mostra aiuto
Accedi o registrati
Salone di Milano

EICMA 2017. Rea : “Sono la vittima designata dei nuovi regolamenti”

- Il campione SBK intervistato nel nostro stand a Eicma. Rea è in disaccordo con i nuovi regolamenti, che lo penalizzeranno: ma proprio per questo è ancora più motivato a confermarsi campione. E la MotoGP può attendere

Il tre volte campione del mondo Superbike, Jonathan Rea, è venuto a trovarci al nostro stand all’Eicma ed è stato come sempre sincero e diretto. Inizialmente ci ha parlato di questa incredibile stagione 2017, una cavalcata trionfale durante la quale ha raccolto un numero incredibile di successi, arrivando a superare il numero di vittorie in gara di Troy Bayliss, un pilota che per Johnny è sempre stato idolo.

Ma il passato è già alle spalle, e bisogna pensare alla prossima stagione e ai nuovi regolamenti. E qui Rea non le ha mandate a dire alla Dorna, affermando di essere completamente in disaccordo con la decisione di penalizzare la moto più competitiva ogni tre round e di sentirsi la vittima designata di queste regole.
Pur comprendendo le intenzioni del promoter spagnolo, che vuole livellare i valori in campo a favore dello spettacolo, l'irlandese ritiene scorretto penalizzare una moto nel corso della stagione. Preoccupato dunque, ma non certo demoralizzato, Rea è convinto che comunque alla fine saranno la moto e il pilota migliore a vincere, ed è quindi ansioso di tornare in pista e confermarsi campione.

Così come campione si è dimostrato Kenan Sofuoglu che, pur non avendo vinto il campionato Supersport, secondo Johnny ha compiuto un'impresa fantastica, rischiando moltissimo.
E, per finire, non poteva mancare un accenno alla MotoGP: infatti sono in molti a chiedergli quando e se si trasferirà nella classe regina. Rea rimanda tutti alla fine della prossima stagione, quando terminerà il suo contratto con la Kawasaki. E naturalmente è convinto di poter fare bene anche in quella categoria, a condizione di avere la moto giusta. In caso contrario, meglio restare in Superbike, un ambiente che gli piace molto, con un’azienda e un team fantastici che lo aiutano a vincere.  

 

  • babau551

    Rea ha ragione da vendere. Hanno fatto una vera porcata per avvantaggiare i soliti noti. Mi piace sempre più questo campione...pochi versi...poche fanfare...e molti fatti. Apprezzo moltissimo anche il suo modo diretto e privo di "politichese" di dire le cose.
    Vai Johnny! Stracciali tutti!
  • Andrea.Turconi, Rho (MI)

    E' ora che le case prodruttrici si riuniscano e facciano un vero campionato di moto serie:

    Tornare alle origini 750 4 cilindri, 950 per le 2 cilindri e ci possiamo aggiungere 800 per le 3 cilindri, via elettronica e dotazione di serie PUNTO.
Inserisci il tuo commento