mostra aiuto
Accedi o registrati
RECENSITO

Befast Interceptor e Madmax. Recensione guanti in pelle

- Vi presentiamo due interessanti modelli di guanto in pelle, perfetti per chi ha una moto streetfighter o cafe-racer. Sono prodotti certificati. Prezzi a partire da 65 euro. Info: www.motoabbigliamento.it
Voto della redazione
7,0

Guanti? Il settore è molto affollato e ce ne sono davvero per tutti i gusti, ma trattandosi di un capo di abbigliamento così a contatto con la nostra pelle, è indispensabile che un guanto sia di buona qualità e con una buona conformazione.

Quando abbiamo ricevuto in redazione le nuove proposte firmate Befast e commercializzate da Motoabbigliamento, ci siamo subito accorti che Interceptor e Madmax sono due ottimi prodotti, molto accattivanti anche dal punto di vista estetico.

Interceptor (65 euro + iva) ha una protezione rigida su nocche e soft sulle dita, con inserti in pelle elasticizzata. Madmax (69 euro + iva) ha protezioni rigide su nocche e dita e l'imbottitura protettiva sul palmo. Entrambi sono realizzati in pelle ovina con spessore di 0,6 e 0,8 mm.

Per info e acquisti: www.motoabbigliamento.it 

  • DettoFatto, Lodi (LO)

    Ragazzi scusate se propongo un chiarimento...

    una cosa è la MARCATURA CE (ossia l'apposizione sul prodotto di un'etichetta riportante il simbolo CE) e un'altra cosa è la CERTIFICAZIONE di un prodotto.
    La prima viene fatta dal fabbricante (o dall'importatore ecc, in accordo alla direttiva prodotti) mentre la seconda è fatta da un ente terzo che, a seguito di una serie di test, CERTIFICA appunto che il prodotto supera i test di una determinata normativa.
    Lascio a voi stabilire in quali dei due casi (parlo in generale, SENZA riferimento al prodotto in esame) un consumatore possa sentirsi più o meno "tutelato"... (suggerisco di fare una ricerca su internet al riguardo).

    MARCATO CE dunque è diverso da CERTIFICATO.

    Certo è molto positivo che vi siano aziende che stanno andando nella direzione di produrre capi per motociclisti in accordo alle norme di prodotto, che comunque in molti casi sono ancora facoltative (quindi è già un passo avanti).

    ciao
  • Diegoman78, Torino (TO)

    Gentile redazione, ma la certificazione dei quanti che recensite a quale normativa UNI fa riferimento?
    Grazie.

    Saluti.
Inserisci il tuo commento