MotoGP

gp di Aragon

Marquez sempre più potente in HRC

Perché Marc Marquez ha chiesto (e ottenuto) per il 2014 di sostituire tre meccanici italiani? Perché la HRC ha assecondato le richieste del pilota? | G. Zamagni, Aragon

marquez43

 ALCANIZ – Spunti, considerazioni, domande dopo le libere del GP di Aragon.


Perché Marc Marquez ha chiesto (e ottenuto) per il 2014 di sostituire tre meccanici italiani (Bruno Leoni, Giulio Nava e Filippo Brunetti)?

Risponde Marquez: “E’ stata una mia richiesta. Per la verità, già l’anno scorso avrei voluto portare con me la mia squadra della Moto2, ma non era stato possibile. Glielo avevo però promesso e adesso la situazione è cambiata. Il mio sogno è sempre stato quello di avere come una famiglia dentro al box e con i meccanici con i quali ho vinto il mondiale della Moto2 lavoravo da molto tempo: oggi la HRC mi ha accontentato. Sia chiaro, non ho nulla contro i ragazzi che mi seguono quest’anno: anzi, sono molto professionali, hanno fatto un gran lavoro e mi hanno aiutato molto nel mio primo anno in MotoGP. A me piace passare tante ore dentro al box, per questo ho chiesto di cambiare”.

Bruno Leoni, Giulio Nava e Filippo Brunetti verranno sostituiti dal telemetrista Hugo Brucher (che nella sua vita non ha mai lavorato su una Honda MotoGP), Javier Ortiz e Jordi Castilla, che affiancheranno gli italiani Roberto Clerici, Andrea Brunetti e l’ingegnere Carlo Luzzi.


Perché la HRC ha assecondato le richieste del pilota?
E’ chiaro che in HRC vogliono tenersi ben stretto il nuovo fenomeno del motociclismo mondiale e assecondarlo in una richiesta così particolare, in una stagione tanto positiva per Marquez, appare come una dimostrazione di gratitudine, un modo per tenersi stretto Marc. “Sicuramente è un gesto che apprezzo molto da parte della Honda” ha infatti commentato Marquez, che, chiaramente, assume sempre più potere nei confronti della più potente Casa giapponese. Perfino troppo? E’ chiaro che questa decisione – oltre naturalmente ai risultati – fanno di Marquez sempre più il numero uno della HRC, con Dani Pedrosa tutt’altro che felice. “A me non importa molto chi sono i suoi meccanici, ma quando io sono arrivato in HRC non mi hanno lasciato fare certe cose” ha sibilato Dani, sempre più “calimero” e sempre più numero due.


Chi è stato il più costante?
E’ una bella sfida tra i due rivali della HRC, con Pedrosa che ha inanellato più giri veloci: 1’49”665, 1’49”254, 1’49”535, 1’49567, 1’49 795 e 1’49814 per Pedrosa nella prima uscita, ai quali vanno aggiunti l’1’49”885 e l’1’49”624 della seconda. Questo invece il cronologico di Marquez: 1’49”190, 1’48”987, 1’49”449, 1’49”466, 1’49”931, 1’49”875, 1’49”876. Poi c’è Bradl: 1’49”961, 1’49”851, 1’49”518, 1’49”119, ma il tedesco del team Cecchinello ha fatto i suoi giri veloci con la gomma nuova. Quindi Lorenzo: 1’49”405, 1’49”925, 1’49”621, 1’49”822. Seguono Rossi, Bautista e Crutchlow.


Il distacco di Andrea Dovizioso – 1”047 – è leggermente più contenuto rispetto ad altre volte: si può sperare in una gara migliore del Dovi e della Ducati?
Risponde Dovizioso: “No, la situazione è del tutto simile alle altre volte: sul passo, il nostro distacco è di 1”2-1”3, in linea con i precedenti GP”.


Come va considerato il debutto di Luca Scassa, 21esimo a 4”351 dalla pole provvisoria?
Tutto sommato positivo. Tolto Aleix Espargaro, che con la ART è nono a 1”068 da Marquez, il confronto con gli altri compagni di Marca è decisamente meno penalizzante per Luca, che prende 1”6 da Randy De Puniet, che ha ben altra esperienza con questa moto, i freni in carbonio (mai utilizzati prima da Scassa) e, naturalmente, le difficilissime gomme Bridgestone, ed è a soli 0”118 da Laverty. Insomma, l’inizio è incoraggiante.

Sono stati inseriti 3

Commenti

. Commenta
  • 1. Figli e figliastri

    Il mondo delle competizioni sportive è brutale e la Motogp è forse un pò più brutale perché conta salire primi sul podio. Punto. Pedrosa fa bene a risentirsi della differenza di trattamento all'interno del box e fa bene: i giapponesi saranno i migliori e i primi al mondo con le loro moto ma di certo ne sanno niente o se ne fregano della psicologia, di come poi si sente una persona a causa delle loro decisioni, sebbene quella persona sia un campione come Pedrosa.
    CivClandestino -
  • 2. Brava HRC!

    Secondo me la Honda unisce l'utile al dilettevole, accontenta Marquez e libera i meccanici di Stoner, magari prende due piccioni con una fava...
    RobyS4 -
  • 3. marquez,marquez!!!

    secondo il mio modesto parere squadra che vince non si cambia, l'unica cosa che sono portato a pensare e' che(forse sogno troppo,potrebbe farmi male!) e' che l'allontanamento dei meccanici storici di stoner siano il presupposto di un suo ritorno, certo,se entro fine anno verranno sostituiti tutti i meccanici italiani vuol proprio dire che casey tornera'.
    jarno7491 -

Per poter inserire un commento devi essere un utente registrato.
Se sei registrato, effettua il login
Oppure clicca qui per registrarti