mostra aiuto
Accedi o registrati
MXGP

Shaun Simpson, quando il fango non intimidisce il pilota

- Quando la pioggia getta nello sconforto i box, c'è chi sa come trarne vantaggio sfruttando la testa
Shaun Simpson, quando il fango non intimidisce il pilota

Tornato in Europa per un week-end libero prima di andare in Patagonia, Shaun Simpson ha avuto la possibilità di riflettere sulla sua sensazionale vittoria nel GP in Indonesia.

«Ogni volta che piove in un GP, in particolare quando si tratta di pioggia torrenziale, lo vedo come un segnale positivo, perché c'è anta gente nel paddock che si lamenta. Mi piace abbastanza correre sul bagnato, ma non è questa la vera cosa positiva, ciò che è realmente positivo è che la maggior parte degli altri lo odiano. Mi fa sentire come se dovesse andare tutto bene.

«Questo è stato il mio atteggiamento già da sabato, la pista era bagnata e viscida e si doveva riuscire a tenere lo slancio nelle curve. In realtà ero un po' deluso quando domenica mattina ho visto come prima cosa che non aveva più piovuto. Temevo che la pista si sarebbe asciugata rapidamente, ma si sono creati velocemente solchi molto profondi. Molte zone erano abbastanza ben messe, ma si sono create parecchie di linee diverse e opportunità di passaggio. Ho iniziato settimo o ottavo, ma sono riuscito a risalire e vincere abbastanza comodamente.

«La zona paludosa occupava una parte vasta della pista. Tanta gente ha detto che era davvero emozionante da guardare, in realtà è stato molto divertente e voterebbero per avere una palude in ogni GP. Non c'era molto tempo per vincere o perdere, a meno che non si rimanesse bloccati, e riuscivo a tenere un buon tempo nelle altre parti della pista, e non solo il fatto di riuscire a non impantanarmi nella palude ad ogni giro.«

Si potevano fare diverse scelte nelle curve, io le prendevo dall'esterno e facevo salti, mentre gli altri prendevano la traiettoria più diretta all'interno e passavano sopra ai salti. Devi solo avere il cervello connesso. Nella maggior parte dei GP, i terreni sono così curati che tutti possano fare tutto. Mi piace il fatto che si possa lavorare sui solchi e usare il cervello, mentre gli altri seguono il leader.

«Credo che questo sia motocross vero.. In tanti l'hanno definito enduro e ci sono stati aspetti che lo hanno ricordato. Ma l'enduro è solo motocross su una scala più lunga. Direi che stavo spingendo il più possibile e vincere significa fare ciò che gli altri non fanno. È stata una grande dimostrazione di ciò che il motocross dovrebbe essere e le piste sono così difficili solo quando piove. Se andiamo da qualche parte dove la pista è stata cotta dal sole per settimane ed è solo innaffiata un paio di giorni prima, si crea soltanto un terreno scivoloso, diventando più simile a corse su strada fatte sullo sterrato.Sono un po' un pilota della vecchia scuola, penso a dove sto guidando e al set up della moto, alla fine questo atteggiamento ha pagato.»
E con la pioggia prevista domenica per la Patagonia, chi sa cosa verrà dopo?

Petar Petrov avrebbe dovuto ricominciare in settimana gli allenamenti, ma la sua caviglia non sarebbe ancora abbastanza forte per affrontare le fatiche del GP della Patagonia, così il 22enne francese Yannick Fabre sostituirà il bulgaro nel team ufficiale Kawasaki MX2 a Villa La Angostura.

Fabre, pluricampione regionale in Provenza, non ha mai guidato a livello internazionale, ma recentemente ha sconfitto Cedric Soubeyras e Damon Graulus in un internazionale a La Fare. Petrov dovrebbe tornare a correre in Messico.

  • mamo22, Tortona (AL)

    in passato spesso si correva col fango al limite... vedi foxhill e gp spagna negli anni '90.. in tempi recenti sul fango andava forte DP19 o Febvre... vedi maggiora 2015...
    anche puzar sul fango si difendeva bene, mudman, anche camerlengo ...
Inserisci il tuo commento