mostra aiuto
Accedi o registrati
TEST 2017

Test MotoGP Day3. Rossi: "Cercheremo strade diverse"

- Undicesimo a quasi un secondo dal compagno di squadra. La tre giorni di test di Rossi si chiude con risultati deludenti. "Tanto lavoro ma non abbiamo risolto molto" è il commento di Vale
Test MotoGP Day3. Rossi: Cercheremo strade diverse

Tre giorni difficilissimi per Valentino che non migliora e sembra non aver trovato la direzione di sviluppo della sua Yamaha. Nell’ultimo giorno in Australia gira la metà del compagno di squadra (52 lap contro 101 dello spagnolo) e finisce staccato di 0.921 dalla vetta.

«Abbiamo fatto tanti cambiamenti e tanto lavoro, ma non abbiamo risolto molto. Diciamo che abbiamo ancora dei dubbi. Adesso abbiamo parlato e cercheremo di seguire strade diverse in Qatar. Il telaio mi piace, abbiamo lavorato per salvare di più la gomma posteriore, ma dopo un po’ di giri rallentiamo troppo».

 

Che sensazioni hai avuto dai pneumatici?

«Ho provato qualche anteriore e qualche posteriore e ci son delle cose abbastanza buone».

 

Pensi che abbiate fatto un passo indietro rispetto alla Malesia?

«Più o meno la moto è quella. In Malesia ero riuscito a fare un buon tempo e quindi se contiamo la distanza dai primi qui è peggio».

 

Quanto sono indicativi i tempi su questa pista?

«Sono abbastanza indicativi. La pista è strana, ma sono tutti molto veloci e anche qui, come in Malesia i più veloci sono stati Marquez e Vinales quindi dovremo cercare di arrivargli più vicino».

 

Qual’è l’aspetto che promuovi di questi test?

«Abbiamo lavorato sull’elettronica e anche il motore non è piuttosto buono però ancora c’è da fare. vediamo come va in Qatar e cercheremo di avere le idee più chiare per la prima gara».

  • Mr70a+, Tirano (SO)

    Io ne sono profondamente convinto,e lo ripeto da mesi,Valentino alla prima gara arriverà preparato fisicamente.E'un determinato,un'atleta integro,e almeno sul piano atletico potrà giocarsela. Hanno fatto dei tour promozionali che certo servono tantissimo per le case,ma per un'uomo oltre i trenta e'solo un'inutile spreco di energie e un'impedimendo ad allenarsi.Aerei fusi orari abitudinini alimentari,che su una metodica di un ventenne non urta più di tanto probabilmente,invece più avanti con l'età se ne ha pieni i ... Per me con l'età su un pilota motivato,sempre sul pezzo,non credo che in velocità pura perdi più di tanto,magari anche nulla,ma sono convinto invece che si perde su un fattore per me determinante,cioè l'improvvisazione.Si i piloti giovani,talentuosi ovvio,hanno dalla loro la rapidità a guidare sopra i problemi del mezzo,ad adattarsi al cambiamento degli asfalti.Invece Rossi e anche Lorenzo la loro esperienza li imprigiona in meccanismi di pensiero basati su avere tutto sotto controllo prima di poter dare il 100%.Ovviamente se Rossi e Lorenzo riusciranno nelle gare,alla domenica ad avere il mezzo a puntino potranno giocarsela.Se no se servirà l'improvvisazione,credo che in loro prevarrà l'istinto di conservazione,cosa che ai giovani fenomeni come Marquez e Vinales per ora sembra sconosciuto..Loro tengono sempre aperto,anche se la moto ondeggia o il dietro tende a scappare.Credo che batterli sarà durissima.L'unica possibilità sarà arrivare ogni domenica con un mezzo a puntino,e con la fiducia totale nel pneumatico.bye
  • MAXPAYNEIT, Fusignano (RA)

    Alla luce di questi test,che per me comunque rimangono non veritieri,sulle reali potenzialita' in campo,rimane un fatto. Per quanto rossi sia bravo e prestante,l'eta' anagrafica inizia a farsi sentire. Lo dimostra l'espressione affaticata del vale,in questi giorni. Puoi allenarti finche' vuoi,puoi star a dieta,fare ogni tipo di cosa....ma a questi livelli,l'eta' conta piu' di tutto il resto. Non parlo di capacita',che rossi ha dimostrato ampiamente di avere,in tutti questi anni,ma parlo di tenuta fisica,quella mentale rossi ce l'ha.
    L'eta',purtroppo NON E' un opinione,e chi vi parla ha 40 anni e nel suo piccolo si e' accorto che le cose son cambiate da quando ne avevo 20. La natura non la inganni piu' di tanto.
    Onore delle armi a rossi e alla tenacia e capacita' che ci mette,ma l'immortalita' fisica,rimane roba da film fantastici,purtroppo.
    Mi piacerebbe che tutti quanti,tifosi e detrattori,si rendessero conto di questa cosa,e la smettessero con i soliti assolutismi,che un tempo erano bambinate,oggi sono ridicoli.
    Valentino a mio avviso e' piu' vicino agli altri bambinetti,di quanto si pensi,rimane da capire,quanto piu' vicino e se in condizioni meteo estreme,il fisico gli tiene ancora botta per la durata di un intera gara. Spero di si',almeno si vede un po' di bagarre nelle prime posizioni,se rimane una faccenda per i tre spagnoli,allora non guardo neanche il campionato....
Inserisci il tuo commento