 43 mm di diametro e mono posteriore) che hanno anche le medesime escursioni, rispettivamente 120 mm e 116 mm, davanti e dietro, rendono il “530” leggermente più agile, e incisivo in ingresso curva, senza che tale caratteristica venga a inficiare le doti di stabilita del bicilindrico di Iwata. Le sospensioni appaio “sostenute”, per non dire rigide, in particolare il mono, seppur migliorato nelle doti incassatorie, fatica a filtrare a dovere le sconnessioni stradali, che di conseguenza si ripercuotono sulla colonna vertebrale del guidatore (e dell'eventuale passeggero).
Salto di qualità invece per la trasmissione. Il nuovo T-Max stacca decisamente il vecchio modello, sia per quanto riguarda la fluidità di attacco nelle partenze da fermo, sia per la reattività alle aperture di gas. Il “530” lascia al palo in ogni tipo di prova, il “500”. Partenza da fermo, prove di ripresa, sono perse in partenza, e non di poco aggiungerei, e questo non è riconducibile al solo aumento di potenza.
☻☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Si sarebbe meritato le cinque stelle, se solo non ci fosse stato il fratellino a succhiargli la coda. Sempre piacevole da usare e prestazionale quando gli si chiede qualche cosa in più, il “500” è ancora uno scooter attuale e molto piacevole da usare. Comfort e praticità sono praticamente sullo stesso livello del “530”, mentre la brillantezza del bicilindrico, che fino allo scorso anno era da prendere come riferimento, ne esce decisamente “appannata”.

Consumi
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 530  
Chi cerca un mezzo parco nei consumi si deve rivolgere da tutt'altra parte. Il T-Max non è mai stato particolarmente risparmioso, e anche questo modello 2012 si dimostra amico della pompa di benzina. Solo stando particolarmente attenti e maneggiando con cura la manopola del gas, si passano i 20 km/l, altrimenti in media si percorrono 17/19 km/l in media, mentre se si gode a sentire il rumore cupo allo scarico e l'allungo del bicilindrico, allora i 15 litri di serbatoio durano poco, e le percorrenze scendono anche sotto i 15 km/l.
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Fino a pochi mesi fa si sarebbe meritato un punto in più, ma se consideriamo che quell'ubriacone del “530” beve un 10% in meno, allora le cose cambiano. E poi adesso la benzina è diventato realmente un bene di lusso e la voce “consumi” richiede maggiore attenzione, anche da parte dei costruttori ...

Comportamento in città
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 530  
Anche se la maggior parte dei T-Max circola prevalentemente nelle nostre città, lo scooter di Iwata non si può certo considerare un mezzo perfetto per la mobilità urbana. Le dimensioni generose non aiutano in mezzo al traffico, mentre le sospensioni rigide mal sopportano ciottolati privi di manutenzione e buche mai riparate. Da parte sua ci mette però un motore che gira volentieri ai bassi regimi e che è sempre pronto allo scatto e alle riprese. Come ho già fatto notare, l'ultimo arrivato ha due specchi retrovisori che nei passaggi stretti tra le macchine incolonnate sono a rischio troppo bassi e larghi.
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 500
In questo frangente le differenze tra il 2011 e il 2012 sono davvero da cercare con il lanternino, ma alla fine dei conti se sorvoliamo sugli specchi retrovisori (decisamente più funzionali) e sulla posizione di guida leggermente più rialzata, la differenza la fa solo la trasmissione più pronta e fluida.

Comportamento extraurbano
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 530 
Questo è il terreno su cui si destreggia meglio il T-Max 530, quando gli spazi si allungano e le curve si allargano, viene fuori la vera natura di questo scooter (vorrei capire perchè la Yamaha sul suo sito ufficiale si ostina a metterlo tra le moto!).
Preciso come un rasoio, con un motore che spinge quanto basta, anzi anche troppo, e un impianto frenante all'altezza di ogni situazione (meglio ancora se monta l'ABS) con il nuovo disco posteriore passato da 267 mm di diametro (come la coppia anteriore) a 282 mm non può che giovare. La buona protezione offerta dal parabrezza regolabile (scomodamente con una chiave a brugola) permette di effettuare anche lunghi trasferimenti senza particolari patemi, mentre le vibrazioni sono poche e poco fastidiose.
☻☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Preferibile per la posizione di guida più comoda e il maggiore spazio per i piedi, il 2011 paga pegno per le maggiori vibrazioni, ma gode anch'esso di una buona protezione aerodinamica.

Yamaha T Max (9)
Preferibile per la posizione di guida più comoda e il maggiore spazio per i piedi, il 2011 paga pegno per le maggiori vibrazioni, ma gode anch'esso di una buona protezione aerodinamica

Le doti di precisione e stabilità sono paragonabili a quelle del “530”, ma le prestazioni complessive meritano un punto in meno a causa della maggior pigrizia, o meglio della minore capacità di ripresa del suo bicilindrico.

Prezzo – Accessori
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 530
Ben dotato e ricco “tecnicamente”, il T-Max 530 si fa pagare caro, come del resto in precedenza hanno fatto i modelli passati. Perde le pedane in alluminio, ma sottopelle guadagna punti con una meccanica rinfrescata, e per gli incontentabili ci sono una serie di accessori per personalizzarlo al meglio. Schienalino per il passeggero, bauletto, copertina, parabrezza fumè, e anche le pedane in alluminio. Ah e non scordate l'antifurto … obbligatorio insieme al catenone da 15 kg per evitare che “involontariamente” il vostro T-Max cambi proprietario.
☻☻☻☻☻ Yamaha T-Max 500
Era caro da nuovo, ma fortunatamente tiene bene sul mercato dell'usato. E poi ha le pedane in alluminio…



Pregi
Yamaha T-Max 530    - Guidabilità – Funzionalità trasmissione - Immagine
Yamaha T-Max 500 - Immagine ancora attuale – Guidabilità

Difetti
Yamaha T-Max 530 - Consumi migliorati ma sempre di tutto rispetto – Posizione di guida troppo caricata in avanti – Sospensioni rigide
Yamaha T-Max 500 - Sospensioni rigide – Qualche vibrazione in più rispetto al T-Max 2012
 

 

 

Sono stati inseriti 21

Commenti

. Commenta
  • 1. assicurazione

    Nei difetti del 2012 ci metterei pure l'assicurazione, in certe assicurazioni e regioni oltre 500cc scatta la fascia assicurativa successiva, e li allora son dolori. E cambiare assicurazione oggi trovando prezzi migliori non è facile.
    crazyscientist -
  • 2. interessante...

    ..vedere la sfida con il bmw.
    michelevian -
  • 3. E' curioso che ne siano

    stati venduti 180.000 pezzi intutto il mondo e, di questi, 115.000 soltanto in Italia ...
    braveweb -
  • 4. Assicurazioni

    A me risulta che lo scatto di fascia assicurativa più onerosa parta da 400 in su.
    Tanketto01 -
  • 5. rsv 850

    Premesso che non siano il mio genere ma mi piacciono queste scalate al podio del maxi-scooter più tecnologico-prestazionale, dico che il nuovo t-max ha un design posteriore meraviglioso mentre il muso ha perso decisamente carattere, pare un qualunque scooter asiatico....detto questo.... il nuovo aprilia rsv 850 (cilindrata ed ovviamente prestazioni a parte) mi pare molto più accattivante ed aggressivo.....poi non so voi......ma lo scooter per antonomasia è proprio APRILIA (e Malaguti)
    Enrico200941 -
  • 6. è sempre uno scooter

    ciao a tutti. ho il modello 2011 e ne vado orgoglioso. e sono così entusiasta del nuovo modello 2012 che già lo desidero. ma vorrei ricordare ai costruttori che si tratta di uno scooter e in quanto tale viene adoperato in prevalenza in città o per brevi percorsi sulle statali. Come tutti sanno ( e qualcuno avrà già provato sulla propria pelle) il più alto rischi di caduta è quando si guida su fondo cittadino tipo pavè o su binari del tram o strisce degli attraversamenti pedonali. mi aspettavo che il nuovo modello prevedesse questo rischio e risolvesse con la tecnologia inserendo una bella centralina antislittamento. mi aspettavo che aumentando la sua potenza avrei trovato anche questo accorgimento per la sicurezza. spero ci pensino per il prossimo modello. la sicurezza non va mai trascurata. altro assente, per uno scooterone usato anche in inverno come comodissimo mezzo di trasporto quotidiano, è un bel condotto che parte dal radiatore e ricicla l'aria calda per riscaldare le mani e gambe del guidatore. due bocchettoni sullo scudo sarebbero davvero graditi. guidare con le mani gelate significa maggior rischio. spero che qualche ingengere accolga la richiesta. comunque è un grande scooter ed è sempre MAX.
    picap -
  • 7. @tanka

    Tanka Unipol ad esempio la fascia la estende fino a 500cc, capisci quindi che alla fascia successiva l'importo non raddoppia ma quasi. Ma son daccordo che chi ha 11000 euro da spendere non si fa di questi problemi.
    crazyscientist -
  • 8. io penso che

    lo scooter per antonomasia sia la Piaggio più che l'Aprilia..
    Pippo200623 -
  • 9. io invece credo che

    Piaggio sia arrivata "a rimorchio" fra gli scooter automatici, il capostipite è stata Malaguti con l' f10 jet line e l'aprilia con l'amico e l' sr la prima piaggio sfera s'è vista dopo
    Enrico200941 -
  • 10. ma ne vale la pena??

    Io sono un ex possessore di tmax, il modello precedente di quello appena uscito........non ho niente da dire sulle qualita' del tmax.....pero' a parer mio con 10790 euro, io a settembre mi sono comprato la Honda Crossrunner, e con quei soldi ci sono almeno una trentina di modelli di moto che si possono acquistare, ed ho detto MOTO. Io ho avuto un yamaha majesty 400, un'honda silverwing 600, il tmax e poi sono passato alle moto, prima una Triumph tiger 800 e adesso il Crossrunner. Ad un potenziale acquirente di tmax direi che prima di acquistarlo, se ne andasse a provare la nuova Honda NC700X, gli rimarebbe 3800 euro in tasca e percorre i 27 km con un litro, e con un comodissimo vano porta casco.
    tmax18 -
  • 11. x tmax18...

    certo che ne hai cambiate di moto/scooter in poci tempo .,,,
    TakeItEasy -
  • 12. 2 caschi semintegrali?

    cit. "magari con il vano sottosella più ampio (qui ci stanno due semintegrali o un integrale più tuta antipioggia e oggetti vari)" mi sapete dire marca e modello dei caschi semintegrali che ci stanno nel vano sottosella? Sono sempre stata un'appassionata di Tetris ma stavolta proprio non riesco a trovare gli incastri... :-) Grazie mille,
    Gianna08 -
  • 13. T-Max o no?

    Ho avuto la possibilita' di provarlo per semplice curiosita' al "porte aperte yamaha" e devo dire che non fa proprio per me.L'avantreno non mi dava nessuna fiducia e poi quel motore perennemente imballato sui 4000 giri mi dava una strana sensazione.Se dovessi mai acquistare uno scooter sinceramente lo prenderei piu' leggero e di cilindrata piu' piccola,lo scooter e' nato per praticita' non per le prestazioni (per quelle esistono le moto).Ovviamente le mie valutazioni possono essere falsate dal fatto che possiedo una R1 e mi scuso preventivamente con gli amatori di questo scooter
    R1ossano9634 -
  • 14. Ottimo scooter ma il cupolino...

    Sono passato da in pochi mesi dal T max 2011 al nuovo modello 2012, devo dire che la prima differenza che ho notato è stata la ciclistica (come andare con un liberty, ACCIDENTI pero' agli specchietti bassi che si trovano alla stessa altezza di quelli delle auto ferme in fila..) il motore spinge bene (ma non è di certo il motivo per passare dal 2008 al 2012). Un problema che ho riscontrato (anche se mi sembra di essere l'unico) è il cupolino inutilmente regolabile: se si tiene nella posizione bassa, l'aria arriva negli occhi (vabbe' versione estiva), se si monta in posizione invernale al di sotto si apre un ampio passaggio che si incanala nel convogliatore, e l'aria arriva giusta nel petto (a cosa serve quindi?)..come protezione a mio avviso era decisamete meglio il MY 2008. Per il resto..a mio parere ha un'ottima estetica, suono piu' cupo e gradevole, ma i consumi sembrano invariati...
    JAHN -
  • 15. 11.000 euro per uno "scuter"...

    Come disse "uno" molto più saggio di me: "padre, perdona loro perchè non sanno quello che fanno" !!!!
    roby990smt -
  • 16. Rumorosità cinghia

    sicuramente è un ottimo scooter anche visto il prezzo, però noto un rumore fastidioso della cinghia andando piano e sopratutto in decelerazione , mi hanno detto che è perchè ha su pochi KM e la cinghia è nuova e va registrata al primo tagliando,speriamo sia vero perchè da proprio fastidio.
    roberto1505 -
  • 17. 180.000 pz venduti????

    -scusate ..siete sicuri ke in 11 anni ne siano stati venduti solo 180.000.. ma dove??? -vedete cari motociclisti.. (ho 57anni e lo sono stato pure io motociclista come dite Voi).. è vero costa come una "gran bella moto" e questo NON GLI FA ONORE ma sei riparato come su una spyder... va come 1 moto di pari cilindrata... nn hai il cambio tra le scatole.. se la sai capire ti diverti da morire. Nn andavo + in moto e da quando ce l'ho sono felice come 1 bambino la vigilia di Natale. Viva la diversità, se no sai ke noia. ciao a tt silverloren
    franco.chiesa -
  • 18. Tmax, gioie e dolori

    Che il tmax sia lo scooterone che piu si avvicina alla moto, questo è indubbio, ma è sempre uno scooterone. Detto questo, ne ho avuto uno 2002 con cui in 6 anni ho percorso 90000Km. Perfetto. L'attuale 2008, ne ha percorsi circa 40000km. personalmente mi trovo benissimo e forse solo l'aprilia mi farebbe cambiare scooter. I difetti che riscontro nel 2008 sono due, l'apertura della sella posta al contrario (e ripetuta nel modello 2012) e la posizione della batteria posta sotto il cupolino anteriore che per smontarla bisogna avere la laurea in scienze confuse ed applicate. Voto 9 al progetto Tmax e 7 alla politica commerciale Yamaha, che non puo far pagare 9/10mila euro uno scooter. Salute a tutti e buona strada
    bigluu -
  • 19. T-MAX

    Eh ragazzi, io la pensavo esattamente come tutti i motociclisti convinti che sia solo uno scooterone e nulla più..... Poi ho deciso di comprarlo per affiancarlo al mio Super Ténéré 1200..... Beh, da Gennaio, il mio T-MAX ha fatto 12000 km e il Super 2000..... Questo solo per dire che in quanto a praticità non ce n'è per nessuno, vado a lavorare tutti i giorni in scooter, se d'estate voglio andare al bar in infradito e braghe corte, non mi faccio nessun problema (non è bello da dire, ma è così) e ho una protezione aerodinamica da auto. Chiaro che se voglio andare sullo Stelvio, prendo il Super Ténéré, ma se non avessi la disponibilità economica per permettermi 2 moto, allora opterei tutta la vita sul T-MAX perchè il viaggio lungo e le "2 pieghe" senza esagerare e senza grosse pretese le fai benissimo lo stesso. Ciao!
    airis04 -
  • 20. Indeciso

    Concordo con boris04, il bello dello scooter é proprio la comoditá di salire e partire anche se sei in mutande e ciabatte....sei protetto come solo queste moto ti sanno dare. Ma il tmax è buono per tutto, sia in cittá che sulle curve o turismo. Però non è da paragonare a una moto, personalmente preferisco la postura della MOTO per il controllo sicuro di un 2 ruote. Deciso a prenderne uno dopo vari transalp/z750/speedmaster/bandit/klr/ecc.. finalmente provo il Tmax......delusione completa, non é una moto ma un super scooterone, ti senti trasportato, non usi le gambe per sostenerti, sei solo seduto non a cavallo quindi poco feeling se non hai un serbatoio che ti sostiene...alla fine ho optato per il versys 650 del 2010..a mio avviso non esiste più il paragone moto-scooter... e forse non sono ancora pronto per il tmax.
    Paolo65517 -
  • 21. t.max 2008

    ciao sono filippo sono possesore di un tmax 2008 ho fatto 14000 km e' molto versatile si usa bene in citta' che in montagna si fanno delle belle pieghe. come consumi vanno dai 20 andando piano ai 15 a manetta. avantreno stabile frenatura potente bloccaggio post. difetti sella molto larga e dura si appoggiano male i piedi.pompa benzina bloccata a 8000 km sostituita anche fuori garanzia
    filippo.571 -

Per poter inserire un commento devi essere un utente registrato.
Se sei registrato, effettua il login
Oppure clicca qui per registrarti