mostra aiuto
Accedi o registrati
motocross

Internazionali d'Italia MX 2016. A Bobryshev l’Elite, a Van Horebeek la MX1

- I due protagonisti della 450 danno spettacolo in entrambe le classi e si spartiscono un titolo a testa; Cervellin fa suo quello MX2 e Rubini l’MX125

Come da previsione la terza ed ultima tappa è vissuta sul testa a testa tra Evgeny Bobryshev e Jeremy Van Horebeek che sulle buche di sabia di Ottobiano hanno letteralmente volato. L’ufficiale Yamaha l’ha spuntata con merito e determinazione nella MX1, che lo ha visto scavalcare Max Nagl al secondo giro e mantenersi sicuro al comando sino al traguardo dove ha preceduto Bobryshev e il tedesco della Husqvarna assicurandosi così il titolo 2016.


La classe Elite ha avuto un esito fotocopia, ma questa volta il mattatore è stato Bobryshev che si è portato al comando nelle prime battute di gara dribblando Nagl e tenendo a denti stretti la posizione di leader nonostante i ripetuti attacchi di Van Horebeek. Un duello ai massimi livelli, terminato in favore del pilota HRC che si è anche fregiato del titolo con 20 punti di vantaggio sul suo inseguitore.


Altra prova di forza anche nella MX2, che ha registrato la fantastica rimonta del leader Michele Cervellin conclusasi praticamente a quattro giri dalla fine quando si è portato in testa concludendo la gara con vittoria e titolo. Il francese Stephen Rubini ha chiuso con un’altra affermazione nella MX125 dopo essersi spartito un primo ed un secondo posto con il danese Mikkel Haarup che gli ha permesso di salire sul gradino più alto del podio anche nella classifica finale di campionato.


In evidenza anche Tim Gajser, 4° della Elite e 6° nella MX1, il privatissimo Tanel Leok, 4° MX1, il sudafricano Calvin Vlaanderen, 2° MX2, e Simone Zecchina 5° MX2.

  • zuffo7101, Piacenza (PC)

    con la vittoria di ieri del nostro questurino cervellin viene da chiedersi perchè sprecare un anno nell europeo emx 250 quando già il mondiale mx2 è un campionato non assoluto ma protetto e riservato e limitato agli u 23..
    capisco il gas di poter usare le parole "ho fatto il primo", "vinco",in una nazione come l italia abituata ai confronri fra due squadre dove c è chi vince e c è chi perde ma il motociclismo è uno sport individuale dove può esser buono anche un ottavo o un decimo posto..
    certo che convincere di questo gli sponsor extrasettore non è facile..
  • DrBerry, Rosignano Monferrato (AL)

    Dite che Bobry ce la fa a migliorare la terza posizione del 2015 nel mondiale? Io dico di si, sembra anche molto a posto con la moto, lui è in grande pompa. Alè Bobry!!!

    Parere personalissimo: la internazionale di Ottobiano scavata come oggi è una pista con i controca@@i!!! Merita il mondiale!!!
Inserisci il tuo commento