mostra aiuto
Accedi o registrati
GP DI FRANCIA

MotoGP 2017. Vinales in pole a Le Mans. 2° tempo per Rossi

- Dominio Yamaha con Maverick Vinales in pole, Valentino Rossi secondo e Johann Zarco terzo. Sesto Andrea Dovizioso, 17esimo Andrea Iannone, 19esimo Danilo Petrucci
MotoGP 2017. Vinales in pole a Le Mans. 2° tempo per Rossi

LE MANS – Dominio Yamaha con Maverick Vinales in pole, Valentino Rossi secondo e Johann Zarco terzo. Sesto Andrea Dovizioso, 17esimo Andrea Iannone, 19esimo Danilo Petrucci.


Basta poco e si ribalta tutto: dopo il dominio Honda di Jerez, ecco una prima fila tutta Yamaha, con Vinales primo con 106 millesimi di vantaggio su Rossi e 235 sull’idolo locale Zarco. La prima Honda è quella di Cal Crutchlow (al comando dopo il primo tentativo), quarto, con Marc Marquez quinto, dopo una caduta nei primi giri, e Andrea Dovizioso a completare la prima fila.


«Dobbiamo migliorare un po’ la moto in qualche staccata, ma nel complesso la moto si comporta bene» è stato il primo commento di Vinales, in pole per la seconda volta in questa stagione. In due giorni condizionati pesantemente dal meteo, nel pomeriggio si è girato, di fatto, per la prima volta con l’asfalto completamente asciutto e le Yamaha sono sembrate decisamente più a loro agio rispetto alla gara precedente.


«Nelle FP4, primo turno sull’asciutto, sono sempre stato veloce: rispetto a Jerez abbiamo cambiato qualcosa e andiamo meglio, anche il grip dell’asfalto ci aiuta. Potevo forse fare anche un po’ meglio in qualifica, ma nel primo giro con la seconda gomma sono stato rallentato, involontariamente, da Miller (poi caduto all’ultima curva, NDA)» conferma Valentino, decisamente più sereno e soddisfatto rispetto a quindici giorni fa, quando la Yamaha M1, versione 2017, sembrava soffrire tanto per la mancanza di grip e le elevate temperature. La 2016, invece, è sempre andata bene e Zarco può celebrare la sua prima fila in MotoGP.


«In tribuna ho visto i tifosi alzarsi: pensavo fosse per Rossi, invece era per me… Incredibile, sono emozionato e miglioro giro dopo giro» ha gioito il francese, sempre più a suo agio tra i grandi della MotoGP.


BENE DOVIZIOSO, MALE LORENZO

In Casa Ducati, si festeggia la buona prestazione di Dovizioso, costretto a passare, ancora una volta, dalla Q1. Questa volta, però, il Dovi non ha sbagliato, è passato in Q2 con il miglior tempo, per poi conquistare un soddisfacente sesto posto sullo schieramento di partenza, a 0”732 da Vinales. In difficoltà, invece, Lorenzo, che domani dovrà scattare dalla sesta fila con il 16esimo tempo, dopo essere stato addirittura ultimo nelle FP3, al termine delle quali c’è stato un velenoso scambio di battute tra il team manager Davide Tardozzi («perché sei andato così piano» avrebbe detto Tardozzi) e Lorenzo («ma cosa vuoi» avrebbe risposto il pilota), rientrato poi con un chiarimento tra i due. Purtroppo, però, sono rimasti i problemi in Q1 e Lorenzo ha eguagliato il peggior piazzamento stagionale (in qualifica) ottenuto in precedenza in Argentina. Una sorpresa, dopo la prestazione di Jerez e considerando che Le Mans è un’altra pista amica di Jorge, che però ha sempre sofferto, anche in passato, le condizioni climatiche come quelle di Le Mans.

 

HONDA, MENO INCISIVA

Qualche problema più delle aspettative per la Honda, con Marquez finito a terra sia nelle FP4 sia nei primi giri in qualifica, anche se, sulla distanza, Marc non è poi messo così male. Per Pedrosa, invece, errore di strategia in Q1: Dani ha ignorato la segnalazione dei box che lo invitava a rientrare, è rimasto in pista sempre con le stesse gomme e, dopo aver conquistato il primo tempo, è stato beffato da Dovizioso e Zarco. Per lui, quindi, una difficile partenza dalla quinta fila con il 13esimo tempo.

 

BRAVA KTM

Un applauso per la KTM: grazie anche alle condizioni del mattino, entrambi i piloti sono approdati direttamente in Q2, conquistando poi un buon ottavo (P.Espargaro) e decimo posto (Smith): bravi.

 

CLASSIFICA

Pos. Num. Pilota Nazione Team Moto Km/h Data e ora Distanza 1Prev./st
1 25 Maverick VIÑALES SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 303.0 1'31.994  
2 46 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 302.1 1'32.100 0.106 / 0.106
3 5 Johann ZARCO FRA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 300.0 1'32.229 0.235 / 0.129
4 35 Cal CRUTCHLOW GBR LCR Honda Honda 302.9 1'32.300 0.306 / 0.071
5 93 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 300.6 1'32.493 0.499 / 0.193
6 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 307.5 1'32.726 0.732 / 0.233
7 45 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Racing Ducati 306.6 1'33.119 1.125 / 0.393
8 44 Pol ESPARGARO SPA Red Bull KTM Factory Racing KTM 302.4 1'33.399 1.405 / 0.280
9 17 Karel ABRAHAM CZE Pull&Bear Aspar Team Ducati 303.7 1'33.517 1.523 / 0.118
10 38 Bradley SMITH GBR Red Bull KTM Factory Racing KTM 296.4 1'33.629 1.635 / 0.112
11 43 Jack MILLER AUS EG 0,0 Marc VDS Honda 299.3 1'33.756 1.762 / 0.127
12 76 Loris BAZ FRA Reale Avintia Racing Ducati 298.8 1'33.955 1.961 / 0.199
  • corivorivo, Padova (PD)

    Miller è stato preso per i capelli dalla mano di Dio, mentre io vi ho sempre preso per il culo col mio titolo farlocco...
  • John Fogerty, Roma (RM)

    tempo fa VR accenno' a problemi delle Michelin e poi casualmente c'e' stato un GP disastroso per Yamaha.. poi Lorenzo inizia a parlare male delle Michelin e stiamo assistendo a casuali difficolta' per le Ducati.. a tenere traccia degli eventi si potrebbe ricostruire un giallo della serie "Parlare male delle Michelin porta male" per cui fa bene il Dovi quando gli chiedono "preferisci la 070 o l'altra?" a rispondere "per me va bene sia l'una che l'altra" ... MotoGP in mano ai gommisti e tra l'altro pure le gomme Michelin Power RS per moto stradali non e' che stanno facendo successo per quel che mi risulta ...
Inserisci il tuo commento