mostra aiuto
Accedi o registrati
test motogp

MotoGP. Ma Stoner torna a correre?

- In Ducati non hanno dubbi: lo riaccoglierebbero a braccia aperte. Nei box in tanti credono che succederà, anche Valentino
MotoGP. Ma Stoner torna a correre?

SEPANG – A buttare benzina sul fuoco delle speranze dei “ducatisti” ci ha pensato l’ingegner Gigi Dall’Igna: «Se Stoner ce lo chiedesse, lo faremmo correre in Qatar». Ce n’è abbastanza per sognare ad occhi aperti, anche se, poche ore dopo, è lo stesso Casey Stoner a placare gli entusiasmi: «Non ho nessuna intenzione di tornare a fare il pilota» ha detto inequivocabilmente, al di là del suo “australiano” a volte difficilmente comprensibile. Chi lo conosce bene, però, come i suoi ex meccanici alla Ducati prima e alla Honda poi, assicura che: «Difficile che Casey si impegni così tanto solo per fare il collaudatore». Un pensiero che condivide anche Valentino Rossi: «Secondo me ha voglia di correre, al contrario non sarebbe qui…» è la valutazione del campione di Tavullia. Che aggiunge: «Sarebbe figo, renderebbe ancora di più alto livello un campionato già con piloti fortissimi».


Comunque sia, come era prevedibile, la presenza di Stoner a Sepang assieme ai piloti ufficiale ha catalizzato grandi attenzioni, ha fatto fare ogni tipo di ipotesi, ha reso ancora più avvincente la MotoGP, e i tempi realizzati da Casey hanno confermato che l’australiano se la potrebbe giocare con i migliori del mondo, nonostante non corra un GP dal 2012.


«L’ho sempre considerato un pilota velocissimo, ma i suoi risultati sorprendono un po’ anche me: dopo tanto tempo, pensavo facesse un po’ più fatica. Ma l'essere subito veloce è una delle sue caratteristiche: credo sia l’unico pilota al mondo in grado di essere così efficace dopo una pausa tanto lunga» spiega Andrea Dovizioso, alle prese, come il compagno di squadra, con tanti piccoli problemi di gioventù della Desmosedici, il cui debutto non è stato certo esaltante («ma il potenziale è buono» dice il Dovi»).

 

SERENITA’ APPARENTE

Apparentemente, i due piloti ufficiali non sembrano soffrire troppo per le prestazioni di Stoner, che ha chiuso la giornata davanti a tutti i piloti Ducati. «Non sono sorpreso delle sue prestazioni – dice Andrea Iannone -: l’ho sempre reputato un grandissimo talento e sapevo che sarebbe stato veloce. Per me è positivo che sia qui, e ho potuto confrontare i miei dati con i suoi: non sono lontano da Casey e ho potuto prendere spunti per migliorare». Insomma, i due Andrea per il momento l’hanno presa bene, non sembrano troppo infastiditi dalle prestazioni dell'australiano. Forse perché sono convinti che non correrà. Sicuramente, non se lo ritroveranno “tra le ruote” a Phillip Island («Casey non prova in Australia» ha detto categorico Dall’Igna»), mentre in Qatar dovrebbe girare solo con i collaudatori. «Dopo il test faremo delle valutazioni», è stato vago Dall’Igna. «Non corro di sicuro» ha ribadito Casey, che, ricordiamolo, nel 2012 se l’era presa con chi diceva che si sarebbe ritirato, per poi annunciarlo ufficialmente pochi giorni dopo. La mia previsione è che Stoner non correrà: sotto questo aspetto, fino adesso le ho sbagliate tutte. Sinceramente, spero di sbagliarmi anche questa volta.

 

IL SONDAGGIO

 

  • DrBerry, Rosignano Monferrato (AL)

    Per chi volesse sbattersi un pò in rete:

    guardate lo sfilamento delle forcelle di tutti i piloti Ducati, dalla GP14,2 alla GP16, poi guardate quelle di CS27 sulla GP15...basta poco per capire: 6 cm gli altri e 1.5 cm la sua per caricare il posteriore e avere maggiore sensibilità sull'anteriore con la forcella che flette di più...eh, che classe il pescatore...UNICO!!! Certo che se usa questi assetti "centrati" sulla geometria del telaio agli altri sarà di poco aiuto. Poi le dichiarazioni dei tecnici Ducati sulla sua telemetria chiude il cerchio e toglie tutti i dubbi.

    TORNA CASEY AL MUGELLO, firmate su FB la petizione per convincerlo (sempre che ce ne sia bisogno, io credo di no...)!!!
  • CAIMANO74, Genova (GE)

    Secondo me la politica di Stoner è quella di ripresentarsi come collaudatore, tanto per sondare un po' il terreno dopo anni di inattività : e una volta, come auspico, che le sue comparse saranno più che altro da protagonista quale è, deduco che opterà per un rientro più presente in MotoGP.
    Vai Stoner, in bocca al lupo !!!
Inserisci il tuo commento